L’odissea dei rifugiati eritrei “Torture su donne e bambini”

ROMA – È sempre più grave la situazione dei rifugiati eritrei chiusi nel centro di detenzione di Braq, vicino Sabha, nel sud del deserto libico, per i quali ieri hanno chiesto con urgenza un intervento internazionale il Consiglio italiano rifugiati (Cir) assieme ad Amnesty international.

la Repubblica Sergio Segio • 6/7/2010 • Diritti umani • 238 Viste

La Farnesina, da parte sua, fa sapere che l’Italia «è pronta a fare la sua parte ma nel quadro di un’azione Ue», ha detto Maurizio Massari, portavoce del ministro degli Esteri Franco Frattini. Il Cir ha chiesto al governo italiano di «trasferire e reinsediare i rifugiati in Italia», mentre Amnesty si appella alle autorità  di Tripoli affinché, oltre a fornire acqua, cibo, servizi igienici adeguati e cure, non rinviino forzatamente in Eritrea i rifugiati, «rispettando il principio internazionale del non respingimento verso paesi in cui una persona potrebbe essere a rischio». Ieri, uno dei detenuti ha parlato di «condizioni disumane» e torture ripetute anche su donne e bambini.

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This