L’ira di Mosca per i missili Usa al confine russo

«La presenza dei missili Patriot in Polonia rende il Paese più sicuro e contribuisce a rafforzare la cooperazione con gli Stati Uniti», ha assicurato il ministro Klich. Oltre alla batteria di razzi, a Morag stazioneranno anche 100 soldati dell’esercito a stelle e strisce, arrivati da una delle basi americane presenti in Germania. Secondo Klich «più America ed Europa in Polonia significa più Polonia nella politica americana ed europea». I soldati Usa dovrebbero restare a Morag fino al 2012, ovvero, fino al dispiegamento completo con l’arrivo della seconda batteria di Patriot. Inoltre, saranno proprio gli americani ad addestrare i soldati polacchi all’uso e alla manutenzione dei missili. Una presenza quella americana che, tutto sommato, non dispiace agli abitanti di Morag, che sperano di approfittarne in termini commerciali e dare stimolo all’economia locale.
Di tutt’altro avviso Mosca. L’ufficio stampa del ministero degli esteri russo ha rilasciato mercoledì un comunicato in cui è evidente l’irritazione del Cremlino: «Il piazzamento della batteria di missili americani a Morag non serve a rafforzare la sicurezza generale della regione e di certo non rafforza lo sviluppo di reciproca fiducia». La città  di Morag si trova a 60 km dal confine con l’enclave russa di Kaliningrad e dal punto di vista del Cremlino non è chiaro perché «americani e polacchi abbiano bisogno di due batterie di missili Patriot proprio a ridosso del confine». In ogni caso, hanno fatto sapere fonti anonime, la Russia non ha intenzione di schierare i missili Iskander nella regione di Kaliningrad in risposta all’istallazione dei Patriot in Polonia. «Non è una minaccia ai nostri vicini e la Polonia non considera la Russia una minaccia», ha replicato il ministro della difesa polacco.
«Noi abbiamo buone relazioni con tutti i nostri vicini – ha ribadito Klich – stiamo solo modernizzando il nostro esercito e il nostro sistema di difesa aerea perché siamo membri della Nato e dell’Unione europea». Ieri però il ministro degli esteri russo Lavrov in una conferenza stampa a Mosca ha chiesto «spiegazioni dettagliate» a Washington e Varsavia sulla faccenda. «Siamo contrari a una nuova corsa agli armamenti in Europa – ha detto Lavrov – e fino ad ora le uniche risposte che abbiamo avute sono quelle di stare tranquilli perché non è una minaccia».
Insomma, la vicenda rischia di riaprire un nuovo turbolento fronte nei rapporti diplomatici tra Mosca e Varsavia. Il dispiegamento dei Patriot era stato pianificato in origine durante l’amministrazione Bush su richiesta insistente del governo polacco. Richiesta che l’allora segretario di stato americano Condoleezza Rice dovette esaudire affinché la Polonia entrasse a far parte del piano di difesa missilistico strategico, meglio conosciuto come Scudo spaziale, ospitando sul suo territorio dieci missili intercettori a lungo raggio. Con l’ingresso di Obama alla Casa Bianca, il progetto originario dello scudo spaziale venne stracciato. Ma i Patriot sono rimasti comunque nella contropartita polacca e continuano ad essere argomento piccante per le diplomazie.


Related Articles

Norvegia sotto shock: 92 morti. Stoltenberg: “Tragedia nazionale”. Polizia: “Arrestato unico responsabile”

Norvegia sotto shock: 92 morti Stoltenberg: "Tragedia nazionale" Polizia: "Arrestato unico responsabile"Utoya, il premier norvegese Jens Stoltenberg abbraccia il leader dei giovani laburisti Eskil Pedersen
 E’ cresciuto drammaticamente il numero delle vittime della doppia azione terroristica che ieri ha colpito Oslo, dove una bomba ha devastato la sede di un tabloid nei cui pressi sono anche l’ufficio del premier e alcuni ministeri, e l’isola di Utoya, a circa 40 chilometri dalla capitale, dove un uomo travestito da poliziotto ha radunato i giovani del camp estivo del partito laburista per poi fare fuoco su di loro.

Conferenza sulla Libia, alla fine Haftar arriva a Palermo, mentre il controvertice manifesta

L’«uomo forte della Cirenaica» incontra Conte solo in tarda serata. Associazioni, sindacati e ong in piazza contro guerra e razzismo

Atene, attacco all´ambasciata Usa

Razzo sull´edificio. Rivendicazione del gruppo “Lotta rivoluzionaria” (La Repubblica, Pagina 17 – Esteri)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment