Comuni virtuosi, vince Corchiano dove l’acqua è un bene pubblico

ROMA. Parafrasando la sfilata di star più famosa del mondo, diremo che per il premio Comuni a 5 stelle 2010, per la «qualità  e la trasversalità » dei progetti realizzati o messi in cantiere in campo ambientale, the winner is… Corchiano, 3500 anime in provincia di Viterbo, in piena Tuscia. Vincitore assoluto, addirittura, visto che il premio messo in palio dall’Associazione Comuni Virtuosi prevede annualmente un podio per ognuna delle cinque categorie (gestione del territorio, mobilità , rifiuti, stili di vita, impronta ecologica) che una municipalità  deve soddisfare se vuole essere accolta nella compagnia.
Questi soci di una combriccola che più controcorrente non si può sono tutta gente molto concreta eppure molto legata a valori e ideali d’antan. Per esempio, Corchiano ha vinto perché fra l’altro considera l’acqua un bene pubblico e dunque la distribuisce direttamente in piazza, con un apposito erogatore automatico che la microfiltra, declora e refrigera. Finora, sono stati erogati 100 mila litri di acqua a corchianesi e non solo (pare vengano da altri paesi, facendo anche la fila chiacchierando e ridendo), al costo di 5 centesimi per ogni litro e mezzo. Al contempo, è stato calcolato che, dopo un anno, si saranno evitate 200 mila bottiglie di plastica, il che sarà  anche un gesto pratico «contro la guerra» si legge nel progetto che ha vinto, perché meno bottiglie significano meno plastica, meno benzina per trasportarle, meno petrolio. Corchiano è risultato il migliore anche per altre ragioni. Nel giro di un anno, ha abbattuto la percentuale di raccolta differenziata dell’immondizia dal 30 all’85%, grazie a un porta-a-porta che prevede tre raccolte settimanali dell’umido e che, sul versante economico, ha permesso di diminuire i costi dello smaltimento (inquinante) da 15 mila a 2 mila euro al mese.
E come reimpiega, un comune virtuoso, i denari così risparmiati? La risposta di Ezio Orzes, assessore all’ambiente di Ponte nelle Alpi, provincia di Belluno, 8500 abitanti, è immediata: «Nel 2006, prima di cominciare, avevamo 5 persone occupate nel settore, adesso ne abbiamo 11». Ponte nelle Alpi, che a luglio è stato premiato da Legambiente come Comune Riciclone, è passato dal 23 all’86% di differenziata in tre anni: «È un dato senza paragoni in Italia, forse nel mondo. Abbiamo abbattuto dell’88% i costi dello smaltimento».
Per ottenere questi primati, occorrono spinte e azioni convergenti. Innanzitutto, bisogna condividere le scelte: «I cittadini devono essere partecipi. Io personalmente avrò tenuto almeno venti assemblee in altrettante piccole frazioni, perché la comunità  va coinvolta per intero». Ascoltare e tenere in conto le esigenze degli utenti, è il secondo passo. Il terzo, naturalmente, è un alto grado di efficienza nella successiva erogazione del servizio: a Ponte nelle Alpi è stato organizzato un ritiro bisettimanale presso 180 anziani incontinenti. Conclude Orzes: «I cittadini hanno ridotto la bolletta dei rifiuti del 50%, la lista civica di cui faccio parte è stata riconfermata pochi mesi fa, a riprova che il consenso arriva. Il nostro è il solo comune della provincia dove la Lega è rimasta ferma al 13%».
In aggiunta, le buone pratiche sulla raccolta differenziata inducono a un’automatica riduzione dei rifiuti. C’è da chiedersi se le buone pratiche adottate dal comune di Cassinetta di Lugagnano (Milano), che, avendo scelto la crescita zero, cioè nessuna espansione edilizia nel suo territorio, se adottate nel resto del paese, indurrebbero a un’automatica riduzione dei costruttori e un loro reimpiego in settori meno invasivi.


Related Articles

Asili, libertà  di scelta e spazio ai figli degli immigrati irregolari

Asili, libertà  di scelta e spazio ai figli degli immigrati irregolari

Nel nuovo regolamento c’è anche la possibilità  di scegliere fuori dal proprio quartiere.Palazzo Marino pubblicherà  online la disponibilità  di posti di ciascuna delle scuole

Rom a scuola con Sant’Egidio Con sostegni e obblighi funziona

A scuola in periferia. A Roma, in fondo alla Prenestina. Campi spogli, camion di passaggio, caseggiati, più lontano palazzoni grigi, qui c’è il campo Rom di via Gordiani. Con ex container che d’estate sono autentici forni, comunque attrezzato, e 250 persone circa tra adulti e piccoli. E un programma della comunità  di Sant’Egidio per far frequentare la scuola ai piccoli che funziona. Ha coinvolto quasi cinquanta ragazzi e ragazze. Ha avuto fondi dallo Stato quando li aveva stanziati il governo Prodi. Ora la comunità  confida nell’Unione europea e nella Provincia.

Il Ceta bloccato dal “no” vallone

Consiglio europeo. L’accordo commerciale Ue-Canada in sospeso, il Belgio francofono lo rifiuta. In forse il viaggio a Bruxelles di Justin Trudeau il 27 ottobre. Gli scogli: rendere vincolanti anche le clausole sociali e ambientali, i timori sui tribunali arbitrali privati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment