ECONOMIA. Spesa delle famiglie ferma nel 2005

(La Repubblica, SABATO, 03 GIUGNO 2006,
Pagina 10 – Economia)

Spesa delle famiglie ferma nel 2005

ROMA – Si ferma la spesa delle famiglie italiane. Lo certifica la relazione della Banca d´Italia: la causa è la riduzione ( -0,9%) del reddito disponibile tra 2005 e 2004, in termini reali la contrazione è dello 0,2%. Il saldo complessivo della spesa è +0,1% sul 2004, ma si spende meno in vestiti (-4,9%), mobili (-3%), elettrodomestici (-1,9%) e mezzi di trasporto (-0,7%), ma anche per i servizi culturali (-1,3%) e sanitari (-1,7%). Si salvano tecnologia e al cibo: telefonini, computer e accessori fanno registrare un incremento del 10,3%, i generi alimentari +1,8% e alberghi e ristoranti, +0,5%. Cresce di conseguenza il numero delle famiglie indebitate dal 1995 al 2004 la percentuale passa al 20,5% al 21,8%. Fenomeno trainato dal credito al consumo, passato dal 9,3 al 12,6%, per la maggior parte per l´acquisto di autoveicoli.Per ora non viene intaccata la propensione al risparmio, al +14% del reddito, che ha contribuito alla formazione di un patrimonio 134 miliardi di euro. La rivalutazione delle attività finanziaria e, in misura più intensa, quella della proprietà immobiliare (dove si concentra il 60% degli investimenti), hanno spinto il valore della ricchezza che nel 2005 vale circa nove volte il reddito disponibile lordo delle famiglie.

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Thyssen, il processo entra nella fase finale

(immagini di Fabrizio Ricci)
Nella sua requisitoria il pm Guariniello ribadisce la convinzione dell’accusa: “C’è stato dolo perché si è accettato il rischio di incidenti mortali”. Sei gli imputati, tra cui l’amministratore delegato Harald Espenhahn che rischia la pena più severa

Lezioni colombiane per l’italia

La Colombia e quello che succede laggiù può sembrare lontano e irrilevante per un’Italia scossa dalla crisi. Ed è indubbio che si tratta di due realtà  molto diverse. Ma una parte dell’esperienza colombiana contiene implicazioni interessanti per gli italiani.

La Bce prepara un maxipiano Lo spread scende fino a quota 159

La Bce potrebbe decidere di acquistare titoli pubblici e privati per circa 1000 miliardi, 80 miliardi al mese per un anno, puntando a ottenere un incremento dell’inflazione tra 0,2 e 0,8 punti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment