Ripristino tariffe postali agevolate, “moderata soddisfazione”

ROMA – “Moderata soddisfazione” così si esprime il portavoce del Forum del Terzo Settore Andrea Olivero “per il varo al Senato – seppur con la fiducia – del decreto legge incentivi che, grazie a un emendamento (Bobba Pugliese), ripristina le tariffe postali agevolate. E’ stato fatto un primo passo verso una presa di coscienza del problema da parte delle Istituzioni in seguito alla nostra mobilitazione”. “Ma – prosegue Olivero – il raddoppio apportato alle tariffe agevolate a 2010 inoltrato non ha permesso alle associazioni di prevederle nel bilancio e ciò ha causato o causerà  gravi ritardi e soppressione di numeri se non di testate. Inoltre lo stanziamento di 30 milioni di euro previsto dal Decreto Legge Incentivi appare insufficiente. Chiediamo quindi alle forze politiche – conclude Olivero – di far slittare le nuove tariffe al 2011 e di reintegrare, per tutto il 2010, le tariffe postali agevolate precedenti”.

Il Forum del Terzo Settore aveva già  accolto positivamente l’approvazione in Commissione Finanze e Attività  Produttive della Camera dell’emendamento al Decreto Incentivi che, reperendo i fondi, riapre la strada al ripristino delle tariffe postali agevolate. Affermava infatti in precedenza il portavoce del Forum: “Sosteniamo questa iniziativa parlamentare che, raccogliendo le istanze espresse da tutto il mondo dell’editoria non profit rappresentato anche dal Forum del Terzo Settore, è volta alla risoluzione della questione legata all’abolizione delle tariffe postali agevolate”.“Auspichiamo la più ampia convergenza sul testo in tutti i successivi passaggi parlamentari ed una sua rapida approvazione anche in Aula” prosegue Olivero che conclude  “Il diritto delle associazioni ad informare i cittadini e dei cittadini ad essere informati non può essere procrastinato.

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Canapa medica, tutti i diritti negati ai malati

Ad Avezzano, un giudice ha imposto alla Asl di pagare per la fornitura di tre grammi al giorno di cannabis ad un malato di sclerosi multipla, pur se non ordinati da un ospedale. È un bel segnale a livello culturale, tuttavia i diritti dei malati a curarsi coi cannabinoidi ed a conoscere le procedure per ottenerli sono ancora ampiamente disattesi. Vale perciò la pena di ricostruire lo stato dell’arte e fornire ai malati ed ai loro medici le informazioni necessarie.

Amato: “Antidoping nelle scuole”

Proposta del ministro contro le droghe. Ferrero: antidemocratico (la Repubblica, MARTEDÌ, 13 MARZO 2007, Pagina 18 – Cronaca)

Sfratti, scontro Alemanno-Zingaretti

ROMA. Corteo del Movimento di lotta per la casa fino sotto la Regione Lazio. Il governatore li riceve
Il sindaco uscente chiede lo «sgombero immediato» delle occupazioni In città  30 mila famiglie rischiano di finire in strada. Lombardia e Lazio le regioni peggiori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment