Detenuti morti ma “fuori dalle statistiche”

MILANO – Per il ministero della Giustizia i casi di suicidi e decessi avvenuti in carcere sono stati 59 nel 2009 e 28 dall’inizio del 2010, ma per il Centro Studi di Ristretti Orizzonti (giornale del carcere di Padova) sono di più: almeno altri 13 nel 2009 e 7 nel 2010. Gli ultimi due casi sono recenti. Il 22 giugno Thomas Gà¶ller, 43 anni, si impicca in provincia di Bolzano dopo aver saputo che sarebbe dovuto rientrare in carcere per non aver rispettato i termini di custodia cautelare. Mentre il 27 giugno Y.A., marocchino di 22 anni, si uccide nei locali della Questura di Agrigento, forse per il timore di essere rimpatriato.

Le statistiche del ministero della Giustizia non tengono conto dei decessi che avvengono in strutture detentive che fanno riferimento ad altri ministeri, come i Cie, gli ospedali giudiziari, le caserme e le questure. “Inoltre non si tiene conto dei decessi che sono stati causati nelle strutture detentive ma che avvengono fuori dal carcere”, afferma Francesco Morelli, di Ristretti Orizzonti. Se un detenuto cerca di uccidersi o viene picchiato in carcere, ma poi muore in ospedale, non viene classificato come vittima del carcere: emblematico è sotto questo aspetto, il caso di Stefano Cucchi, che infatti non risulta nelle statistiche del ministero.

“Raccogliere i dati è per noi molto difficile -continua Francesco Morelli- le istituzioni cercano sempre di fare passare i decessi come casi clinici e i dati del nostro Centro studi vengono raccolti spesso da canali informali, come famiglie, avvocati, volontari o agenti penitenziari. Per questo riteniamo siano comunque stime per difetto”. Il caso di Francesco Mastrogiovanni, morto legato al letto nell’ospedale giudiziario di Salerno dopo tre giorni di sofferenza è emblematico: “Sono vicende che emergono fortuitamente, perché qualcosa va storto nel processo d’insabbiamento, ma sono la punta di un iceberg fatto da tanti casi sospetti spesso classificati in tutta fretta come decessi naturali”. (Andrea Legni)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Centocelle. Una strage da stigma sociale

Portano in tanti bigliettini e lettere di commiato e di dolore; e hanno scritto uno striscione, forse tardivo, ma vero e necessario: «Sono morti del quartiere»

Suicida in cella a 22 anni «Denunciava violenze»

Dopo la visita dallo psichiatra. San Vittore: nessun abuso

Un altro lavoratore si dà  fuoco in strada

Non si arresta la catena di morti indotte dalla crisi, ormai al ritmo di una al giorno. Intanto il Paese sprofonda in una recessione che pare senza fine. Il ministro dello Sviluppo: agire subito. In Italia ogni anno si tolgono la vita più di tremila persone. Sono in costante aumento i casi di suicidio dovuti a motivi economici o di lavoroI conti li faremo alla fine di questo annus horribilis 2012, ma il dato ormai è certo. Saranno sempre di più le persone disperate che decideranno di togliersi la vita perché hanno perso il lavoro o perché sono diventate povere a causa della crisi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment