Migranti nelle ville dei boss

CAPACCIO (SALERNO). Non importa se picchi forte il sole o piova a dirotto, i marocchini nordafricani che lavorano tutto l’anno e da decenni nelle coltivazioni della Piana del Sele non guardano le previsioni del tempo prima di uscire con le loro bici sgangherate dalle baracche disseminate sulla litoranea tra Capaccio e Pontecagnano. Qui la questione degli alloggi, di un diritto alla casa ai lavoratori migranti, con o senza un permesso di soggiorno, è esplosa dopo il blitz della polizia a San Nicola Varco lo scorso novembre. San Nicola Varco si trova nel comune di Eboli, è una zona agricola occupata inizialmente da famiglie rom, poi soppiantate da migranti nordafricani in seguito a un violento scontro tra i due gruppi. L’area è stata depauperata dopo il fallimentare progetto avviato nei primi anni ’90 dalla Regione Campania, che investì oltre 30 miliardi di lire per impiantare un mercato agricolo coperto. A San Nicola Varco ci vivevano in oltre 600, si arrangiavano nelle strutture occupate e nelle case di lamiera costruire nel tempo, nonostante fossero senza servizi igienici e senz’acqua. Un luogo malsano, insomma, che nonostante tutto veniva visto come un punto di riferimento, un luogo dove poter rientrare a fine giornata. E così dopo il blitz, per loro, non c’è stata più pace. I quasi mille marocchini si sono sparsi nelle zone circostanti e hanno continuato la ricerca di un alloggio di fortuna. Come è accaduto un mese fa in via Varolato a Capaccio, dove la polizia ha scoperto che in una stalla ci vivevano sessanta migranti per settanta euro al mese. Un ricovero per cavalli trasformato in mega dormitorio, con condizioni di vita a dir poco disumane: un solo bagno e anche privo di scarico fognario. Solo trentanove dei sessanta marocchini sgomberati sono risultati regolari. Vivono ora in tre ville confiscate alla camorra. Sono stati accolti qui dall’associazione Onlus “Anzianinsieme” che dal 2003 ha ottenuto la custodia provvisoria degli immobili dal tribunale di Salerno.
La guerra sugli immigrati
L’extracomunitario si sta trasformando inconsapevolmente in risorsa economica. Il comune di Sicignano degli Alburni, ad esempio, dopo l’emergenza San Nicola Varco ha ottenuto 100 mila euro dal Ministero dell’Interno, e altri 70 mila li ha avuti la Caritas della Diocesi di Teggiano. Ed è così iniziata una guerra fra sindaci sulla questione degli alloggi. Il primo cittadino della città  dei templi, Pasquale Marino, lo stesso che con l’associazione “Anzianinsieme” ha concordato la dimora provvisoria dei migranti (un mese) nelle ville confiscate alla camorra, ora si tira indietro e firma un’ordinanza di sgombero. La motivazione è che la struttura è inagibile. Nel documento si legge che «gli immobili appartenenti alla società  Hotel Bristol snc (concessione edilizia n.18 del 06.02.1992, riconducibile alla famiglia Meluzio, originaria dell’avellinese ndr) non hanno il certificato di abitabilità , privi di idoneo sistema di smaltimento dei rifiuti». Inoltre, secondo l’ordinanza, in seguito al sopralluogo dell’Asl «negli immobili risultano gravi deficienze igienico-sanitarie per il sovraffollamento dei dimoranti». Le settantadue ore dalla data dell’ordinanza, il 27 giugno, sono scadute e il blitz della polizia potrebbe avvenire in qualsiasi momento. E ora si assiste a un muro contro muro tra due primi cittadini con due differenti visioni del problema. Da un lato il sindaco di Capaccio che insieme ai servizi sociali ha individuato degli alloggi alternativi per i migranti, dall’altro l’Unione sindacale di base insieme al sindaco di Sicignano degli Alburni, Alfonso Amato, che da un anno si sta occupando della vicenda.
Uno è del Pd, l’altro di Rifondazione Comunista. Amato ne fa una questione etica, assoluta. L’altro si barcamena anche con quello che sostengono l’Asl, l’associazione degli anziani e il piano di zona dei servizi sociali. Marino, parlando di Amato, è secco: «Non l’ho mai conosciuto questo grande benefattore. Certo è che non mi sono imbattuto in un sindaco che perde il suo tempo non per la sua comunità  ma facendosi strumentalizzare da gente che manco conosce. I migranti, sentendosi spalleggiati, non vogliono accettare le soluzioni alternative che gli abbiamo prospettato. Se si arriverà  allo sgombero coatto sarà  tutta colpa sua. No, non solo non gli voglio stringere la mano ma gli chiederò di rispondere in sede giudiziaria delle accuse di razzismo che mi ha rivolto gratuitamente. L’ho denunciato per diffamazione». La replica di Alfonso Amato arriva in un pomeriggio assolato, mentre visita i migranti nella villa di via Barresi: «Io sono un figlio di Dio, creato da Dio, per servire ed amare nostro Signore a qualsiasi latitudine e longitudine». Il sindaco di Sicignano chiede ai migranti di non lasciare le ville perché «non possono andare altrove, al lavoro ci vanno in bicicletta, se lo perdono per loro è la morte civile». Ed eccolo allora fare resistenza all’ordinanza di Marino, che invece usa la pretesa inagibilità  dello stabile come una clava per mandarli nei paesi vicini come Roccadaspide, Albanella ed Agropoli ed anche a Capaccio, in via Dalla Chiesa, dove un’agenzia immobiliare li vuole alloggiare a 440 euro al mese. Devono però lasciare la villa di via Barresi, a non più di 200 metri dal mare, dove c’è la piscina e il solarium, giardino con docce e bagni e inoltre terrazze abitabili. Tutte cose che si trovano scritte in un manifesto-depliant ancora appeso all’interno dell’appartamento. «Il mio comune – rende noto Pasquale Marino – ha già  dato mille euro all’associazione “Anzianinsieme”. Ora loro dicono che devono ospitare dei bambini orfani. Io gli devo credere. Ai braccianti marocchini un tetto glielo abbiamo trovato. Come vedete non sono certo meno cristiano di Amato».
In trenta in un’abitazione
Va giù duro Rosa Egidio Masullo, responsabile del Piano di Zona di Capaccio, già  assessore ai servizi sociali del comune di Salerno, la stessa che negli anni ’90 ha ricevuto un pacco bomba dai clan. Per lei è necessario indicare ai lavoratori migranti una strada che sia fatta sì di sostegno ma soprattutto di autonomia. «Finora – dice – tutte le soluzioni che abbiamo proposto le hanno rifiutate. È necessario che capiscano che non possono vivere in dieci, venti, trenta persone in una sola casa. Nessuno mette in discussione che siano persone sfruttate dal punto di vista economico, ma difficilmente troveranno privati disposti a fittargli casa se da quattro o cinque inquilini il numero sale vertiginosamente a dieci se non addirittura a quindici persone».
«La maggior parte dei lavoratori migranti della Valle del Sele non sono stagionali perché qui c’è un’economia diversa dalle altre zone d’Italia – dice Anselmo Botte della Flai Cgil – Qui si lavora sempre e molti di loro risiedono anche da dieci anni a Capaccio. Quindi bisogna trovare soluzioni altrettanto strutturali e non emergenziali. La legge Bossi-Fini che tanto critichiamo – conclude – prevede che chi li assume gli trovi anche una sistemazione, una casa dove abitare. Lo sappiamo che in migliaia lavorano al nero, ma c’è una buona fetta di persone che il permesso di soggiorno ce l’ha e anche uno straccio di contratto».
Come i trentanove marocchini ospitati nelle ville, ad esempio, che vivono qui da anni anche se questo non basta a farli esprimere in un corretto italiano. Anzi. I marocchini di Casablanca che incontriamo nelle ormai famose ville confiscate alla camorra non comprendono e non parlano bene la nostra lingua. «Non c’è da sorprendersi», dice Gennaro Avallone, ricercatore presso l’Università  di Salerno che sta svolgendo una ricerca sul tema della presenza degli immigrati in agricoltura e sta partecipando agli incontri che sta organizzando negli ultimi mesi la sezione provinciale dell’Unione sindacale di Base (Usb), ex Cobas. «Questa è una conseguenza di una condizione – dice Avallone – La conseguenza del fatto che molto spesso il caporale che gli procura le giornate e lo porta sul luogo di lavoro è uno di loro, è un connazionale. Quindi non hanno necessità  di parlare la nostra lingua. Quando finiscono la loro giornata e se ne ritornano a casa, stanno tra loro, pregano, mangiano insieme e il giorno dopo questi passaggi si ripetono. Se incontrano o hanno rapporti con gli italiani o è per farsi visitare da un medico o perché, molto spesso, sono vittime di truffe». Una cosa sanno di sicuro, però. «Il lavoro continua a diminuire anche per noi – dicono – Siamo in estate ma lavoriamo al massimo tre giorni a settimana», dice Hamed, 37 anni, in Italia da più di cinque.
Numeri ballerini
Ma quanti sono i migranti impiegati nell’agricoltura nella Piana del Sele? «I dati contrastano», continua Avallone. Secondo l’Inps – tramite l’osservatorio del mondo agricolo – nel 2008 in tutta la provincia di Salerno gli extracomunitari in agricoltura erano 950. «Ma – fa notare Avallone – come è possibile se solo a San Nicola Varco ne sono stati individuati 600?». La Flai Cgil nel 2007 ha stimato, solo nella Piana del Sele, una presenza di 4.500 persone. Di questi 3.500 sono marocchini. Ma in agricoltura non sono i soli. C’è una presenza di rumeni e bulgari, anche di donne dell’Europa orientale, provenienti soprattutto dall’Ucraina. «Sui numeri ci vorrebbe la palla di vetro – conclude Avallone – nessuno sa chi siano realmente e dove si trovino. Finora la questione è ridotta sulla presenza dei marocchini ma non è così. Si lamentano della concorrenza al ribasso dei rumeni, ad esempio, disposti a lavorare anche per 20 euro al giorno».


Related Articles

Le trincee distruggono l’Europa

Espulsione differita. Una misura miope e pericolosa anche per i cittadini italiani

Alle radici delle tor­ture italiane

Napoli, marzo 2001, costi­tui­sce la prova gene­rale dimenticata della «macel­le­ria mes­si­cana» e delle tor­ture poi avvenute al G8 di Genova

“Tante navi non si sono fermate mentre i nostri compagni morivano”

Le lacrime di un sopravvissuto: “Ho gettato in acqua il corpo di mio cugino”   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment