Record da Vietnam, a luglio 63 morti Usa

Dall’invasione dell’Afghanistan nell’ottobre 2001 non erano mai stati così tanti un solo mese. I soldati statunitensi morti questo mese sono 63: un record che ci fa capire la gravità  di un conflitto, quello afghano, che l’occidente si porta avanti da nove anni e a cui non è riuscito ancora a trovare una soluzione. Operazione «Enduring freedom» (libertà  duratura) chiamano gli Usa il loro conflitto nell’est del paese. Ma per ora, libertà  non se n’è vista. Aumentano invece i morti, le esplosioni, i feretri trasportati in spalla, le lacrime dei familiari e dei commilitoni. Contro tutto e tutti i numeri dei morti continuano ad aumentare.

Luglio si è aggiudicato il titolo di «mese più letale» per le forze militari statunitensi, superando giugno, che rimane però il mese con più vittime per le forze internazionali impiegate in Afghanistan. Con la morte di tre soldati Usa giovedì scorso, nella parte meridionale del paese, in due incidenti separati per lo scoppio di ordigni rudimentali (Ied), sale a 63 il numero delle vittime militari statunitensi questo mese.


Related Articles

La Russa “buca” la riunione Nato e la Spagna ci soffia la base radar

ROMA – «È solo l’ultimo, tragico colpo inflitto dal ministro La Russa alla Difesa italiana, il frutto del suo disinteresse, della sua approssimazione: ma purtroppo è un danno per tutto il Paese, una sconfitta che forse molti non coglieranno, ma che colpisce la sicurezza dell’Italia».

Tanti asili nido e posti di lavoro per ogni cacciabombardiere

I conti / COSA SI POTREBBE FARE CON QUEI 15 MILIARDI L’ultimo regalo alla casta dei generali equivale al 75% della manovra annunciata per lunedì Con i 15 miliardi di euro che il governo italiano si è impegnato a spendere per i cacciabombardieri F35 si potrebbero mettere in sicurezza 14mila scuole (che non rispettano la legge 626, le normative antincendio e non hanno il certificato di idoneità  statica) e in questo modo dare opportunità  a centinaia di imprese e creare 30mila posti di lavoro.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment