Sovraffollamento: primi in Europa. Ionta a Rebibbia

Per diventare i primi dei 47 paesi del Consiglio d’Europa siamo riusciti a recludere nelle patrie galere costruite per 43 mila posti circa 68 mila persone. Di cui solo 35.800 condannati. Con un’accelerazione impressa negli ultimi 45 mesi durante i quali la popolazione detenuta è cresciuta di 29 mila unità , circa 650 persone in più al mese, abbiamo lasciato ai blocchi di partenza perfino Cipro, Grecia, Serbia e Russia.
Sono i dati contenuti nel dossier che verrà  presentato oggi dall’associazione Antigone, in occasione dell’assemblea nazionale che si svolgerà , non a caso, proprio all’interno del carcere romano di Rebibbia alla presenza di Franco Ionta, capo del Dipartimento di amministrazione penitenziaria. A confrontarsi su una delle più scottanti emergenze italiane ci saranno rappresentanti di tutti le tipologie di operatori penitenziari: volontari, avvocati, politici, sindacalisti, giornalisti, detenuti, magistrati e agenti penitenziari. Non a caso il titolo scelto per l’incontro è «Overbooking. Il protagonismo degli operatori. Come uscire dalla crisi penitenziaria preservando i diritti umani». «L’idea è quella di far parlare voci diverse, spesso non collimanti, ma tutte interne alla realtà  carceraria e quindi ben consapevoli dell’urgenza di trovare una soluzione giusta, sistematica e duratura al problema del sovraffollamento – spiega Patrizio Gonnella, presidente di Antigone -. Bisogna creare una grande alleanza riformatrice per rendere consapevole della tragica situazione anche la classe politica». La presenza di Ionta e la disponiblità  del direttore di Rebibbia, Carmelo Cantone, testimoniano invece la piena consapevolezza dell’amministrazione penitenziaria. Voci diverse per sostenere che il ddl Alfano sulle carceri è «inutile» perché, spiega ancora Gonnella, «non estende l’applicazione delle misure alternative oltre quella già  prevista dalla legge Gozzini», soprattutto dopo che l’emendamento governativo ha stralciato l’istituto della “messa alla prova” e ridotto la detenzione domiciliare per chi deve scontare meno di un anno da misura obbligatoria a discrezionale.
Ci vuole altro che un piano edilizio o un commissario dai poteri straordinari, se si pensa che solo la Moldavia, il Lichtenstein e la Bulgaria hanno un tasso di incarcerazione superiore a quello italiano per motivi legati alla droga: da noi il 26,8% dei reclusi è tossicodipendente e il 36,1% dei reati commessi dalla popolazione reclusa è per droga, contro il 16,1 dell’Inghilterra o il 15,4 della Germania. Il grosso del sovraffollamento, infatti, si è ottenuto in un paio d’anni, tra il 2007 e il 2008: esattamente il periodo di maggior applicazione della legge sulle droghe Fini-Giovanardi varata nel 2006. Mentre in Austria in quel periodo la popolazione carceraria diminuiva dell’11,2% e in Germania del 4%, in Francia aumentava del 4,2% e in Inghilterra del 3,6% (unico paese che riesce a superarci nel tasso di carcerazione: 152 detenuti ogni 100 mila abitanti contro i nostri 110), l’Italia superava tutti con un incremento del 22,5%.


Related Articles

Un anno di Covid nelle celle. La Relazione del Garante campano dei detenuti

La Relazione è stata presentata a Napoli dal Garante campano Samuele Ciambriello, alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale, Gennaro Oliviero, e del Garante nazionale Mauro Palma

La questione casa a Roma e la costruzione delle «banlieue»

Casa. Dal problema dell’impoverimento alla chiusura dei residence: come affrontare la sofferenza abitativa.

Conte concede il cambio di passo, ma è giallo sul prolungamento dell’emergenza

Per le riaperture ci sarà un decreto legge «per coinvolgere di più il parlamento». Nelle bozze del decretone “rilancio” un articolo prevederebbe altri sei mesi di stato di eccezione, fino al 31 gennaio 2021

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment