Zurigo, dove l´eroina è di Stato “Ora di droga non si muore più“

(La Repubblica, MERCOLEDÌ, 14 GIUGNO 2006, Pagina 13 – Cronaca) Nel giro di dieci anni i consumi sono crollati. E i tossicodipendenti superstiti sono sempre più anziani Zurigo, dove l´eroina è di Stato “Ora di droga non si muore più“ “Chi continua ad avere bisogno del buco non deve più rubare o vivere per strada“ [&hellip

redazione • 14/6/2006 • Droghe & Dipendenze • 748 Viste

(La Repubblica, MERCOLEDÌ, 14 GIUGNO 2006, Pagina 13 – Cronaca)


Nel giro di dieci anni i consumi sono crollati. E i tossicodipendenti superstiti sono sempre più anziani

Zurigo, dove l´eroina è di Stato “Ora di droga non si muore più“

“Chi continua ad avere bisogno del buco non deve più rubare o vivere per strada“
“Sono persone con casa, famiglia e lavoro E tutto sommato stanno in buona salute“

________________________________________
dal nostro inviato
fabrizio ravelli
Le cosiddette stanze del buco di cui si torna a discutere e straparlare in Italia, qui in Svizzera sono un esperimento quasi del tutto consegnato agli archivi. Qui a Zurigo, ormai da undici anni, va avanti il progetto di somministrazione controllata di eroina. I “clienti“ non si devono portare l´eroina da casa, come si faceva anche qui nelle “gassenzimmer“ e nell´ex stazione ferroviaria di Letten. Non la devono comprare dallo spacciatore. È lo Stato (meglio, il municipio) che gliela fornisce. Eroina pulita, prodotta in una pulitissima azienda farmaceutica, senza strane e mortali sostanze da taglio, a concentrazione controllata. E funziona. Per meglio dire, funziona sotto molti punti di vista. Il principale è quello di chi non vuole avere più morti per “buco“, e nemmeno tossici costretti a rubare e rapinare per pagarsi la dose.
Funziona anche perché il numero di eroinomani, da quando esiste l´eroina della mutua, è calato dell´82 per cento. Lo spiega una ricerca dell´università di Zurigo, appena pubblicato dalla prestigiosa rivista inglese Lancet. Ormai, di questi centri “Drop in“ a Zurigo ne sono rimasti aperti solo tre, e hanno in tutto 260 clienti. E Zurigo è sempre stata la piazza principale per l´eroina in Svizzera, con il 25 per cento dei tossici complessivi. Sono lontani i tardi anni Ottanta, quando la Confederazione aveva il record europeo delle morti per “buco“. E sono quelli gli anni in cui, con la tradizionale concretezza venata di ipocrisia, gli svizzeri hanno cominciato ad affrontare il problema. Non a parlarne nei talk-show, ma a sperimentare.
L´andirivieni di “clienti“ dei tre buchi al giorno è uno spettacolo, diciamo così, istruttivo perché mostra come la marginalità dell´eroina sia cambiata. Era una marginalità segnata dalla composizione sociale dei consumatori, dal loro essere numerosi ma “alternativi“ e costretti alla coabitazione con il degrado fisico, col furto, con la prostituzione, con lo spaccio.
Molti ricordano ancora il primo, disastroso esperimento zurighese, quello di Platzspitz. Si stabilì (era il 1986) che un parco cittadino diventasse zona franca per il consumo di eroina. Si confinarono tutti i tossici in quello che, in mezza Europa, divenne famoso come “Needle Park“, il parco dell´ago. Venivano da mezza Europa, appunto, accuditi da funzionari che fornivano siringhe pulite e da solerti spacciatori.
Oggi la marginalità degli eroinomani di Zurigo è solo numerica. Sono una specie in via di estinzione, o quanto meno in forte declino. Sono persone normali, ben inserite nella società. Hanno una famiglia, una casa, un lavoro regolare. E, sempre più spesso, cominciano ad essere anzianotti. «Sì, invecchiano – dice Michael Herzig, responsabile municipale del progetto – Non muoiono più, sono in buone condizioni di salute. Vivono in una condizione sociale migliore, e non più in mezzo a una strada. Da questo punto di vista, noi possiamo certamente dire che l´esperienza ha successo». E non devono nemmeno più pagare quei 15 franchi al giorno, dei quali 7 andavano a coprire il costo dell´eroina. Sì, perché l´eroina costa pochissimo. All´inizio della faccenda, gli svizzeri la importavano da Gran Bretagna e Belgio, dove poteva essere prescritta come analgesico. «Poi abbiamo cominciato a prenderla in Francia – spiega Herzig – Finché la Francia non ha cambiato idea. Ora è l´ufficio federale della salute a farsela fornire da un´azienda svizzera. È una versione farmacologica di eroina».
E c´è un altro aspetto. L´eroina, almeno qui, è passata di moda. È rimasta una droga da sfigati, e forse il veder tranquillamente invecchiare come onesti lavoratori i tossici ha reso l´eroina molto meno attraente per i giovani. Herzig di questo non parla volentieri: «D´accordo, possiamo forse dire che ora l´eroina è meno fashion, e che viene vista come una droga da perdenti. Ma dal punto di vista scientifico, questo non ci interessa. Sappiamo che le diverse culture, o sottoculture, degli stupefacenti possono cambiare. E che magari l´eroina tornerà in auge». Infatti, non è così dappertutto. Lo stesso studio pubblicato da Lancet mostra che in Australia, Italia e Inghilterra, paesi che non hanno esperienze simili alla Svizzera, il consumo di ero cala poco vistosamente (Inghilterra), o va su e giù (Italia), o aumenta (Australia).
Si potrà quindi pensare quel che si vuole dell´eroina di Stato, ma in termini di costi e benefici il bilancio è positivo. Il tasso di microcriminalità è diminuito del 70 per cento, senza calcolare il danno inflitto ai profitti dello spaccio. A Zurigo città c´erano nuovi 850 eroinomani nel 1990, e nel 2002 erano calati a 150. C´è poi circa un 10 per cento di “clienti“ della somministrazione controllata che passano ad altre sostanze come il metadone (venduto in farmacia dietro ricetta). E non parliamo di quanto sono soddisfatti i borghesi di Zurigo, che non hanno più sotto gli occhi i tossici macilenti sulla Bahnhofstrasse delle banche e delle gioiellerie. Per non dire del costo economico: agli inizi dell´esperimento si calcolò che in tutta la Confederazione si risparmiavano 4,5 milioni di franchi in spese di giustizia e polizia, 300 mila in danneggiamenti, e 73 mila di spese mediche. Il beneficio era di 96 franchi al giorno per paziente, che ne costava 51. Risparmio, 45 franchi.

/wp-contents/uploads/doc/“>

Articoli correlati

5 per mille

2 Responses to Zurigo, dove l´eroina è di Stato “Ora di droga non si muore più“

  1. luca.sartori@gmai.co ha detto:

    Sono un tossico da ventanni,x risolvere il problema secondo me bisognerebbe capire che in primis la droga esiste ed é ormai reperibile in qualsiasi città,inutile fare leggi che ne proibiscono l uso,elminiamo x primo il guadagno a chi la spaccis,facciamo guadagnare le nostre provincie i nostri comuni,gli spacciatori magrebini i nigeriani non cercherebbero più di arivare a lampedusa pet poi arrvare in italia e fare soldi tutti i giorni x mandarli nel loro paese e fare si che i loro parenti si costruiscano ville da mille metri quadrati.Mettiamo tutto in mano al governi,droga a basso costo,tossici che nn devono più rubare x acquistare una dose,una cosa quando ce l hai a portata di mano non interessa più come quando la stessa non si può avere,ilegalità fa gola.

  2. Serafino ha detto:

    Sicuramente sarebbe ideale avere l’eroina di Stato qua in Italia, dove il processo viene gestito dalle associazioni a delinquere, ma soprattutto prodotta in laboratori “chimici” clandestini dove di certo non regna l’igiene.
    Invece, se la sostanza venisse trattata in un laboratorio farmaceutico, dove le norme di igiene e sicurezza sono all’ordine del giorno, tutto questo non avverrebbe.
    Si è pensato che, negli ultimi 10/20 anni, l’eroina fosse scomparsa dalle strade solo perché i mass-media hanno asserito che, non essendoci stati più decessi per overdose (o perlomeno rispetto al suo ingresso nelle piazze) questi siano scesi tantissimo.
    Infatti un pensiero comune era che essa fosse arrivata al tramonto; invece i fatti non sono andati così: la “Regina” delle droghe, così definita dai tossici, non solo non è scomparsa, anzi!!! Ha fatto il suo rientro nelle piazze in grande stile.
    Basti pensare al classico tossicodipendente, vestito male e trasandato, spesso sporco e soprattutto ladro per necessità, per acquistare nelle piazze di spaccio quell’eroina tagliata con chissà quali sostanze nocive al pari o forse più della droga stessa.
    Se torniamo ai giorni nostri, le cose sono cambiate, ma di poco, ovvero quello a essere cambiato è proprio l’acquirente stesso.
    Spesso di buona cultura, laureato o diplomato e proveniente non più dai ceti sòciali medio-bassi, ma da buone famiglie delle classi agiate. È cambiato anche il modo di assunzione, ovvero dal buco (dove una piccola minoranza la assume ancora così per via del suo effetto euforico, detto in gergo “flash” perché la sostanza arriva immediatamente al cervello, rilasciando endorfine, che esso produce già di suo) allo sniffare e infine fumare, credendo che l’astinenza sia più gestibile; invece non è così: i sintomi legati all’astinenza sono derivati da come e quante volte se ne fa uso giornalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This