Brusca indagato per estorsione. Inquirenti in cerca del tesoro

L’indagine è scaturita da una serie di intercettazioni effettuate dagli investigatori nell’ambito della cattura del latitante Domenica Raccuglia che hanno fatto emergere la disponibilità , da parte della famiglia Brusca, di beni che non sono ancora stati individuati.

Giovanni Brusca, capo del mandamento mafioso di San Giuseppe Jato, è stato arrestato il 20 maggio del 1996 mentre era latitante con la famiglia a Cannatello (Agrigento). Oltre che per la strage di Capaci nella quale persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesco Morvillo e tre agenti di scorta, il boss è stato condannato come mandante del sequestro e dell’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino che insieme a Brusca era tra gli organizzatori dell’attentato a Falcone.


Related Articles

Nuova proposta di legge sul Tso, per molti è un balzo indietro

Una proposta di legge potrebbe ripristinare una situazione simile a quelle che precedette la riforma Basaglia nell’approccio al disagio psichico. Con le nuove il rischio è quello di prolungare a vita il trattamento sanitario obbligatorio

Tangenti nella sanità a Milano, arrestati primari di due ospedali

Milano. Mazzette dalle ditte in cambio dell’acquisto di protesi ortopediche. Gli indagati avrebbero anche eseguito operazioni inutili sui pazienti

Carceri d’Italia, che vergogna!

svuotacarceri carceri

Le carceri italiane vantano da sempre un triste primato in tema di norme violate e diritti negati ai detenuti, tanto che l’Italia è, in questo campo, paragonabile al più recidivo dei delinquenti: ha ricevuto ben 15 condanne da parte della Corte di Strasburgo per trattamenti disumani e degradanti. L’ultima è datata 7 febbraio 2012. Eppure, continua imperterrita dritta per la sua strada lastricata di indifferenza e inerzia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment