CAPITALISMO ULTRà€

Negli Usa, unico grande paese con un governo che estende l’intervento pubblico, il partito repubblicano del Maine, per le elezioni al Congresso – come notava Paul Krugman sul New York Times – ha un programma «antistatalista» che chiede l’abolizione della Federal Reserve (la banca centrale Usa) e del Ministero dell’istruzione. In Grecia la crisi finanziaria – seguendo le imposizioni di Bruxelles e Washington – è tutta pagata da spesa pubblica e salari, avviando l’economia alla depressione. In Germania Angela Merkel chiede rigore e rinunce. In Gran Bretagna, rendere più piccolo lo stato è uno dei pochi punti di accordo della coalizione tra conservatori e liberaldemocratici.
In Europa il Rapporto Monti rilancia le promesse mancate del «mercato unico». In Italia a guidare l’offensiva sono gli editoriali del Corriere della sera, mentre il ministro Tremonti prepara tagli a stipendi pubblici e pensioni, e progetta condoni per l’abusivismo. Le contromisure ragionevoli – controllare la finanza, un’imposta sui patrimoni, tasse ambientali – non hanno la forza politica di farsi sentire.
Per il capitalismo ultrà , è l’occasione per riportare indietro – agli anni Trenta, appunto – l’orologio della storia, per cancellare l’idea che esistano diritti sociali e beni comuni, che scuola e salute siano servizi da offrire a tutti, non da vendere a pochi. Per far dimenticare gli anni in cui gli orari di lavoro diminuivano e i salari permettevano una vita dignitosa.
E’ la storia già  raccontata da Naomi Klein in Shock economy (Rizzoli, 2007). Il capitalismo ora funziona con stati di emergenza. Se non sono colpi di stato (l’America latina da Pinochet in poi) o guerre (Iraq, Afghanistan, Israele), sono disastri ambientali o crisi finanziarie. Sono occasioni, costruite con cura, per colpire la democrazia, spostare poteri, allargare i mercati, assicurare i profitti. E per costruire – proprio attraverso le emergenze, e il loro uso mediatico – il consenso anche tra quell’80 per cento di cittadini che viene espropriato e impoverito. Nel nostro piccolo, abbiamo avuto Genova 2001, grandi opere e terremoti che hanno travolto i diritti e creato affari e corruzione, Draquila e la Protezione civile di Bertolaso. La farsa l’abbiamo già  vista, la tragedia questa volta potrebbe venire dopo.


Related Articles

Stefano Fassina “L’emergenza è lo sviluppo non la finanza pubblica”

Europa Per il responsabile economico del Pd le «chiavi» della crisi sono comunque nelle mani di Bruxelles

«Deficit italiano in regola» Ora la Ue chiede riforme

 Procedura chiusa. «Ma su Imu e Iva fondi da reperire»

Squinzi batte Bombassei 105 a 47 è a un passo dal vertice Confindustria

I risultati delle consultazioni dei saggi. Il 22 il voto della Giunta   Il patron di Brembo non convinto dai saggi, spera ancora in una sorpresa: vedremo i risultatiMontezemolo: “Campagna di veleni, infastidito per essere finito nello scontro”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment