Dal Consiglio dei ministri via libera allo schema per il permesso a Punti

ROMA -In Italia arriva il “permesso a punti”. Così è stato ribattezzato il nuovo schema di permesso di soggiorno uscito dal Consiglio dei ministri di ieri.

“Il Consiglio dei ministri ha approvato uno schema di regolamento, su proposta del presidente del Consiglio dei ministri e del ministro dell’Interno, inteso a stabilire i criteri e le modalita’ per la sottoscrizione, contestualmente alla presentazione della richiesta del permesso di soggiorno da parte dei cittadini stranieri, di un accordo di integrazione, articolato per crediti, da conseguire nel periodo di validita’ del permesso di soggiorno.

Redattore sociale Sergio Segio • 21/5/2010 • Immigrati & Rifugiati • 181 Viste

Sul provvedimento verranno acquisiti i prescritti pareri”. E’ quanto si legge nel comunicato di palazzo Chigi al termine del Cdm.

In pratica: si entra con una “dote” di 16 punti. L’espulsione dal territorio nazionale scatta quando si raggiunge quota “zero”, fermo restando che se non si incrementa la dote e non si arriva a 30, mostrando chiari segnali di integrazione (conoscendo la lingua, in primis, ma anche la cultura italiana, nonchè garantendo l’istruzione ai figli, o acquisendo loro stessi dei titoli di studio superiori) si rimane comunque a rischio. Insomma, l’immigrato si impegna con lo Stato italiano e guadagna crediti in base ai livelli che riesce a raggiungere. La sorta di “contratto” viene stipulato al momento dell’accesso in Italia (interessati gli stranieri tra i 16 e i 65 anni) e dura 2 anni. Per i minori è previsto l’impegno da parte dei genitori. Ovviamente, in caso di condanne, illeciti, ecc… l’iter è contrario e i punti si perdono e, toccata quota zero, scatta l’espulsione. Le verifiche biennali spetteranno allo sportello unico per l’immigrazione delle prefetture.

L’ok da parte del governo è arrivato dopo una serie di modifiche richieste da diversi ministri, che ha comportato un ammorbidimento del testo iniziale. Inizialmente, tra l’altro, il meccanismo prevedeva l’ingresso con zero punti e implicava che l’immigrato dovesse conquistarne sul posto una quantità  suficiente per passare la verifica.
Altre modifiche sono state sollecitate dai ministri Giorgia Meloni e Mara Carfagna. In particolare, nel regolamento è prevista l’obligatorietà  dell’accordo di integrazione nella fascia di età  che va dai 16 ai 65 anni. Da questo impegno però, come richiesto dal ministro della Gioventù, saranno esentati quei giovani che hanno completato il ciclo della scuola dell’obbligo, che già  di per sé rappresenta un chiaro segnale di integrazione. Quanto alla Carfagna, ha ottenuto l’esenzione del permesso a punti per i disabili e per chi è vittima della tratta di esseri umani. Unico punto ancora da definire, le sedi nelle quali tenere i test di conoscenza della lingua italiana.

© Copyright Redattore Sociale

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This