ABU OMAR: PM, DA SISMI AUTORIZZAZIONE ESPLICITA A SEQUESTRO

MILANO – Il procuratore aggiunto di Milano Ferdinando Pomarici, insistendo nella richiesta di rinvio a giudizio per gli imputati nel processo per il sequestro di Abu Omar, ha parlato di “autorizzazione esplicita” del Sismi, il servizio segreto militare, in relazione al rapimento. L’udienza, davanti al gup Caterina Interlandi, prosegue con l’intervento dei difensori. GUP: NO [&hellip

redazione • 6/2/2007 • Società • 244 Viste

MILANO – Il procuratore aggiunto di Milano Ferdinando Pomarici, insistendo nella richiesta di rinvio a giudizio per gli imputati nel processo per il sequestro di Abu Omar, ha parlato di “autorizzazione esplicita” del Sismi, il servizio segreto militare, in relazione al rapimento. L’udienza, davanti al gup Caterina Interlandi, prosegue con l’intervento dei difensori.

GUP: NO A TESTIMONIANZE PRODI E BERLUSCONI
Il Gup di Milano Caterina Interlandi ha respinto la richiesta dei difensori dell’ex direttore del Sismi, Nicolo’ Pollari, di sentire come testimoni l’attuale premier Romano Prodi e il suo predecessore, Silvio Berlusconi, nell’ambito dell’udienza preliminare per il sequestro dell’ex imam di Milano, Abu
Omar, in cui sono imputati 26 agenti della Cia e alcuni funzionari del Sismi. A quanto si e’ saputo, il giudice ha respinto la richiesta in quanto ha giudicato le testimonianze dei due uomini politici non determinanti al fine di un proscioglimento dell’ex direttore del Sismi. Un requisito richiesto dal codice.

DIFESA POLLARI, GUP NEGA DOVERE A SEGRETO DI STATO
Ad avviso di uno dei difensori dell’ex direttore del Sismi Nicolo’ Pollari, Titta Madia, il giudice dell’udienza preliminare, con la sua ordinanza con cui ha respinto l’eccezione di costituzionalita’ in relazione alle norme che regolano il segreto di Stato, ”ha fatto venir meno il dovere dell’imputato di rispettare il segreto di Stato”. ”E’ chiaro il messaggio al generale Pollari” ha detto il legale, secondo il quale ”per difendersi, deve violare il segreto di Stato”. ”Valuteremo questo messaggio – ha aggiunto -, lo dovra’ valutare il generale Pollari e lo dovranno valutare le autorita’ istituzionali deputate alla tutela del segreto di Stato e della sua sicurezza nei rapporti internazionali”.
(ANSA)

/wp-contents/uploads/doc/“>

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This