GUANTANAMO: TRE SUICIDI, PER PENTAGONO ATTO DI GUERRA

GUANTANAMO: TRE SUICIDI, PER PENTAGONO ATTO DI GUERRA

SAUDITI, YEMENITA IMPICCATI, COMANDI USA, MISSIONE CONTINUA
(di Alessandra Baldini) (ANSA) – NEW YORK, 11 GIU – E alla fine a Guantanamo c`e` scappato il morto, anzi tre morti: tre detenuti, due sauditi e uno yemenita, si sono tolti la vita impiccandosi con un cappio improvvisato di lenzuola e vestiti al soffitto delle loro celle.`Non e` stato un atto di disperazione ma un atto di guerra`, ha detto il contrammiraglio Harry Harris, comandante della base prigione nell`isola di Cuba che Amnesty International ha definito `un gulag del nostro tempo`.I tre detenuti sono stati trovati in mattinata privi di conoscenza nelle loro celle. `Non respiravano`, ha riferito un comunicato militare del Southern Command che piu` tardi ha organizzato in fretta e furia un briefing congiunto da Guantanamo e da Miami.Il presidente George W. Bush, che si trova a Camp David, e` stato avvertito. Per l`amministrazione e per il Pentagono, reduce dal `successo` del raid in cui e` rimasto ucciso il capo di al Qaida in Iraq Abu Musab al Zarqawi, il triplice suicidio nella base prigione di cui gli alleati, l`Onu e le organizzazioni per i diritti umani chiedono da tempo la chiusura e` un nuovo, grave imbarazzo.A Guantanamo sono rinchiusi attualmente circa 460 uomini quasi tutti da oltre quattro anni. Nella storia della prigione ci sono stati 41 tentativi di suicidio – di piu` secondo gli avvocati che rappresentano i prigionieri – da parte di 25 detenuti. Nessuno finora era riuscito.
CORPI TRATTATI IN RISPETTO LEGGE ISLAMICA – `I cadaveri vengono trattati nel massimo rispetto della legge religiosa islamica`, ha indicato nel corso del briefing del Pentagono il comandante del Southern Command John Craddock, affermando che il Pentagono si avvale dell`aiuto di un `consigliere culturale`.Le norme coraniche prevedono la sepoltura immediata del morto ma sui cadaveri e` stata ordinata un`autopsia ed e` stata aperta un`inchiesta da parte del Servizio investigativo criminale della Navy per accertare le cause della morte. Il Dipartimento di Stato ha intanto avviato contatti con i governi saudita e yemenita per i rimpatrio delle salme. Negli ultimi giorni le proteste a Guantanamo erano aumentate: nella base, dopo la rivolta del 18 maggio che aveva coinciso con la pubblicazione di un rapporto Onu che chiedeva la chiusura della prigione, per 18 ore detenuti e soldati si erano a piu` riprese scontrati. L`insurrezione era avvenuta mentre due detenuti tentavano il suicidio per overdose di farmaci. Anche in quel caso i comandi della base avevano parlato di `tentativo concertato di martirio`.Dopo la rivolta, sedata la quale decine di detenuti erano stati spostati in isolamento, era scattato lo sciopero della fame e al suo apice 131 prigionieri avevano rifiutato il cibo.Il numero dei digiunanti era pero` sceso nei giorni scorsi a poco piu` di una decina anche perche` le guardie avevano cominciato a nutrire forzatamente i detenuti: `Non vogliamo che qui nessuno muoia`, aveva detto un portavoce al quotidiano Miami Herald.
PUNTO DI SCONTRO CON ALLEATI – Guantanamo e` un punto di scontro tra amministrazione Bush e alleati: la sua chiusura e` stata chiesta dal cancelliere tedesco Angela Merkel, dal premier danese Anders Fogh Rasmussen e dal ministro della giustizia britannico Lord Goldsmith.Venerdi`, dopo che un giornalista lo aveva interrogato in proposito durante un punto stampa con Rasmussen a Camp David, Bush aveva ribadito che il suo obiettivo e` di chiudere Guantanamo.`Vorremmo vedere la fine di Guantanamo. Vorremmo vederla vuota`, aveva detto il presidente americano che pero` aveva aggiunto: `Dentro c`e` gente che, se liberata, farebbe del male ad americani e a cittadini di altri paesi del mondo. Per questo ritengo che questi prigionieri debbano essere processati in tribunali negli Stati Uniti`.Bush aveva aggiunto che la sua amministrazione sta aspettando un parere della Corte Suprema sulla richiesta di portare i detenuti di Guantanamo davanti a tribunali militari. Il verdetto della corte e` atteso entro la fine del mese.

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Ridisegnare le città dell’accoglienza

Italia/Ue. Altro che Cie: il flusso di profughi è destinato a modificare l’assetto urbano europeo

Quei muri in Europa

Dalla palizzata di Calais al Brennero Così il continente è ancora diviso

Marwan Barghouti incita alla disobbedienza civile nel Nakba Day

Territori occupati. Il Mandela palestinese con una lettera-manifesto fissa i punti di un programma politico e avverte l’Anp di Abu Mazen: negoziato con Israele solo con nuove basi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment