Missione segreta (e illegale) dei carabinieri a Guantanamo

Testimonianza di un maresciallo in un processo a Milano. I magistrati torinesi sarebbero stati avvisati informalmente

MILANO – Nel novembre 2002 quattro ufficiali del Ros hanno compiuto una missione segreta a Guantanamo, per interrogare almeno sei detenuti nella prigione speciale dell’esercito statunitense, senza alcuna autorizzazione della magistratura italiana. Lo ha rivelato un capitano dei carabinieri di Torino che, dopo aver partecipato a quella «spedizione autorizzata dal comandante del Ros, generale Ganzer», ha testimoniato ieri in corte d’assise nel processo contro tre marocchini arrestati nel 2005 per terrorismo internazionale. Mentre il pm Elio Ramondini ammetteva «sorpreso» che la Procura di Milano non ne aveva «mai saputo niente», i difensori hanno tuonato contro «indagini inquinate».


Related Articles

Le fosse comuni di Lampedusa per i naufraghi dimenticati

Il cimitero è stracolmo. Il sindaco: l’Europa finge che non ci siano

«Solo una limitata emersione dal lavoro nero, serve più coraggio sui migranti»

Intervista a Giuseppe Massafra (Cgil). «La durata del permesso è troppo breve e legata alla dichiarazione del datore, non c’è un permesso per ricerca di lavoro. Da mesi il governo non risponde sulla abolizione dei decreti Salvini»

L’accoglienza è la nuova frontiera

Immigrazione. L’Europa ha bisogno di braccia e personale qualificato, ma soprattutto ha bisogno di persone portatrici di culture differenti, meno impregnate di individualismo, di diffidenza e di rivalità, più attente ai legami di solidarietà

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment