“Impari”, il Meeting antirazzista racconta lo svantaggio di essere straniero

FIRENZE – Gli immigrati sono cittadini svantaggiati, spesso privati dei diritti fondamentali soltanto per il fatto di essere stranieri. Parte da questo presupposto la 16esima edizione del Meeting antirazzista, in programma dal 10 al 17 luglio a Cecina Mare (Livorno) e quest’anno dal titolo provocatorio ‘Impari’. Lo scrittore inglese Jonathan Coe sarà  uno dei principali ospiti della manifestazione e sarà  protagonista dell’incontro del pomeriggio del 14 luglio insieme alla scrittrice italiana Simonetta Agnello Hornby. Tra gli altri ospiti ci saranno Laura Boldrini, Simonetta Agnello Hornby, Dario Vergassola, Giobbe Covatta, Ascanio Celestini. L’edizione di quest’anno avrà  una forte connotazione culturale perché, spiega una nota dell’Arci, “oggi è su questo terreno che la battaglia per i diritti dei migranti deve essere qualificata e vinta”. Oltre a svariate presentazioni di libri, il Meeting sarà  animato da conferenze, concerti, spettacoli teatrali, mostre, laboratori d’arte, cinema e apertivi. 

“In Italia – si legge nella nota diffusa dall’Arci in occasione del Meeting – oggi ci sono milioni di persone straniere, uomini e donne, che vivono, studiano, lavorano nel nostro paese ma contano meno delle altre. Cittadini di serie B, che godono di meno diritti e meno libertà . Il principio d’uguaglianza, stabilito dalla nostra Costituzione, nel loro caso subisce una sospensione, che le leggi ordinarie volute dalla maggioranza di centrodestra  hanno sancito”. “La nostra associazione – continua la nota – da tempo ha denunciato la strumentalità  di posizioni che, facendo leva sul senso di insicurezza e di malessere diffuso, ha scelto di dare in pasto all’opinione pubblica un facile  capro espiatorio, per nascondere le vere ragioni del disagio e  costruire consenso politico sull’imbarbarimento culturale. Al degrado civile non ci siamo arresi, puntando sulle potenzialità  di un sistema associativo radicato sul territorio come il nostro per intraprendere una grande operazione di verità , di conoscenza, di controinformazione”. Informazioni su http://www.meeting.arcitoscana.it/.

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Gli Sos dalle celle dei prigionieri in Russia

 Lettere, tweet, sms. Sono pochi, ma drammatici, i messaggi usciti dalla prigione russa di Murmansk firmati dagli «Arctic 30», i 28 attivisti, il fotografo e il video operatore della missione (fallita) di Greenpeace contro le trivellazioni della compagnia Gazprom nell’Artico.

B’Tselem: «Il sistema giudiziario militare copre crimini contro i palestinesi»

Territori Occupati. La denuncia di B’Tselem è giunta negli stessi minuti in cui i media riferivano dell’accordo definitivo raggiunto dal premier Netanyahu con l’ultranazionalista Avigdor Lieberman che diventa ministro della difesa

Il governo dice sì al «permesso temporaneo»

Oggi il decreto. Bossi: costretti a fidarci della Tunisia. Clandestini, l’ipotesi di ospitarli nelle caserme

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment