CARCERE Il carcere visibile e l´inferno invisibile . Articolo di Segio

NULL

(da La Repubblica, VENERDÌ, 24 FEBBRAIO 2006, Pagina I – Milano)

LE IDEE

Il carcere visibile e l´inferno invisibile

SERGIO SEGIO
________________________________________
Il titolo della manifestazione inaugurata ieri e che occuperà ben tre settimane degli eventi della Triennale di Milano, “La rappresentazione della pena“, dovrebbe forse trasformarsi in una domanda. Si possono veramente descrivere il carcere e la privazione della libertà? Ma anche: ha senso parlare di carcere al singolare?
I dati e le esperienze dovrebbero deporre per il no. Del carcere conosciamo al più, quando ci sono, l´asilo nido e le “sezioni modello“, quelle dove si fa riabilitazione per i tossicodipendenti, teatro, scuola, il giornalino interno, magari addirittura si impara un lavoro.
Poi c´è il resto. Ed è la gran parte.
Invisibile. Stratificato come i gironi dell´inferno. Alcuni così profondi e bui da risultare sconosciuti anche agli “addetti“, ai volontari, a quei rari parlamentari che ogni tanto si recano in visita.
Rappresentare la pena significa illuminare ogni angolo. E neppure basterebbe. Perché la mancanza di libertà non si lascia raccontare, né tanto meno fotografare.
Come ogni esperienza limite, tortura l´animo e facilmente schianta le persone. Assai più raramente le migliora, e dipende più dalle persone che non dal luogo.
Ma per conoscerla, dice Valerio Onida – presidente emerito della Corte Costituzionale, ora volontario nel carcere di Bollate – occorre sapere che «il carcere reale si capisce solo dalla parte sbagliata delle sbarre».
Lo ha scritto nel corposo numero della rivista “Communitas“ diretta da Aldo Bonomi, realizzato appositamente per l´evento della Triennale e che rimarrà come un utilissimo e documentatissimo vademecum per chi voglia capire e riflettere davvero sulla pena e sul suo senso. Sempre che un senso ci sia.
Perché, per quanto scomoda, rimane indiscutibile un´osservazione del filosofo e sindaco di Venezia Massimo Cacciari: «Che senso ha rieducare alla libertà togliendola?».
E potremmo aggiungere: che risultati ci si aspettano dal rinchiudere ogni anno decine di migliaia di tossicodipendenti, anziché sostenerli sul territorio?
Questo è uno dei punti di drammatica attualità che verranno discussi oggi alle 17,30 in viale Alemagna dai presidenti delle associazioni e delle comunità, in uno dei dibattiti più significativi della Triennale.
Descrivere la situazione penitenziaria solo come un “inferno“ sarebbe però irrispondente e ingeneroso nei confronti dei tanti operatori motivati e coscienziosi.
Vero è che del “miele“ del carcere (appunto il teatro, le sezioni modello, i siti web, i libri di ricette, etc.) conosciamo tutto; quasi nulla sappiamo invece sul “fiele“, vale a dire sulle carenze, violazioni, talvolta violenze.
Sono due facce compresenti, che dovrebbero essere percepite come conflittuali e dunque risolte, con un cambiamento di tutto ciò che produce quel fiele, rendendo così il carcere più civile e, assieme, rispettoso della legalità e delle sue proprie norme e finalità costituzionali.
Precondizione per farlo è conoscere anche la faccia meno illuminata. Per questo motivo, domani, in uno dei momenti centrali della rassegna della Triennale (il programma completo è su www.dirittiglobali.it), si terrà un confronto tra i detenuti “giornalisti“, che producono le riviste del carcere (recentemente federate a livello nazionale), i volontari che le supportano e gli studenti delle scuole di giornalismo di Milano, l´Ordine e i professionisti dell´informazione. Per trovare il punto di contatto e relazione, possibile e necessario, tra chi guarda questa difficile realtà dalla parte sbagliata delle sbarre e chi da quella giusta.

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

WELFARE. Flexsecurity alla danese

NULL (da “La Repubblica”, lunedì 9 gennaio 2006, pagina 19 – Esteri) I licenziamenti fanno scattare gli assegni di disoccupazione.

Le Coop come bene comune. Articolo di Bonacina

NULL (da “Vita“) Viva le coop Editoriale di Riccardo Bonacina Viva le coop. Recita così il nostro titolo di copertina.

PASSIONI ROSSE CASTELLINA: “QUEI COMUNISTI COSàŒ PURITANI E COSàŒ DISINVOLTI”

Il partito predicava il decoro familiare ma i vertici non davano il buon esempio La vita sentimentale nel Pci raccontata dalla fondatrice del “Manifesto”  La povera Nilde Jotti scontò l’aver distolto Togliatti dai suoi compiti Enrico Berlinguer indicò Maria Goretti ai giovani come modello di purezza  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment