Sigarette sempre più “in rosa”. E le donne si ammalano quanto gli uomini

ROMA – L’abitudine alle “bionde” tende al rosa. E’ sempre più ridotto, infatti, il divario tra uomini e donne. Lo rivela il Rapporto sul fumo in Italia 2010 realizzato dall’Osservatorio fumo alcol e droghe dell’Istituto superiore di sanità  e presentato oggi durante il XII Convegno nazionale tabagismo e servizio sanitario nazionale organizzato in occasione della Giornata mondiale senza tabacco. La percentuale dei fumatori infatti è in calo, mentre le donne sono più restie ad abbandonare le sigarette. Per questo motivo l’Organizzazione mondiale della sanità  (Oms) ha puntato sulle fumatrici per celebrare il World no-tobacco day, che si tiene oggi, intitolandolo “Gender and tobacco with an emphasis on marketing to women – Le strategie di marketing del tabacco rivolte alle donne”.

Le donne costituiscono circa il 20% di oltre un miliardo di fumatori nel mondo. E questa cifra è destinata ad aumentare. In Italia le fumatrici sono 5,2 milioni (19,7%), contro i 5,9 milioni degli uomini (23,9%). Le donne che hanno detto addio alle “bionde” sono 2,6 milioni (il 9,8%), mentre gli ex fumatori sono 3,9 milioni (il 15,7%). In totale si fuma di più nella fascia d’età  tra i 45 e i 64 anni, ma l’età  media della prima sigaretta è 17 anni. Secondo l’indagine “Passi”, realizzata con un pool di Asl, nel 2009 la percentuale media dei fumatori è stata del 28,7%. Ci sono però alcune differenze tra regione e regione, con una diminuzione dei fumatori al Nord e un aumento al Sud. Il Veneto è la regione più virtuosa con il 24,8% di fumatori, mentre la percentuale più alta spetta all’Abruzzo con il 31,5%.

“E’ la prima volta che le donne e gli uomini fumano quasi allo stesso modo. Purtroppo non è un bel risultato, ma ci indica la direzione da seguire nell’insistere a promuovere stili di vita sani e modelli di prevenzione – ha commentato il presidente dell’Istituto superiore di sanità  Enrico Garaci –. Particolarmente preoccupante è la crescente incidenza del consumo di tabacco fra le ragazze”. Il nuovo rapporto dell’Oms “Donne e salute” prova che “la pubblicità  delle sigarette è sempre più indirizzata alle giovani. I dati provenienti da 151 paesi mostrano che circa il 7% delle adolescenti fuma rispetto al 12% dei coetanei. In alcuni paesi il numero delle fumatrici è quasi pari a quello dei ragazzi”.

“Le donne fumatrici si ammalano e muoiono di tumore al polmone e di altre malattie legate al fumo come gli uomini – ha detto Carlo La Vecchia, Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri” di Milano –. In termini di rischio assoluto vi è un’identità  tra i due sessi. Per evitare in Italia un’epidemia di malattie legate al fumo analoga a quella osservata negli Stati Uniti e in molti Paesi del Nord Europa, è prioritario che le donne italiane che oggi hanno tra i 40 e i 60 anni smettano di fumare. E’ infatti tra queste generazioni, nate tra il 1950 e il 1970, che il fumo si è diffuso, ed è nelle stesse generazioni che ora cominciano a diffondersi le malattie e le morti associate al tabacco”.

E proprio alle donne è dedicata l’iniziativa della Fondazione Umberto Veronesi “No smoking be happy”, un programma educativo centrato sui benefici del non fumare. La campagna prevede anche una mostra multisensoriale: si tratta di un’installazione a forma di sigaretta attraverso cui è possibile effettuare un percorso virtuale dentro il corpo umano per osservare, sentire, annusare e toccare quello che il fumo provoca all’interno del corpo. La mostra itinerante è partita da Milano toccando varie città , e nei prossimi mesi sarà  inaugurata a Firenze e Torino. (mt)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Carceri: continua a regnare la confusione sul problema della giustizia

riforme carcerarie

Il Dap difende la politica del governo mentre alla Camera si preferisce parlare di riforma del condominio

Stangata sugli immigrati

Tra gli 80 e i 200 euro per il permesso di soggiorno. Un’eredità  Tremonti-Maroni che Monti non ha cancellato. «È una tassa sulla povertà »

L’abisso delle prigioni

PER una volta, mi metterò nei panni di Giorgio Napolitano. Il quale sapeva, come me e come voi, che il suo messaggio sulle carceri gli sarebbe stato ritorto contro come un vile espediente per trarre dalle peste Silvio Berlusconi. Che ci sono esponenti politici e uomini di spettacolo che sulla rendita di insinuazioni come queste ingrassano. Che la corruzione di comportamenti e lo scandalo di sentimenti di un ventennio sfinito hanno esacerbato l’opinione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment