Israele assalta navi pacifiste, “Almeno 15 morti”, proteste

10:13 Ankara chiede ad Israele la consegna dei turchi feriti

Il governo di Ankara ha chiesto all’ambasciatore israeliano in Turchia, Gaby Levi, che Israele consegni al più presto i cittadini turchi rimasti feriti stamani nel corso dell’arrembaggio della Marina dello Stato ebraico alla flottiglia di navi che portavano a Gaza aiuti umanitari. Lo ha riferito l’emittente privata Ntv citando fonti del ministero degli Esteri turco

10:10 Berlino è “molto preoccupata”

Il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, si è dichiarato “molto preoccupato per quanto accaduto”

10:01 I giordani contro Israele: “Chiudete l’ambasciata”

E’ iniziata Ad Amman una manifestazione di protesta contro l’attacco subito dalla flotta di pacifisti diretti verso Gaza da parte della marina israeliana. Secondo quanto riferisce l’inviato della tv araba ‘al-Jazeera’, alcune centinaia di persone si sono ritrovate stamane davanti alla sede dei sindacati di Amman per esprimere la loro solidarietà  ai volontari uccisi e feriti nell’attacco. Tra i volontari della flotta partita la scorsa settimana dalle coste greche e turche ci sono anche 15 pacifisti giordani. I manifestanti chiedono l’immediata chiusura dell’ambasciata israeliana ad Amman

09:58 Israele avverte i suoi cittadini: “Lasciate la Turchia”

Le autorità  israeliane hanno chiesto ai propri cittadini presenti in Turchia di lasciare immediatamente il paese e di rientrare in patria. Lo ha annunciato la tv satellitare ‘al-Arabiya’. Le autorità  dello stato ebraico temono ritorsioni nei confronti dei propri cittadini presenti in Turchia per l’attacco eseguito dalla propria marina alla flotta di navi con a bordo numerosi pacifisti, tra cui diversi cittadini turchi, che si dirigevano verso la striscia di Gaza

09:57 Istanbul, proteste davanti al consolato d’Israele

Non si placa in Turchia la rabbia. Dopo l’attacco da parte della marina israeliana ai danni della nave turca che trasportava materiale umanitario sulla striscia di Gaza, a Istanbul, nel corso di un presidio davanti al consolato israeliano, nel quartiere di Levent, parte europea della città , la polizia sta faticando a contenere la rabbia della folla e ci sono stati numerosi momenti di colluttazione fra manifestanti e forze dell’ordine

09:56 Madrid chiede spiegazioni

Madrid, presidente di turno dell’Unione europea, convoca l’ambasciatore israeliano. “Vogliamo spiegazioni”

09:43 Il Kuwait convoca un Consiglio

Il Consiglio dei ministri del Kuwait convocherà  una riunione straordinaria per discutere l’azione israeliana e valutare il da farsi

09:41 Atene convoca l’ambasciatore d’Israele

Il governo d’Atene ha convocato l’ambasciatore d’Israele per ottenere spiegazioni

09:36 La Lega araba si riunirà  per “adottare una linea comune”

La Liga araba terrà  domani una riunione straordinaria per decidere sul da farsi dopo il raid israeliano contro la flotta internazionale in navigazione verso Gaza. Il segretario generale dell’organizzazione panaraba, Amr Moussa, ha spiegato che “una riunione si terrà  al Cairo per adottare una posizione araba collettiva”

09:34 L’esercito: “Ci sono 19 vittime”

Sale a 19 il numero delle vittime. Lo ha annunciatio una fonte ufficiale dell’esercito dello stato ebraico. Tra loro ci sarebbero almeno nove cittadini turchi e diversi arabi, anche se non è stata fornita la nazionalità  di tutte le vittime. Al momento sono stati inoltre ricoverati 16 feriti, tra cui 10 soldati israeliani colpiti con coltelli durante l’assalto alle navi dai volontari

09:22 Gli italiani sulla Freedom Flotilla

Sono almeno cinque gli italiani a bordo della flotta di navi dirette verso la striscia di Gaza partite la scorsa settimana dalla Turchia e dalla Grecia. Al momento non si hanno loro notizie perchè il telefono satellitare che avevano a bordo è spento. La Farnesina ha comunque comunicato che per il momento non risultano vittime tra i connazionali. A guidare la pattuglia di volontari italiani è la giornalista torinese Angela Lano, del sito internet ‘Infopal.it’, accompagnata dal cantante Joe Fallisi, da Manolo Luppichini, regista e reporter, dal freelance Manuele Zani. Con loro ci sono anche due palestinesi residenti in italia, dell’associazione umanitaria ‘Abspp’, Tamim Abdel Jaber e Munim Qaraqe. Non sono invece a bordo l’ex senatore comunista Fernando Rossi e Monia Benini, del movimento politico ‘Per il Bene Comune’, bloccati venerdì scorso dalle autorità  greco-cipriote che hanno impedito loro di imbarcarsi su una nave della flotta diretta verso Gaza.

09:22 Ue: “Inchiesta su attacco”

L’Unione Europea ha sollecitato un’inchiesta accurata sul sanguinoso attacco alla flotta umanitaria che era diretta verso Gaza e ha esortato Israele a consentire il libero fluire degli aiuti umanitari verso la Striscia di Gaza.

09:20 L’Autorità  palestinese: “Si riunisca l’Onu”

L’Autorità  nazionale palestinese ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite

09:20 Al Jazeera: 10 militari feriti

Secondo la tv satellitare al Jazeera i soldati israeliani feriti nell’attacco contro le navi dirette a Gaza sono 10 e sono stati ricoverati in ospedale. Il portavoce militare israeliano ha fissato a quattro il bilancio dei militari feriti, di cui uno in gravi condizioni.

08:56 Abu Mazen: “Un massacro”

Il presidente palestines Abu Mazen ha condannato il raid israeliano definendolo “un massacro” e ha decretato tre giorni di lutto nei Territori palestinesi

08:56 Riunione d’emergenza del governo turco

Una riunione d’urgenza di ministri e alti ufficiali delle forze armate turche si è svolta stamani nell’edificio del primo ministro ad Ankara, subito dopo l’attacco della marina israeliana contro la flottiglia di attivisti filo-palestinesi che portavano aiuti umanitari a Gaza. Lo riferisce l’agenzia Anadolu. Alla riunione, tuttora in corso, partecipano tra gli altri il vice premier Bulent Arinc, il ministro degli Interni Besir Atalay, il sottosegretario Efkan Ala, il comandante dello Stato Maggiore operativo generale Mehmet Eroz, il vice comandante della Marina ammiraglio Nusret Guner. Il primo ministro Tayyip Erdogan è assente in quanto impegnato in un viaggio ufficiale in vari paesi dell’America Latina.

08:54 Netanyahu in Canada in contatto con governo e forze armate

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu, in visita ufficiale in Canada, è in costante contatto con ministri e forze armate per seguire gli sviluppi della situazione. Il ministro della difesa Ehud Barak, secondo media locali, si è sentito per telefono con i ministri degli Esteri e della Difesa turchi, oltre a tenere in Israele urgenti consultazioni col capo di stato maggiore e con i capi dei servizi segreti

08:46 La Difesa israeliana: “Pacifisti hanno opposto resistenza, soldati feriti”

“Durante l’operazione i soldati israeliani hanno fronteggiato dure violenze fisiche – si legge in un comunicato della Difesa israeliana – Alcuni passeggeri hanno utilizzato coltelli e hanno tentato di strappare l’arma a uno dei soldati. Di fronte alla necessità  di difendere la propria vita, i soldati hanno impiegato dei mezzi anti-sommossa e hanno aperto il fuoco. Questi scontri hanno provocato diversi morti e feriti tra i passeggeri. Almeno quattro soldati sono stati feriti, di cui uno da un colpo d’arma da fuoco, e sono stati trasferiti in ospedali israeliani”

08:41 Esercito: “Oltre 10 vittime”

Sono “più di 10”, secondo l’esercito israeliano, le persone rimaste uccise nell’assalto al convoglio umanitario in rotta verso Gaza.

08:41 Farnesina: accertamenti su italiani a bordo

La Farnesina sta verificando se, nell’assalto israeliano alla flotta umanitaria in rotta verso Gaza, siano stati coinvolti anche gli italiani che erano sul convoglio di navi. Lo si apprende da fonti diplomatiche che hanno sottolineato che l’ambasciata e il consolato italiani sono in stretto contatto con le autorità  israeliane.

08:20 La Difesa israeliana conferma: “Morti e feriti”

L’esercito israeliano ha confermato in un comunicato che ci sono morti e feriti tra i passeggeri a bordo della nave assaltata dai commando della marina militare israeliana

08:17 La Difesa israeliana: “Ci hanno sparato”

Fonti della Difesa israeliana hanno dichiarato che dalla nave sono partiti spari contro i commando che stavano salendo a bordo

07:51 Hamas: “Intifiada contro ambasciate israeliane”

Il movimento islamico Hamas esorta arabi e musulmani di tutto il mondo a sollevarsi in un’intifada dinanzi alle ambasciate israeliane del globo, dopo il sanguinoso attacco israeliano alla flotta umanitaria in rotta verso Gaza.

07:49 Al Jazeera: “Probabile attacco in acque internazionali”

Secondo l’emittente del Qatar Al Jazeera, è probabile che sia confermata la denuncia degli attivisti a bordo della Freedom flotilla, secondo cui l’assalto sarebbe avvenuto in acque internazionali. Il corrispondente da Gerusalemme ha ricordato che mai, nelle passate missioni pacifiste condotte con navi, era stato possibile per i pacifisti entrare nelle acque territoriali di Gaza – controllate dalla marina israeliana, che li aveva sempre bloccati prima.

07:48 Israele, tensione con gli arabi

La polizia israeliana ha elevato lo stato di allerta nelle zona del Wadi Ara (60 chilometri a nord di Tel Aviv), dopo che nella città  di Um el-Fahem si è sparsa la voce – finora non confermata – che nell’attacco della marina israeliana alla flotta di attivisti filo-palestinesi diretti a Gaza sia stato ferito dai militari lo sceicco Raed Sallah, leader del Movimento islamico nel Nord di Israele, che vive a Um el-Fahem. La radio militare aggiunge che i vertici della polizia israeliana hanno condotto stamane una seduta di emergenza e che continuano a seguire da vicino l’evolversi della situazione nella popolazione araba

07:47 Ministro degli Esteri turco: “Inaccettabile”

Il ministero degli Esteri turco ha espresso la propria vibrata protesta all’ambasciatore israeliano in Turchia per il grave attacco – definito “inaccettabile” e ha messo in guardia da “conseguenze irreparabili”

07:47 Ministro israeliano: “Rammarico”

Un ministro israeliano ha espresso il proprio “rammarico per tutte le vittime” dell’assalto della marina alla flotta di attivisti pro-palestinesi diretti a Gaza.

07:44 Il comunicato degli attivisti

“Nel cuore della notte, commandos israeliani hanno abbordato la nave passeggeri turca “Mavi Marmara” sparandole contro (…) Israele ha dichiarato che sta entrando in possesso delle imbarcazioni. Lo streaming video mostra i soldati israeliani che sparano a civili, e il nostro ultimo messaggio spot diceva: ‘aiutateci, siamo stati abbordati dagli israelian’, continua la nota. “La coalizione formata dal Free Gaza Movement (fg), European Campaign to end the siege of Gaza (Ecesg), Insani Yardim vakfi (ihh), Perdana global peace organisation , Ship to Gaza Greece, Ship to Gaza Sweden, e International committee to lift the siege on Gaza lancia un appello alla comunità  internazionale per chiedere a Israele di fermare questo brutale attacco contro civili che stavano tentando di portare aiuti di vitale importanza ai palestinesi imprigionati a Gaza e di consentire alle navi di continuare il loro cammino. L’attacco è avvenuto in acque internazionali, a 75 miglia al largo della costa di Israele, in violazione del diritto internazionale”, aggiunge il comunicato.

07:42 La protesta turca

La Turchia ha convocato l’ambasciatore israeliano ad Ankara dopo l’assalto militare DI Tsahal a una nave turca, che partecipava al convoglio umanitario filo-palestinese in rotta verso Gaza. Lo ha reso noto un diplomatico turco. “L’ambasciatore Gabby Levy è stato convocato al ministero degli Esteri. Faremo presente la nostra reazione nei termini più perentori”, ha detto il diplomatico, che ha voluto rimanere anonimo. Intanto il vice-premier Bulent Airnc ha convocato una riunione di emergenza ad Ankara a cui partecipano tra l’altro il ministro dell’Interno, il comandante della Marina e il capo delle operazioni dell’esercito

07:41 Al Jazeera: “I morti sono almeno 15”

Secondo la tv del Qatar Al Jazeera, le vittime dell’attacco sono salite almeno a 15

07:35 Israele: censura su morti e feriti

La censura dell’esercitoisraeliano ha bloccato la pubblicazione di qualsiasi notizia di vittime, feriti o ricoverati in ospedali israeliani, dopo l’assalto alla flotta umanitaria in rotta verso Gaza.

07:34 Hamas: “Terrorismo di Stato”

Hamas ha denunciato stamane a Gaza l’arrembaggio della flottiglia di aiuti umanitari e di attivisti filopalestinesi da parte della marina israeliana, affermando che si tratta di “terrorismo organizzato di Stato”.

07:33 “I morti sono almeno 10”

Almeno dieci passeggeri della flotta internazionale di attivisti pro-palestinesi che si dirigeva verso Gaza sono rimasti uccisi durante l’assalto di un commando israeliano. Lo ha annunciato la catena televisiva privata israeliana “10”. La Cnn turca, invece, parla di due morti e di 30 feriti

07:32 Le prime testimonianze

Le forze di sicurezza israeliane hanno intercettato almeno una delle sei imbarcazioni della flotta internazionale di attivisti pro palestinesi che si dirigevano verso Gaza. Lo ha annunciato la tv di Hamas, mostrando immagini dei feriti, mentre la radio israeliana ha riportato la testimonianza di un giornalista arabo a bordo di una delle imbarcazioni che per primo ha parlato di vittime a bordo

07:31 Attacco nella notte

La marina militare ha assaltato nella notte una nave del convoglio Freedom Flotilla, organizzato dalle ong internazionali e diretto verso Gaza


Related Articles

L’Algeria si aggrappa al presidente fantasma Bouteflika

Elezioni in Algeria. Il malato Bouteflika verso la riconferma

Sfida a Obama

Negli Usa i repubblicani approfittano del downgrading per scaldare la campagna elettorale in vista del 2012. Obiettivo: riprendersi la Casa Bianca

Il texano che arringa le folle come un profeta. L’eroina del Tea Party legata alle chiese fondamentaliste che ha oscurato Sarah Palin. I “gemelli-coltelli” mormoni e miliardari. Tra i repubblicani è già  partita la sfida per le primarie e la corsa ad accaparrarsi i voti della destra più estrema. Con un unico “mantra”: la recessione che attanaglia l’America è colpa di Obama. Il governatore Rick Perry è sceso in campo con una “preghiera per salvare” il Paese. Tra gli elettori più radicali, decisivi nelle primarie, Michele Bachman conquista consensi. Mitt Romney e Jon Huntsman sono i rappresentanti dell’establishment del partito Il primo test sarà  domani con un dibattito organizzato da Fox News

Sanità per tutti, ma niente riassunzioni Cosa resta (e cosa no) delle promesse

Nella lista inviata a Bruxelles mancano le opere pubbliche. Difesi i disoccupati morosi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment