Roma: dalle “banche armate” alle tesorerie etiche

(www.unimondo.org)

Il logo del Convegno
Il logo del Convegno

“Dalle “banche armate” alle tesorerie etiche”: è questo il titolo del Convegno che si terrà a Roma sabato 3 Febbraio. In continuazione col primo Convegno della Campagna di pressione alle “banche armate” (Cambiare è possibile dalle “banche armate” alla responsabilità sociale – Roma 14 gennaio 2006), il convegno segna l’inizio del percorso “Territori Disarmanti” che diverse realtà tra cui la Rete Italiana Disarmo propongono a tutte le associazioni e agli Enti Locali.

“Il tema dell’esportazione italiana di armi non è marginale, considerato che – secondo i dati dell’ultimo Rapporto del SIPRI autorevole istituto di Stoccolma SIPRI – l’Italia nel 2005 è stata il sesto esportatore mondiale di sistemi militari (per un valore di oltre 827 milioni di dollari) e negli ultimi 5 anni più del 40% delle autorizzazioni all’esportazione di armi hanno riguardato Paesi del Sud del mondo per un valore complessivo di oltre 2.785 milioni di euro, mentre – come riportano le Relazioni del Ministero del Tesoro – le banche che appoggiano questo commercio solo negli ultimi tre anni hanno realizzato “compensi di intermediazione” per oltre 100 milioni di euro. Va ricordato inoltre che l’Italia è tra i primi cinque produttori al mondo di “small arms” (armi leggere e di piccolo calibro) e che da diversi anni è il secondo esportatore mondiale di questi sistemi d’arma” – segnalano i promotori dell’iniziativa.

L’intento della mattinata del Convegno è pertanto duplice: da un lato quello di presentare agli Enti Locali la “Campagna Tesorerie etiche” per stimolare la loro adesione, un’operazione che ha già in sé un forte impatto culturale e politico. Dall’altro quello di interrogare le istituzioni pubbliche e private (come ad esempio l’Associazione Bancaria Italiana-ABI che interverrà al Convegno) sull’applicazione della legge 185/90 (che regolamenta l’esportazione di armi italiane e la relativa attività delle banche) e le questioni etiche che essa solleva. Sarà anche importante ragionare, nel corso della mattinata sui cambiamenti annunciati dal Governo precedente e sulla posizione dell’attuale Governo per la parte che riguarda la Relazione del Ministero del Tesoro circa la trasparenza delle operazioni d’appoggio al commercio di armi.

Inoltre nel pomeriggio si affronteranno diverse tematiche facendo il punto sull’attività in corso in Italia e in Europa per cercare di dare prospettive concrete di lavoro futuro. Culmine della giornata sarà la Tavola Rotonda di confronto aperto tra posizioni molto differenti in termini di approccio al disarmo e all’export di armamenti: oltre ad esponenti delle Campagne e membri del Governo, interverranno infatti anche rappresentanti dei produttori di armi e analisti di area differente da quella del disarmo. Da segnalare anche l’intervento in teleconferenza di Beppe Grillo che è stato ‘pizzicato’ da un nostro recente articolo.

A seguito del successo dell’azione di pressione della Campagna ‘banche armate’ (promossa dalle riviste Missione Oggi, Nigrizia e Mosaico di Pace) sugli istituti di credito che appoggiano il commercio di armi, da qualche anno molti gruppi hanno iniziato a proporre un’analoga modalità di pressione anche agli Enti locali. L’idea di fondo è chiedere a Comuni, Province e Regioni di inserire nei propri bandi per la definizione della Tesoreria dell’Ente specifiche clausole che escludano o penalizzino Istituti ufficialmente coinvolti nel commercio di armamenti.

La Campagna “Tesorerie Disarmate” è rivolta in particolare verso quegli Enti locali che da vari anni compiono dichiarazioni ed azioni volte al sostegno dell’ideale della pace. Una proposta fattibile e concreta per la diffusione della mentalità per la pace, che è un passo indispensabile per la costruzione di una società realmente democratica. Dopo alcune prime esperienze e tentativi, di diversa efficacia e di vario successo, l’azione della Campagna si sta potenziando e raffinando, unendosi ad altre azioni che gli enti Locali stanno conducendo verso un’idea di Ente Locale Etico con una propria Tesoreria Etica.

I siti di riferimento sul tema delle “banche armate” e delle “Tesorerie Disarmate”:
www.territoridisarmanti.org
www.banchearmate.it
www.disarmo.org

Il PROGRAMA DEL CONVEGNO DI ROMA:
www.territoridisarmanti.org

Per approfondire:
– Dossier di Missione Oggi: (
Formato Acrobat .pdf 1.5 MB)
– Nigrizia:
Il bando di Tesoreria della Provincia di Roma

Per contatti:
Francesco Vignarca:
(coordinatore Rete Italiana Disarmo):
Cell: 328-3399267
Email: segreteria(at)disarmo.org

Giorgio Beretta
(coordinatore campagna “banche armate”):
Cell: 338-3041742
Email: berettagiorgio(at)gmail.com

/wp-contents/uploads/doc/“>


Related Articles

Corbyn spacca il Labour “No ai raid in Siria ma libertà di scelta per chi non è d’accordo”

Gran Bretagna. Dopo un lungo braccio di ferro, il leader Corbyn cede ai deputati interventisti. Ma perde consensi

Libia, Bani Walid resiste

Scaduto l’ultimatum, l’attacco è partito. Ieri mattina gruppi di ribelli hanno sferrato l’offensiva su Bani Walid, la città  a 180 chilometri a sud di Tripoli ancora sotto il controllo delle truppe fedeli a Muammar Gheddafi. Dopo giorni di tentativi di negoziati – trasmessi in parte in diretta dalla televisione satellitare al Jazeera – si è infine deciso di passare all’opzione militare.

Iraq, oltre 12mila i civili morti in attacchi kamikaze dal 2003 a oggi

Gli attacchi suicidi hanno provocato invece duecento vittime tra i soldati della coalizione internazionale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment