Aggredito il marito di Dijana Pavlovic: “Stai con la zingara che va in tv”

Sconosciuti hanno aggredito a Milano Paolo Cagna Ninchi, marito della nota attivista rom Dijana Pavlovic

Affari Italiani • 8/11/2016 • Diritti umani & Discriminazioni, Osservatorio razzismo & discriminazioni • 1806 Viste

La sera del 4 novembre a Milano Paolo Cagna Ninchi, presidente dell’associazione Upre Roma, impegnata in attività e progetti contro la discriminazione  e per l’inclusione della comunità rom, è stato aggredito sotto casa da una persona a lui sconosciuta che lo avrebbe insultato perché sua moglie “è la zingara che va in televisione”.

Si tratta di Dijana Pavlovic, nota attivista Rom che da tempo è minacciata e molestata sia sui social network, sia nel quartiere nel quale vive. Il presidente di Upre Roma ha riportato una lesione al timpano dell’orecchio sinistro con conseguente intervento chirurgico e lungo decorso di guarigione.
“Si tratta – recita un comunicato di Upre – di un crimine d’odio come tanti altri che i Rom e i non rom che ‘li difendono’ (che nella classifica della mentalità razzista sono peggio dei rom stessi) subiscono. Una famiglia normale con un bambino di 7 anni che abita in una periferia di Milano è costretta da tempo a vivere nella paura di scendere sotto casa per portare fuori il cane o a fare la spesa nel supermercato per il solo fatto che è classificata come una famiglia zingara. Denunciamo come associazione questo crimine a palese sfondo razziale attuato in un clima di odio e di insofferenza  che sfoga il proprio malessere sulla fragilità altrui, immigrati o ‘zingari’ che siano, chiediamo a Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale) che intervenga con decisione nel condannare i crimini d’odio e che si impegni per migliorare la legislazione che condanna questi crimini”.

“Infine – prosegue la nota – sollecitiamo l’amministrazione di Milano, che ha speso grandi parole durante la campagna elettorale sulle periferie, a passare ai fatti. La zona viale Ungheria, luogo dell’aggressione e luogo di mescolanze umane, culturali, di condizioni materiali diverse è abbandonata a sé stessa,  mai una volante di polizia e di polizia locale (come viceversa nella vicina Santa Giulia, fiore all’occhiello dell’amministrazione e luogo socialmente omogeneo e superprotetto), nessuna telecamera, nessun  presidio sociale per giovani o anziani, nessun servizio socio-culturale (nello spazio di 100 metri ci sono si ben cinque bar, luoghi diciamo così di ‘aggregazione di bravi italiani’ – macchinette mangiasoldi, risse tra ubriachi, eccetera – ma per comprare un libro o per andare a un cinema bisogna prendere il tram o la metro). C’è bisogno non di costosi progetti di ‘riqualificazione urbana’ intesi come interventi  immobiliari, ma in meno costosi ma più rapidi ed efficaci interventi sulla vivibilità umana di posti che, come viale Ungheria, sono luoghi di solitudine spirituale, di vuoto sociale e culturale che producono esclusione, insofferenza e odio”.

Segui su Affari Italiani

Articoli correlati

5 per mille

One Response to Aggredito il marito di Dijana Pavlovic: “Stai con la zingara che va in tv”

  1. Rino ha detto:

    Caro Paolo,sono desolato,ho saputo soltanto ora dopo mesi e ciò è probabilmente imperdonabile. Il tuo impegno è encomiabile per coraggio,dignità spessore intellettuale. È una vita che ti batti contro le ingiustizie e sono fiero di esserti amico. Informami sulle tue iniziative e vorrò ad esse contribuire. Un abbraccio Rino gualtieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This