Milano e i rifugiati di via Lecco: la vergogna di una città

NULL

(da “La Repubblica“, 29 dicembre 2005, pagina I – Milano)

LA VERGOGNA DI UNA CITTÀ IRRICONOSCIBILE

Ma che città è diventata Milano, se anche i grandi preti come Colmegna e Davanzo si arrendono di fronte all´ottusità delle ideologie? Ma come possiamo pensare di stare in Europa se non riusciamo nemmeno a risolvere il dramma umano di un piccolo gruppo di uomini, donne e bambini che vagano con dignità dolente nelle strade del Natale, sotto la neve e nel gelo? Come possiamo convincerli a ritirare i loro no, alcuni dei quali senza dubbio sbagliati e suggeriti, se ormai gli abbiamo conficcato nella mente, con le nostre parole inutili e dure, che tutto non è altro che un imbroglio? Come possiamo non indignarci di avere un sindaco che è scomparso dalla scena (e forse persino da se stesso) e che una volta di più dimostra di non avere sufficiente sensibilità per stare vicino alla gente di questa città, qualunque sia il colore della sua pelle, la sua provenienza, i suoi anni di residenza all´ombra della madonnina? Come possiamo ascoltare senza metterci a sorridere il vice sindaco De Corato che si applaude da solo perché «la macchina comunale» ha evitato un´altra brutta figura sotto una neve fradicia e fragile che ha appena imbiancato i giardini di una metropoli praticamente deserta, mentre la sua collega Maiolo dice che la questione dei rifugiati è chiusa nonostante siano ancora in strada e il leghista Salvini aggiunge che le loro richieste sono esagerate? Come si può sperare in un futuro diverso quando si assiste ancora una volta – ricordate i rom di Triboniano – al ping pong di accuse tra istituzioni e all´invito al nuovo prefetto di “aprire un tavolo“, esattamente come faceva l´ex Ferrante? Come possiamo non domandarci dove sono finiti i nostri eleganti imprenditori con il cuore in mano? Come si può assistere a tutto questo senza vergognarsi un po´ di essere milanesi, senza restare annichiliti dallo scenario politico di oggi e essere anche poco ottimisti su quello di domani?

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Mail, fotografie e video per l’eredità  digitale ecco il Google testamento

La nuova opzione: si può decidere che fare dei propri dati dopo la morte.  Se si scompare all’improvviso possono esserci online informazioni utili alla famiglia. C’è anche un tasto con cui si programma la cancellazione totale

ECONOMIA e LAVORO. L´Italia ancora bocciata dalla UE sull´innovazione

NULL (da “La Repubblica”, 13 gennaio 2006, Pagina 40 – Economia La classifica della commissione Ue. Stanca: “Ritardi noti, ma

«Vilipendio delle forze armate». Blitz e accuse contro gli antimilitaristi

Cagliari. Irruzione dei carabinieri in casa di tre militanti che avevano manifestato contro le esercitazioni Nato nel poligono di Teulada

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment