Psichiatria: Storace vuole la controriforma

NULL

( da “la Repubblica”, giovedì, 29 dicembre 2005, pagina 15 – Cronaca)

“Metteremo mano alla legge Basaglia“

La proposta di Storace sulla 180. “Ma senza stravolgerne i principi“

Il ministero della Salute precisa che è solo un´ipotesi per risolvere la situazione dei 600mila malati
Le associazioni familiari divise: per molte va solo attuato ciò che è già previsto dalla legislazione
I sindacati: servono soltanto più fondi per strutture e personale
Il ministro: “Ci sono cose che dopo trent´anni vanno ridiscusse“

di MARIO REGGIO

ROMA – «Il governo metterà mano alla legge 180 perché si tratta una prospettiva di sicurezza alle famiglie. Non ho intenzione di mettere in discussione l´impalcatura della legge Basaglia , ma dopo 30 anni ci sono cose che vanno ridiscusse». Il ministro della Salute, Francesco Storace , conferma la propensione alle affermazioni “forti“ e lo ha dimostrato ieri a margine della cerimonia d´insediamento del nuovo presidente della Croce Rossa. Immediate le polemiche, i commenti, le prese di posizione pro o contro. Ma davvero Storace vuol mettere mano alla legge che ha «destrutturato» i manicomi quando l´attività parlamentare è agli sgoccioli? In serata arriva la rettifica del suo portavoce: «Le affermazioni sulla legge 180 si riferiscono evidentemente a un´ipotesi di programma per il futuro, che saranno precedute da un´ampia, seria e approfondita consultazione con tutti i soggetti interessati».Dopo l´entrata in vigore, la legge Basaglia è stata applicata davvero e ovunque? Svuotati i manicomi come vengono seguiti i 600mila malati gravi che hanno bisogno di essere seguiti e aiutati giorno dopo giorno? Funzionano le case famiglia e le residenze assistite? I dipartimenti di salute mentale riescono a lavorare come prevede la legge? E l´assistenza domiciliare? La realtà è molto diversa sul territorio nazionale. Questo è il problema reale. La provocazione del ministro Storace ha scatenato, come era prevedibile, un coro di proteste e plausi. Ha diviso le associazioni dei familiari dei malati. «Salutiamo con gioia le parole del ministro – commenta Emilio Corvino, presidente dell´Associazione per la riforma dell´assistenza psichiatrica – la legge 180 ha lasciato nell´abbandono i malati e le famiglie. Non pensiamo nella maniera più assoluta alla riapertura delle strutture manicomiali, bensì a garantire il funzionamento delle strutture all´interno degli ospedali. Altro punto è l´obbligo di cura anche per i malati gravi non consenzienti, una situazione che mette spesso le famiglie in gravissima difficoltà». La pensa diversamente Ernesto Muggia, presidente onorario dell´Unione nazionale delle associazioni per la salute mentale: «Mettere mano alla 180 è una stupidaggine – afferma Muggia – va semplicemente messo in atto ciò che la legge prevede, ovvero servizi territoriali diffusi che non sono adeguati alle esigenze. Il punto – conclude – è che i servizi di salute mentale vanno finanziati meglio e garantiti su tutto il territorio nazionale».Cosa ne pensa il presidente della Società italiana di psichiatria? «È fondamentale mettere mano alle attuali disfunzioni del sistema – risponde Carmine Munizza – attraverso progetti-obiettivo mirati, piuttosto che pensare ad un intervento sulla legge, che è un provvedimento di civiltà apprezzato in tutti i Paesi occidentali».Secondo Massimo Cozza, psichiatra e segretario nazionale della Cgil-medici, «Il governo più che mettere mano alla 180, dovrebbe mettere mano al portafoglio per applicarla. L´ultimo progetto-obiettivo risale al triennio ‘98-2000 e l´ultima conferenza nazionale sulla salute mentale al gennaio 2001, organizzata dal ministro Veronesi. Poi con l´arrivo del governo Berlusconi e l´avvicendarsi di due ministri sulla salute mentale è piombato il silenzio assoluto».

***********

L´INTERVISTA

La professoressa Giovanna Del Giudice , del Forum nazionale sulla salute mentale

“Il problema è l´applicazione ancora molti i casi da riformare“

Non si possono mettere in dubbio l´umanità e l´eticità della legge

ROMA – «La legge Basaglia non va toccata ma applicata. Lavoro da quattro anni a Caserta e con l´impegno degli operatori, della società civile, siamo riusciti a fare passi da gigante. Il recente convegno dell´Organizzazione mondiale della Sanità di Helsinki ha confermato l´apprezzamento dell´esperienza italiana». Giovanna Del Giudice è portavoce del Forum nazionale per la salute mentale e direttrice del Dipartimento di salute mentale di Caserta 2, dove ha sede anche l´ospedale psichiatrico giudiziario.Come viene applicata la legge?«In maniera difforme a seconda delle realtà territoriali. Dove non funziona la responsabilità diretta è dei politici, degli amministratori locali, ma anche degli operatori. Tutti insieme non assicurano le necessarie politiche di recupero dei malati e il loro sacrosanto diritto alla salute, come d´altro canto è sancito proprio dalla legge Basaglia».Quali sono gli obiettivi del Forum sulla salute mentale?«Rappresentiamo un gran numero di operatori del settore, abbiamo una visione capillare e complessiva della situazione e posso confermare che la legge viene applicata in maniera positiva in molte realtà. A Trieste, il centro-pilota dove è stata avviata nel ‘71 l´esperienza di decostruzione dell´ospedale psichiatrico, ma anche al Sud si sono consolidate buone esperienze».Eppure, in certe realtà, come Bisceglie in Puglia, l´ospedale psichiatrico è ancora una realtà.«Il presidente della Regione ha promesso che sanerà al più presto una situazione insostenibile. I vecchi manicomi sono stati chiusi, ma ci sono ancora realtà da sanare. Nella gran parte dei casi, però, i malati lavorano, raggiunto la guarigione clinica ed il reinserimento sociale. Vivono ormai all´interno del mondo dei diritti che prima gli era negato».Mancano però finanziamenti e personale.«Chiediamo da anni che le Regioni dedichino il 5 per cento del bilancio della sanità alla salute mentale. In alcune Asl si spende di meno in altre di più, ma a volte anche per recludere il paziente in strutture private. Ci sono ambulatori aperti solo fino alle 14, dopo i malati restano da soli. Ma questo non c´entra nulla con la legge».Ma le famiglie dei malati?«Non possiamo non essere alleati delle famiglie che denunciano carenze e disfunzioni. Ma nella consapevolezza che la legge 180 è profondamente umana ed etica. Oggi la gente non chiede più che il congiunto venga rinchiuso ma aiutato a vivere».(ma.re.)

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Scuola, calano i bocciati così la Gelmini ha nascosto il flop della linea dura

Dal 2008 sempre in flessione. Smentiti i comunicati del ministro. E sul sito del Miur note stringate hanno sostituito i risultati integrali degli scrutini

Svalutare la laurea non risolve i problemi

Il presidente del consiglio e il suo governo hanno dunque deciso di rinviare la decisione di abolire il valore legale della laurea universitaria. Non trattandosi di una materia che rivesta particolare urgenza c’è tutto il tempo per decidere con ponderazione e anche per aprire una consultazione nel Paese.

Carrillo, l’eurocomunista amico di Berlinguer

MADRID — In gennaio avrebbe compiuto 98 anni. Invece se n’è andato ieri, durante la siesta, come un vero spagnolo del secolo scorso. Santiago Carrillo era stato per 38 anni la spina nel fianco del Generalissimo Francisco Franco. Il suo Partito Comunista Spagnolo clandestino era l’unico (assieme all’Eta basca) capace di mantenere viva una qualche opposizione alla dittatura. Vinse la sua sfida con il Caudillo, vide la libertà  tornare in Spagna, ma perse l’appuntamento con il potere.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment