Le notificano lo sfratto. Si getta dalla finestra e muore

GENOVA – Tragedia della povertà  a Genova, nella zona di Palmaro. Una donna di 41 anni si è lanciata dalla finestra dell’appartamento di via Borghetto che avrebbe dovuto lasciare lunedì stesso per ordine del tribunale. Aveva infatti ricevuto la visita dell’ufficiale giudiziario per la notifica dello sfratto e non aveva aperto la porta.

LANCIO NEL VUOTO – La donna si è chiusa in bagno, ha raggiunto una finestra e si è lanciata nel vuoto precipitando sulla corsia di emergenza dell’A10 Genova-Ventimiglia che passa sotto l’edificio. È morta sul colpo. Una corsia dell’autostrada è stata chiusa al traffico. La salma è stata portata all’istituto di medicina legale dell’ospedale San Martino. La donna viveva insieme al padre ottantenne. Questi ha sentito alcuni rumori alla porta e ha aperto, trovandosi di fronte il fabbro che stava rimuovendo la serratura e l’ufficiale giudiziario. Solo allora ci si è resi conto della tragedia. La 41enne, che da tempo soffriva di disturbi psichici, aveva già  tentato di togliersi la vita nel 2007. Il pm Alessandro Bogliolo ha aperto un fascicolo sulla vicenda.


Related Articles

Niente sbarre, niente “sbirri” A Castiglione solo psichiatri e infermieri

Niente sbarre, niente "sbirri" A Castiglione solo psichiatri e infermieri  L’Opg di Castiglion della Pieve

Negli Opg si torna in libertà  quando l’individuo non è più considerato “socialmente pericoloso”. Se la terapia non funziona il rischio è non uscire più. Castiglione delle Stiviere è l’unico Opg a prevalenza sanitaria, dove la sola barriera tra i pazienti e la libertà  sono le alte cancellate di recinzione. Un approccio differente che tenta di liberare il malato

Convertiti d’Italia

Settantamila italiani hanno abbracciato l’Islam. “Ci sono i fondamentalisti, ma chi sceglie il Corano contro qualcuno tradisce la fede” 

Finalmente sbloccati i 300 milioni del Fondo sociale nazionale

Con un emendamento al decreto del “Pacchetto lavoro” diventano disponibili le attese risorse per i servizi da ripartire tra le regioni. Stralciati 5 milioni per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment