Ogni anno infortuni e malattie professionali costano 42 miliardi

Uno studio dell’INAIL

di Diego Alhaique

Come una manovra finanziaria sui conti dello Stato. Anzi di più, se si considera l’entità (30 miliardi) di quella prossima ventura, perché ogni anno i danni alla salute causati dal lavoro costano al paese ben 41,8 miliardi di euro. Il danno economico degli infortuni e delle malattie professionali, che si affianca a quello sociale e alle sofferenze individuali e delle famiglie, pesa pertanto per una cifra superiore al 3 per cento del Pil. Questo è quanto risulta da un’analisi svolta dalla Consulenza statistico-attuariale dell’Inail (pubblicata nel recente n. 7 del mensile “Dati Inail”), sulla base degli eventi lesivi del 2003, per i quali sono stati indennizzati dall’istituto circa 650.000 casi d’infortunio e 4.000 di malattia professionale.
Agli inizi degli anni novanta l’Inail elaborò un primo calcolo globale, che fornì una cifra enorme, pari a 52.000 miliardi di lire. Si trattava di una stima, comprendente costi diretti (cioè prestazioni assicurative) e indiretti a carico delle imprese (per la prevenzione e, a seguito degli incidenti, per fermo produttivo, spese legali ecc.), danni residui a carico delle vittime e indotti all’economia in generale. La metodologia utilizzata era quella adottata dall’Organizzazione internazionale del lavoro. I costi annui in questione si situavano tra il 3 e il 4 per cento del Pil, una perdita secca di proporzioni colossali, equivalente in media a 3.000 chilometri d’autostrada dell’epoca. Un aspetto interessante è che nel calcolo attuale sono stati considerati gli eventi che hanno colpito non solo gli assicurati, ma anche, per stima, i lavoratori non soggetti ad assicurazione (per esempio: molte aree del pubblico impiego), il lavoro sommerso e le nuove categorie tutelate dall’Inail (come i collaboratori a progetto).

Il costo complessivo attuale ammonta a quasi 35 miliardi di euro per gli infortuni e a circa 6,8 per le malattie professionali, risultante dalle stesse componenti della valutazione degli anni novanta: prestazioni assicurative (8,5 miliardi per gli infortuni e 2 per le malattie professionali), costi di prevenzione (10,9 e 2,3 miliardi), costi indiretti a carico delle aziende e delle vittime e quelli per perdite produttive e danni all’economia in genere (15,4 e 2,5 miliardi). Il costo complessivo del sommerso è stato stimato intorno ai 4,5 miliardi per gli infortuni e a quasi un miliardo per le malattie professionali. Per gli infortuni in itinere, il costo è di poco superiore ai 3 miliardi di euro (compresi quelli occorsi ai lavoratori irregolari). In totale, circa 41,8 miliardi di euro, pari al 3,2 per cento del Pil, contro il 3,6 per cento della precedente valutazione.

Di recente, anche Eurostat ha svolto un simile studio per l’Europa, allo scopo di dimostrare come, vista l’enormità del valore dei danni provocati, la prevenzione rappresenti non solo un dovere etico, ma anche un affare e non un aggravio. Il metodo adottato risulta tuttavia diverso da quello italiano: la valutazione dei costi, per fare un esempio, è stata fatta solamente per gli infortuni e per tipologia di trauma (cadute dall’alto, infortuni da mezzo di trasporto ecc.) e non viene considerato il danno che resta a carico della vittima dopo l’indennizzo. Ne risulta un calcolo meno completo, esprimendo per l’anno 2000 un totale di soli 55 miliardi di euro per l’intera collettività dei “Quindici”: un risultato limitato e parziale, che non sembra rendere un buon servizio allo scopo cui era destinato.

(www.rassegna.it, Rassegna sindacale, 5 ottobre 2006)

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Scrivania affittasi così il lavoro si fa condiviso

Dagli Stati Uniti all’Italia, la tendenza è creare una piccola “famiglia”: si risparmia e si vince la solitudine I costi variano da città  a città  e la durata della convivenza non supera mai l’anno. Si chiama “Coworking”.  È una concezione “nomade” delle professioni e dei mestieri che attrae chi viaggia molto 

Vendite Chrysler da record: a marzo +34%

Il gruppo Fiat compensa oltreoceano il crollo delle immatricolazioni in Europa  La casa di Detroit controllata dal Lingotto meglio dei concorrenti Gm si è fermata a +12 per cento e Ford a +9 per cento

Cgil, comincia a Bari il XVIII congresso, assente il governo

Il sindacato sceglie il nuovo segretario generale. Susanna Camusso ha indicato Maurizio Landini, partita aperta con Vincenzo Colla. In piazza contro la manovra il nove febbraio, le critiche al decreto Reddito-Quota 100

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment