Chi si ricorda di Mauro Rostagno? Lunedì 26 un convegno a Milano

NULL LA MEMORIA, IL PRESENTE Informazione, dipendenze e accoglienza, lotta alle mafie UN RICORDO DI MAURO ROSTAGNO Sono passati molti anni da quel 26 settembre 1988, giorno in cui Mauro Rostagno veniva assassinato davanti alla Comunità Saman di Lenzi, vicino a Trapani, che aveva contribuito a fondare e a rendere un porto accogliente per tante [&hellip

redazione • 21/9/2005 • Vecchie News • 286 Viste

NULL

LA MEMORIA, IL PRESENTE Informazione, dipendenze e accoglienza, lotta alle mafie UN RICORDO DI MAURO ROSTAGNO Sono passati molti anni da quel 26 settembre 1988, giorno in cui Mauro Rostagno veniva assassinato davanti alla Comunità Saman di Lenzi, vicino a Trapani, che aveva contribuito a fondare e a rendere un porto accogliente per tante vite alla deriva, ferite dalla tossicodipendenza ma più spesso dall’emarginazione, dall’abbandono, dal rifiuto, dal pregiudizio e dal conformismo. Un delitto impunito. Una morte troppo rapidamente rimossa dalla riflessione pubblica, in un modo che ancora oggi pone interrogativi. Eppure, la figura di Mauro Rostagno è stata preziosa, il suo impegno innovatore, la sua intelligenza critica, la sua carica umana e il coraggio sono stati purtroppo rari. Le sue attività di accoglienza e recupero sui temi del disagio e delle droghe, così come quelle giornalistiche di informazione e denuncia contro le mafie e la corruzione sono state importanti e spesso anticipatrici. Mauro era un uomo libero. Libero dai condizionamenti e dai conformismi. Forse troppo libero, e questo non gli è stato perdonato. Dai suoi assassini ma anche da quanti, avversari e amici, precipitosamente ne hanno seppellito la memoria e le opere. Una memoria che riteniamo invece utile e giusto valorizzare e riattualizzare, perché crediamo che la vita e la storia di Mauro abbia molto da dire anche al presente, a quanti lavorano su quegli stessi temi e fronti di impegno, alle istituzioni e al sociale. L’Associazione SocietàINformazione, in collaborazione con il Centro culturale San Fedele e la rivista “Una città
Lunedì 26 settembre, ore 17,30 Milano, piazza San Fedele 4 (Sala Trasfigurazione)
Organizza l’incontro
Mauro Rostagno: tra impegno sociale, critica del potere e lotta alla mafia
Introduce: padre Guido Bertagna, direttore Centro culturale San Fedele Intervengono: Chicca Roveri, moglie di Mauro padre Bartolomeo Sorge, direttore Aggiornamenti sociali Susanna Camusso, segretaria generale CGIL Lombardia Marco Boato, deputato Franco Corleone, presidente di Forum Droghe Cecco Bellosi, responsabile Comunità Il Gabbiano Sergio Segio, direttore Associazione SocietàINformazione Sarà proiettato il filmato inedito su Mauro Rostagno “Una voce nel vento”, del regista Alberto Castiglione ******* «Ti rivedo sulla strada per Pizzolungo, appoggiato al cippo che ricorda le vittime dell’attentato a Carlo Palermo. Dolcemente in posa per la fotografia, con quel lampo di profonda solitudine negli occhi. In quell’attimo m’eri sembrato improvvisamente vecchio e stanco: forse c’erano molte cose da raccontare, quella lapide di bronzo e le troppe rivoluzioni mancate, i giudici e i reduci, i morti, le follie, i rimpianti… Ma non ne avremmo avuto il tempo: solo un’ultima foto, la macchia bianca della tua camicia, il mare di Trapani color piombo, questo lieve sentore di alghe marce nell’aria» Claudio Fava L`incontro è libero e aperto al pubblico

/wp-contents/uploads/doc/“>

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This