Pakistan – attentato a lahore. Attacchi a moschee: almeno 70 morti

ISLAMABAD – Un doppio assalto alle moschee di Lahore, in Pakistan, durante il venerdì di preghiera islamico. Commando di uomini armati di granate hanno assaltato due luoghi di culto, nei quartieri di Garhi Shahu e Model Town, provocando almeno 70 morti e 80 feriti, secondo un bilancio ancora provvisorio fornito dal vice governatore di Lahore, e bloccando circa due mila fedeli. Dopo alcune ore di scontri tra i miliziani e le forze dell’ordine, gli ostaggi sono stati tutti liberati. Lo riferiscono le emittenti televisive pachistane. Gli attacchi hanno preso di mira la setta islamica Ahmadi, in passato spesso bersaglio delle organizzazione fondamentaliste sunnite. I luoghi di culto si trovano a diversi chilometri di distanza l’uno dall’altro.

RIVENDICAZIONE – L’attacco è stato rivendicato dalla branca del Punjab del Tehrik-i-Taliban Pakistan (Ttp), movimento armato clandestino talebano in lotta con il governo centrale di Islamabad. Lo riferisce Geo Tv. Le forze di sicurezza hanno prima portato a termine l’operazione nella moschea di Model Town, dove sono stati liberati circa 1.500 fedeli. Qui sono state segnalate dieci vittime: sette terroristi hanno sferrato l’attacco alla moschea e gli agenti ne hanno uccisi cinque. Un altro è stato arrestato nel corso dell’operazione. Più tardi, sono tornati liberi anche i fedeli intrappolati nella moschea di Garhi Shahu.

RAID WAZIRISTAN – Intanto è di almeno dodici morti il bilancio di un raid aereo compiuto venerdì mattina nel Waziristan pakistano. Secondo Al-Jazeera un aereo senza pilota, probabilmente americano, ha lanciato alcuni razzi sul villaggio di Permel in mano ai talebani. In un altro attacco, sferrato dall’esercito pakistano nella zona dell’Orakzai, nella parte meridionale dell’area tribale del Pakistan, sono morti 40 talebani.


Related Articles

Gli scontri sconfinano in Libano, sei vittime

SIRIA Battaglia a Tripoli tra sunniti e sciiti

Afghanistan. Italiani a Farah per «combattere» Ma il ministro Pinotti tace

Guerra afghana. In seguito alla minaccia di un possibile attentato talebano al governatorato di Farah, soldati italiani e americani si sono spostati nella provincia centroccidentale afgana

Presidente, le bombe no

Abbiamo il massimo rispetto per la persona e il fare del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ma il rispetto non esclude il dissenso, anzi si dissente solo da soggetti importanti e rispettati.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment