Rapporto CNEL sul lavoro: aumentano solo i precari

NULL

(“il manifesto”, 22 dicembre 2005)

RAPPORTO CNEL
Aumentano solo i precari

Giù di 10 punti l`offerta di tempi indeterminati

La riforma «Biagi» lodata dal governo fa precipitare il lavoro stabile. Scendono dal 58 al 49% gli impieghi fissi, salgono dal 29 al 38% le assunzioni a tempo
Modesta crescita dei posti di lavoro, flessione del tasso di occupazione, grosso calo delle offerte di rapporti a tempo indeterminato e boom del lavoro precario. Questi gli aspetti salienti del rapporto Cnel 2004 sul mercato del lavoro italiano: bloccato dal ministro Marzano per circa due mesi, ieri è stato presentato in sordina. La legge 30 non ci fa affatto una bella figura. Se il totale degli occupati è di 24.404.000, l`aumento nel 2004 è stato di sole 164 mila unità (0,7%) e non è bastato a sostenere il tasso di occupazione, sceso dal 57,5% al 57,4%, contro una media europea pari al 64,3%. E` la prima volta che il tasso di occupazione scende dopo diversi anni, un segnale che il sistema si sta arrestando, e questo nonostante i disoccupati siano diminuiti di 88 mila unità, portandosi a un milione e 960 mila (la rilevazione Istat di due giorni fa segnalava l`abbandono, da parte di molti, della ricerca di un posto). Quanto agli effetti della legge 30, il rapporto ha utilizzato l`indagine Isae del febbraio 2005 e quella Unioncamere del luglio 2005 (con il sistema Excelsior, che monitora le previsioni di offerta da parte delle imprese). La quota di impieghi a tempo indeterminato scende al 49,9%: in sostanza, meno di metà dei posti offerti è permanente. Il dato è inferiore di quasi 10 punti rispetto alle previsioni 2004, pari al 58,4%. Crescono le assunzioni a termine: i contratti a tempo determinato salgono dal 29,2% al 37,9% del totale. Insomma: è vero che attualmente il lavoro a tempo indeterminato è superiore rispetto a quello a termine (circa il 90% contro il 10%), ma è anche vero che l`offerta di posti è ormai arrivata a un 50% fisso contro un`altrettanta metà a termine.

Raddoppia il part time: nel 2003 solo il 13,2% delle imprese prevedeva di utilizzarlo, a fine 2004 l`aveva utilizzato il 24,3%. Vengono individuate per la prima volta 340 mila lavoratrici part-time che prima non risultavano occupate, e altre 430 mila part timers che prima risultavano occupate a tempo pieno. «Crescono solo le offerte di lavoro di bassa qualità, i part time destinati soprattutto alle donne, con bassi redditi e poche ore di lavoro», commenta Eliana Como, ricercatrice dell`Ires Cgil.

Aris Accornero, curatore del rapporto, ha rilevato che «ben i due terzi dell`aumento dell`occupazione in Italia è dovuto alla regolarizzazione degli immigrati».

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Il testimone dei senza voce

IL GIORNO DELLA MEMORIA
L’opera di Primo Levi è il racconto del rapporto tra i «sommersi» e i superstiti dei campi di sterminio nazisti. Nel fare questo ha narrato l’esperienza del lager mettendo a testa in giù la mistica, rappresentando «il male radicale» invece che il «bene sommo» Primo Levi è certamente un testimone dello sterminio che i nazisti portarono a compimento negli anni della Seconda guerra mondiale.

La procreazione davvero responsabile

Il quotidiano Avvenire, con la consueta pesantezza di toni quando si tratta di diritti dell’embrione e di status della “vita nascente”, ha agitato lo spauracchio dell’eugenetica nel caso l’Italia adeguasse la legge 40 sulla fecondazione assistita per rispondere ai rilievi critici della Corte europea dei diritti dell’uomo. Il ministro della Sanità  si è subito accodato, senza un attimo di riflessione.

Fecondazione assistita, rompiamo il silenzio

Riparliamo di legge 40

La legge 40/2004 e il    fallimento del successivo referendum hanno cancellato dalla rubrica culturale italiana il tema della fecondazione assistita.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment