Ilva Taranto, vertici indagati per disastro ambientale

I vertici dell’Ilva di Taranto sono indagati per disastro ambientale. Lo riferiscono oggi (30 giugno) alcuni quotidiani locali. A quanto si apprende, Emilio e Nicola Riva, proprietario e presidente del gruppo siderurgico, e altri due dirigenti dello stabilimento, sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla procura di Taranto. Il disastro ambientale sarebbe dovuto all’inquinamento da diossina nella zona industriale della città . Gli altri due indagati sono il direttore dello sito, Luigi Caporosso, e il responsabile area dell’agglomerato, Antonio Cavallo.

L’inchiesta era stata avviata dopo l’accertamento della contaminazione, ai danni di animali e sostanze alimentari, proprio a ridosso della zona industriale di Taranto. La procura ha compiuto accertamenti e ne ha disposti di nuovi, servendosi dell’incidente probatorio. Ha quindi formulato l’accusa di disastro ambientale colposo, avvelenamento colposo di sostanze alimentari e getto pericoloso a carico dei quattro inquisiti.


Related Articles

L’auto corre ancora in Borsa Industrial, outlook stabile

Dall’esordio, il titolo Fiat Spa ha guadagnato quasi il 14%

Diseguaglianza, una scelta politica

L’analisi. Il grande economista Anthony Atkinson indica «che cosa si può fare». Le risposte arrivano dal passato

L’irreversibile declino dell’Impero americano

Ecco perché gli Usa sono geopoliticamente potenti ma politicamente indeboliti dalla forza delle lobby

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment