La condizione di disabilità

NULL

Disabilità e presa in carico

“I disabili mentali? Ancora rappresentati in minima parte“. Hanau (Università di Modena e Reggio Emilia) interviene ad un convegno promosso oggi dai Ds. “Tra tutti i disabili, il 90% presenta handicap mentali e plurimi“

ROMA – “I disabili mentali? Sono ancora rappresentati in minima parte: solo 1 su 100 si associa, perché i parenti avvertono molto lo stigma sociale. Bisogna passare dalla dis-carica alla presa in carico di queste persone”. Carlo Hanau, docente all`Università di Modena e Reggio Emilia, ricorda – intervenendo a un convegno promosso oggi dai Ds alla Camera dei Deputati sul tema “La condizione di disabilità:tra tutele e opportunità” – che “tra tutti i disabili, il 90% presenta handicap mentali e plurimi, mentre le disabilità sensoriali riguardano al massimo il 10%“.

Hanau ha rilevato che “le leggi 104 e 328 rappresentano delle pietre miliari, ma alcune parti non sono state ancora realizzate”. Ad esempio, “i livelli essenziali di assistenza andrebbero decisi dai cittadini, perché poi sono loro a tassarsi. E le associazioni dovrebbero essere accompagnate da comitati di genitori, soprattutto per quanto riguarda i disabili mentali”. La realtà della disabilità è molto più diffusa di quanto non si pensi: infatti, se l’1,5% della popolazione (800-900mila persone) riceve l’assegno per l’indennità di accompagnamento, “ben il 13% degli italiani ha una disabilità in forma lieve e il 5% in forma grave”. Per Hanau bisognerebbe seguire “il modello dell’équipe multidisciplinare e multidimensionale, in particolare nel mondo della scuola: l’osservazione dell’alunno dovrebbe essere mirata al piano di intervento e di assistenza”.

Proprio il lavoro di queste équipes potrebbe far emergere il numero dei disabili mentali, che non sono rilevati dai Censimenti svolti dagli operatori comunali: “Il 90% circa dei genitori nega di avere un figlio disabile, soprattutto se è giovane e se ha problemi mentali”, ha dichiarato Hanau, riferendo che il 2,5% degli alunni (dopo la III elementare) presenta un handicap, mentale nella maggioranza dei casi (le cui cause restano sconosciute alla scienza per metà dei bambini) . Altra situazione drammatica è quella degli artistici: “Dopo il 18° anno scompaiono dai registri comunali, non perché sono guariti o morti; l’équipe che si occupa di handicap adulto non li prende in carico come diagnosi”. (lab)

Redattore sociale

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Privacy, sei Stati europei contro Google

 Il Garante italiano chiede chiarezza nell’uso di informazioni personali

L’ennesimo ritorno dei forconi siciliani

Tutte le volte che l’Italia entra in crisi (e in questo momento ci sono crisi numerose e difficili da risolvere: da quella “economica” che tutti riconoscono a quella “morale e politica” che ci ha condotti al governo “tecnico”, dopo le ultime elezioni politiche dell’aprile 2008 vinte dalla destra berlusconiana) rispunta quello che forse è più corretto definire l’indipendentismo, o anche separatismo siciliano, che vorrebbe fare dell’isola uno Stato indipendente ed estraneo all’Italia unita.

«Selezionati, abilitati, plurititolati, siamo docenti traditi dallo Stato»

SCUOLA Insegnanti precari e sindacati in corteo contro il «concorsone»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment