Navi attaccate da Israele, 19 vittime. A bordo anche 4 italiani

ROMA – Almeno 19 morti, secondo l’ultimo aggiornamento di Al Jazeera. È questo l’ultimo bilancio dell’attacco effettuato dalla marina militare israeliana alle navi della Gaza Freedom Flottilla, la “marina di pace” che conta a bordo centinaia di attivisti internazionali diretti a Gaza nel tentativo di rompere l’assedio e introdurvi convogli umanitari. Secondo quanto diffuso da membri a bordo, la nave turca “Mavi Marmara” che faceva parte del convoglio sarebbe stata attaccata da navi dell’esercito israeliano Tsahal verso le 4 del mattino e colpite con armi da fuoco. Diversa la versione diffusa in un comunicato dall’esercito israeliano che afferma di aver avvicinato la Freedom Flottilla e di essere stato stato colpito a fuoco dai manifestanti. È degno di nota il fatto che i partecipanti sono persone assolutamente pacifiche, disarmate, il cui unico scopo è quello di portare gli aiuti alla popolazione di Gaza, come sostiene su www.infopal.it Angela Lano, presente in una delle navi. 

La Farnesina ha reso noti i nomi degli italiani a bordo: si tratterebbe della giornalista torinese del portare informativo InfoPal Angela Lano, insieme al cantante Joe Fallisi, al regista e reporter Manolo Luppichini, e al freelance Manuele Zani. A bordo sarebbero presenti anche  Tamim Abdel Jaber e Munim Qaraqedue, cittadini palestinesi residenti nel nostro paese e membri della onlus ‘Abspp’. Sembra invece confermato che non siano sulle navi l’ex senatore comunista Fernando Rossi e Monia Benini, del movimento politico ‘Per il Bene Comune’, bloccati venerdì scorso dalle autorità  greco-cipriote. Non è chiaro se tra gli italiani vi fosse anche Angelo Stefanini, medico bolognese che lavora a Gerusalemme.

Le navi si stanno dirigendo verso i porti israeliani di Haifa e Ashdod, dove attivisti israeliani intendono organizzare una manifestazione di protesta contro l’attacco. La Ue chiede di fare luce sull’attacco mentre sono in corso proteste davanti all’ambasciata israeliana in Turchia.
Hamas ha fatto appello ai cittadini arabi per mobilitazioni in tutto il mondo e si teme lo scoppio di una nuova violenta Intifada. Tra i morti ci sarebbe, secondo la stampa, araba anche un leader del Movimento islamico lo sceicco Raed Salah. (mcr)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Siria. Gli USA bombardano le famiglie dei miliziani Isis: 106 morti, 42 bambini

Siria. Dall’insediamento di Trump alla Casa Bianca, si è moltiplicato il numero di morti tra Siria e Iraq

Carneficina irachena: mille morti in un mese

Iraq. Kerry chiede ai curdi di sostenere Baghdad, ma Barzani minaccia un referendum per l’indipendenza

“Gheddafi è a Sirte dentro un bunker” la Nato bombarda la città  del Colonnello

L’allarme dell’Eliseo. Migliaia di ribelli in marcia, infuriano gli scontri.  I tornado britannici stanno facendo un po’ di pulizia. Presto attaccheremo. Stiamo aspettando il via da parte dei nostri che si sono infiltrati nella città  del raìs. Ci vorranno al massimo tre giorni per conquistare il porto. I lealisti non ci fanno paura. Quando cattureremo il Colonnello, non lo spediremo alla Corte internazionale dell’Aja. Sarebbe un’ammissione d’impotenza. La nuova Libia sarà  un Paese democratico e quindi in grado di processare anche il peggiore dei criminali 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment