ECONOMIA. Consumi familiari al palo nel 2005. I dati ISTAT

NULL

(La Repubblica, VENERDÌ, 24 FEBBRAIO 2006, Pagina 41 – Economia)

L´Istat: per le vendite al dettaglio un aumento dello 0,4% mentre il tasso tendenziale è del 2,4%

Consumi familiari al palo nel 2005 solo un lieve risveglio a dicembre

Calo generalizzato al Sud. Cedono computer, telefoni e cd

LUCIO CILLIS
________________________________________
ROMA – Solo un piccolo colpo di reni a dicembre salva i consumi italiani dal baratro. Le vendite al dettaglio nel 2005, hanno infatti registrato secondo l´Istat una crescita complessiva dello 0,4%. A dicembre il totale delle vendite è aumentato del 2,4% rispetto allo stesso mese dell´anno precedente e dello 0,2% rispetto al novembre 2005. Ma nel corso dell´intero anno le vendite al dettaglio hanno recuperato a fatica il “rosso“ registrato nel 2004, che si era chiuso con una variazione negativa dello 0,4%: in pratica solo un aumento contenuto e inferiore al mezzo punto.
Da notare, poi, che l´incremento dello 0,4% è il risultato della media tra la crescita dello 0,9% dei prodotti alimentari e i consumi piatti dei non alimentari. Tra questi ultimi va registrata la pesante crisi dei supporti magnetici e degli strumenti musicali (meno 1,1% tendenziale) e le performance negative dei giochi, giocattoli, sport e campeggio oltre a cartoleria, libri, riviste e giornali (entrambi i gruppi di prodotti a -0,5%). Segno meno anche per la profumeria (-0,3% annuo), informatica e telefonia (-0,2%), utensileria per la casa e ferramenta (-0,2%), gioielli e orologi (-0,1%). Tra gli alimentari, invece, la Cia segnala il “crollo“ del 5,1% dei consumi ortofrutticoli.
Se si guarda invece alla dimensione delle imprese, la grande distribuzione è cresciuta dell´1,3% nella media del 2005, mentre le vendite delle imprese operanti su piccole superfici calano dello 0,3%. Tra i tipi di punti vendita spicca il calo del settore alimentare all´interno degli ipermercati (-0,2%), mentre vanno segnalati i progressi dei grandi magazzini (+2,6%) e degli altri negozi specializzati (+4,2%). Le aree geografiche: nel 2005 sono cresciute le vendite soprattutto nel Nord Ovest (+1,4%) e al Centro (+0,6%), mentre al Sud il totale delle vendite lo scorso anno ha messo la retromarcia, scendendo di quasi un punto percentuale (-0,9%).
I commenti dei commercianti sono diversi: votati ad un cauto ottimismo quelli del centro studi di Confcommercio («ci sono alcuni segnali di risveglio dei consumi anche se è prematuro parlare di ripresa») mentre per il presidente di Confesercenti, Marco Venturi, «i dati sono ancora molto negativi, non c´è alcuna inversione di tendenza».

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Cyber war. La guerra fredda cibernetica diventa incandescente

Mentre Trump alza barriere verso i cinesi per paura delle spie comuniste Zte inaugura un laboratorio di cybersecurity a Roma. L’Europa comunque non sta a guardare: si prepara alla rappresaglia cibernetica

Gaffe del tunnel, lascia il portavoce della Gelmini

Zennaro resta direttore generale del Miur. Il Pd: insopportabile che non si dimetta anche da lì. Non ha scritto la nota che ha scatenato l’ilarità  di tutti, ma non l’ha neppure controllata

Maxi tagli, precari, classi pollaio la scuola parte tra caos e proteste

Flash mob di studenti e ricercatori in tutta Italia. “Sarà  un autunno caldo”    

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment