Rapporto OCSE: “Lavoro, troppe disparità“

(La Repubblica, MERCOLEDÌ, 14 GIUGNO 2006, Pagina 7 – Economia)

“In crescita l´occupazione a termine“. Epifani: una proposta contro la precarietà

“Lavoro, troppe disparità“

I ritardi del nostro Paese secondo l´Ocse. Istat: salari su del 4,8%

Ocse: Italia in ritardo. Istat: salari su del 4,8%
Per le retribuzioni è il balzo più alto dal 1997 I sindacati: “Ma è solo un dato statistico“

LUISA GRION
________________________________________
ROMA – Per ogni due nuovi posti di lavoro che nasceranno quest´anno negli altri paesi sviluppati, in Italia ne nascerà uno solo. Anzi un po´ meno di uno. Probabilmente sarà temporaneo e quasi sicuramente non sarà offerto ad una donna.
Dall´ultimo rapporto Ocse sull´occupazione risulta che da noi la crescita del lavoro è in frenata: era dello 0,7 per cento lo scorso anno, nel 2006 sarà dello 0,6 e nel 2007 scivolerà ulteriormente allo 0,4 per cento. La media degli altri paesi membri è più che doppia: 1,3 e 1,1 per cento: un segnale evidente del fatto che la crescita è più bassa qui che altrove.
Forte – e segnala l´Ocse in ulteriore crescita – il divario fra Nord e Sud del paese: «le disparità regionali – si legge – non sono un aspetto nuovo sul mercato del lavoro italiano, ma il fatto che continuino ad aumentare è sorprendente». Fortissima la diseguaglianza che penalizza le donne: il tasso di occupazione femminile è del 45,3 per cento contro la media Ocse del 56,1 e quella dell´Europa a 15 del 57,8. Peggio di noi fanno solo Corea, Messico e Tuchia. Ma non va bene nemmeno per i giovani: fra i 30 paesi che fanno parte dell´organizzazione l´Italia si colloca al ventitreesimo posto. La disoccupazione è in lieve calo (si passerà dal 7,8 al 7,7 per cento), ma il rapporto commenta che – a assieme alle maggiori potenze europee – potevamo fare di più: Irlanda, Finlandia e Spagna, per esempio, si sono applicate e hanno avuto migliori risultati. Per rilanciare l´occupazione l´Ocse vede bene un taglio del cuneo fiscale suggerimento che, secondo Guglielmo Epifani, non basta: alla complessa situazione italiana «servono più strumenti – ha detto – una riduzione più contenuta del cuneo, un´operazione sull´Irap, una sul fisco per i redditi da pensione e da lavoro».
Ora, segnala l´istituto, va anche considerato che nei prossimi mesi dovrebbe interrompersi la tregua di moderazione salariale che ha dominato gli ultimi dieci anni, senza che vi sia un adeguato aumento della produttività. L´avvertimento è arrivato, per quanto riguarda l´Italia, in contemporanea con uno studio Istat sulle buste paga del primo trimestre di quest´anno che – considerate al lordo – aumentano dello 4,8 per cento rispetto al 2005, il dato più alto dal ´97. Un balzo, fanno notare i sindacati, dovuto all´applicazione dei rinnovi contrattuali, quello dei metalmeccanici in testa. «In realtà – ha commentato Raffaele Bonanni, leader della Cisl – i nostri salari non tengono testa a quelli dei paesi concorrenti». E se Maurizio Sacconi di Forza Italia ne trae spunto per affermare che ora «è ottuso difendere l´attuale modello contrattuale centralizzato», il Codacons commenta che il dato Istat «contrasta con la dura realtà dei bilanci famigliari.

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

«Così Unicredit ha raggirato il Fisco»

Inchiesta su Profumo: ispettori di via Nazionale, prof e informatici nel pool del pm

L´esercito degli anziani-precari

Vecchi per il lavoro, giovani per la pensione. In Italia sono 700 mila (La Repubblica, LUNEDÌ, 08 GENNAIO 2007, Pagina

La rotta d’Europa, tre riflessioni urgenti

Valutazione della crisi, che fare di fronte alla sua precipitazione e il problema delle forme politiche sono i nodi venuti al pettine del convegno di Firenze La giornata di Firenze, il 9 dicembre, organizzata su “La Rotta d’Europa” merita qualche riflessione più seria di quella che le abbiamo dedicato sabato scorso. Essa incrocia alcuni temi maggiori della vicenda delle sinistre negli ultimi anni, noi inclusi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment