Parigi: documento sui bambini soldato

Un insieme di misure per impedire il reclutamento dei bambini soldato approvate da 58 paesi nell’ambito dei lavori della conferenza internazionale ‘Liberiamo i bambini della guerra’

(Vita.it, 6 febbraio 2007)

Secondo giorno a Parigi per la conferenza internazionale sui bambini soldato. Copresieduta dal ministro degli Esteri Philippe Douste Blazy e dalla direttrice generale dell’Unicef, Ann Veneman, questa conferenza è la prima a riunire l’insieme degli attori coinvolti: dai paesi toccati dal fenomeno, ai lavoratori sul campo, ai rappresentanti delle forze di pace e dei paesi donatori, generalemente europei.

La conferenza di Parigi raccoglie rappresentanti di 60 governi, diverse agenzie delle Nazioni Unite, numerose ONG. E qui l’UNICEF ha presentato una nuova carta di principi (I principi di Parigi). Nel corso di questa due giorni di incontri, i partecipanti cercheranno di elaborare una qualche strategia per eliminare lo sfruttamento dei bambini a fini bellici.

Sono infatti oltre 250mila i bambini soldato che continuano ad essere costretti a combattere in almeno 13 stati, dall’ Afghanistan all’ Uganda, sebbene siano passati 10 anni da quando a Citta’ del Capo, nel sud Africa, un accordo internazionale promosso dall’ Unicef, ne aveva impedito il reclutamento al di sotto dei 18 anni. Lo ha annunciato ‘Save the children’, l’ organizzazione internazionale per i diritti dei bambini.

I bambini soldato sono costretti a combattere in Afganistan, Burundi, Chad, Colombia, Repubblica Democratica del Congo, Costa d’ Avorio, Myanmar, Nepal, Filippine, Sri Lanka, Somalia, Sudan e Uganda.

Per ‘Save the children‘ 10.000 bambini associati con i ribelli del Lord resistance army sono ancora nelle formazioni militari in Uganda e nello Sri Lanka ne sono stati reclutati 5.000 dal 2001. Bambini di 8 anni sono stati reclutati dalle forze del governo nel Sudan, e piu’ di 8.000 sono ancora usati dai ribelli e dai gruppi di milizie nell’ Africa dell’ ovest. Nella guerra tra le forze governative e quelle delle Corti islamiche in Somalia sono stati reclutati per combattere anche ragazzini di 12 anni.

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Migranti. Il Senato autorizza il processo contro Salvini per la Open Arms

149 i voti a favore. Ora gli atti tornano alla procura di Palermo Proseguono al Viminale gli incontri per cambiare i dl sicurezza

Migranti, lunedì scatta il Click day. 98mila posti per 200mila aspirant

i IMG
Mouse e tastiera a portata di mano, riflessi pronti e buona fortuna: alle 8 di lunedì mattina si parte. Scatta il ‘click day’, la procedura telematica per aggiudicarsi i 98mila permessi di soggiorno messi in palio dall’ultimo decreto flussi. Ed i datori di lavoro dovranno essere veloci, perché saranno accolte le domande che arriveranno prima al “cervellone” del ministero dell’Interno. Ad oggi, informa il Dipartimento per le libertà  civili e l’immigrazione, sono stati richiesti oltre 210mila moduli (170mila per colf e badanti e 40mila per lavoro subordinato) e le domande già  pronte per l’invio sono circa 115mila.

Un esodo dalle guerre

Frontex offre i numeri aggiornati: nei primi sette mesi del 2015 sono arrivati nell’Ue già 340mila migranti, in massima parte fuggiti dai conflitti in Siria, Afghanistan, Iraq ed Eritrea

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment