Ciad, si aggrava la crisi nutrizionale: Msf chiede di aumentare l’assistenza

Oltre il 5% dei bambini sotto i 5 anni con malnutrizione acuta rischia di morire nella regione di Hadjer. La ‘stagione della fame’ è appena iniziata, molti bambini rischieranno di diventare gravemente malnutriti nelle prossime settimane

Redattore Sociale Sergio Segio • 15/6/2010 • Globalizzazione,sviluppo, multinazionali • 146 Viste

ROMA – La zona del Sahel in territorio ciadiano sta attraversando una delle peggiori crisi alimentari degli ultimi anni. Medici Senza Frontiere (Msf) chiede di incrementare e accelerare le operazioni di assistenza umanitaria per rispondere ai bisogni della popolazione più vulnerabile, soprattutto dei bambini sotto i 5 anni di età . La scarsità  di precipitazioni, i mancati raccolti, l’aumento del prezzo delle derrate alimentari, il rapido esaurimento delle riserve di cibo e il difficile accesso ai servizi sanitari, sono alcuni dei fattori che hanno contribuito all’innalzamento dei livelli di malnutrizione. Nella regione di Hadjer Lamis, una recente analisi dello stato nutrizionale mostra che più del 5% dei bambini sotto i 5 anni di età  soffre di malnutrizione acuta e rischia di morire. Oggi, in questa sola regione, circa 5mila bambini hanno urgente bisogno di assistenza alimentare.  “Siamo molto preoccupati per il numero di bambini gravemente malnutriti che stanno visitando i nostri operatori: quasi 3 mila bambini sono rientrati nei nostri programmi nel mese di maggio”, spiega Benoit Kayembe, Coordinatore medico per le emergenze di Msf in Ciad.

L’attuale aumento della malnutrizione è un campanello di allarme perché siamo soltanto all’inizio della cosiddetta “stagione della fame”. Molti bambini rischieranno di diventare gravemente malnutriti nelle prossime settimane, ovvero prima del prossimo raccolto previsto per il mese di ottobre. Le autorità  nazionali e gli altri organismi locali e internazionali, hanno iniziato ad affrontare questa grave crisi alimentare, ma nonostante i numerosi sforzi, molte comunità  ancora non ricevono alimenti e assistenza nutrizionale. Msf chiede che venga rafforzata l’assistenza  umanitaria immediata in tutte le aree colpite dalla crisi per rispondere ai bisogni della popolazione più vulnerabile, soprattutto dei bambini sotto i 5 anni di età .

Msf sta attualmente portando avanti una serie di interventi per l’emergenza nutrizionale nelle regioni di Hadjer Lamis, Batha, Guéra, Salamat e Quaddai, così come nella capitale N’Djamena. Le attività  si sviluppano nei centri terapeutici nutrizionali, attraverso visite ambulatoriali e ricoveri, e nelle prossime settimane è prevista una distribuzione di cibo per più di 60mila bambini. Il Ciad non è il solo paese che sta attraversando questa crisi alimentare. Il numero dei bambini malnutriti sta infatti aumentando in molti paesi ubicati nella regione del Sahel. In Niger, Mali, Burkina Faso e Sudan Msf ha iniziato programmi per l’emergenza nutrizionale e ha rafforzato quelli già  esistenti. Medici Senza Frontiere lavora in Ciad dal 1981. Attualmente fornisce assistenza medica alla popolazione residente e agli sfollati ad Abéché, Adé, Kerfi and Dogdoré, così come ai rifugiati provenienti dai vicini Sudan (Darfur) e Repubblica Centroafricana.

© Copyright Redattore Sociale

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This