Reesom, le torture non bastano per ottenere l’asilo politico

Il caso dell’eritreo Reesom

di GIOVANNI MARIA BELLU

I pigri cliché della comunicazione sono più forti dei principi della Costituzione. Così, testardi come muli e ciechi come pipistrelli, innumerevoli giornali e televisioni continuano a definire in blocco “clandestini” gli immigrati che arrivano in Italia via mare. L’ultimo comma dell’articolo 10 della nostra carta fondamentale (“lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica secondo le condizioni stabilite dalla legge”) sembra essere stato abrogato dalle antenne e dalle rotative. Eppure sono ormai anni che associazioni umanitarie, singoli volenterosi, docenti di diritto e anche qualche maestro elementare (perché il concetto è alla portata di un bambino) spiegano che circa la metà del carico umano delle “carrette del mare” è costituito da persone che si trovano proprio nelle condizioni descritte dall’articolo 10. Definirli a priori “clandestini” è come chiamare “hooligans” tutti quelli che vanno allo stadio.


Related Articles

«Cittadinanza Day». Manifestazioni in piazza a favore dello ius soli

Diritti. Manifestazioni a Roma, Firenze e Palermo. Nella capitale decine di bambini riempiono piazza Montecitorio: «Io so’ romano»

Shalabayeva, denunciati i funzionari del Viminale

Esposto della figlia alla procura di Roma: “Fu sequestro di persona”. Nel mirino anche i kazaki   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment