Caserta, gli stagionali proclamano lo “sciopero delle rotonde”

CASERTA – Ogni mattina, a partire dalle 4, le rotonde del litorale casertano si popolano di decine di migranti e richiedenti asilo, che vanno li ad aspettare i caporali per poter andare a raccogliere i pomodori nei campi o lavorare nei cantieri come muratori, idraulici o elettricisti.
“Il mercato delle braccia”, come viene chiamato dalla gente del posto, fornisce all’economia locale una mano d’opera molto economica. A testimoniarlo in un’intervista effettuata da Amisnet (ascolta l’audio allegato) è Gianpaolo, dell’ Ex-Canapificio di Caserta : “I migranti lavorano tra le 12 e le 14 ore al giorno per guadagnare 20-25 euro, ma con la crisi ci sono delle persone che accettano di lavorare 12 ore per guadagnare 5 euro”. E proprio per lottare contro questo sfruttamento che i migranti della zona, insieme alle rete di attivisti che li sostengono, hanno ideato “lo sciopero delle rotonde”. Così, l’8 ottobre, i lavoratori porteranno con se sulle rotonde una scritta con il seguente messaggio: “Oggi, non lavoro a meno di 50 euro”. L’obiettivo è che non siano più i caporali a determinare il prezzo della giornata ma i lavoratori stessi: i migranti che forniscono le loro braccia. Un’iniziativa coraggiosa, che ha avuto bisogno di molto tempo per essere preparata e organizzata, un tentativo per uscire dall’invisibilità  nella quale i migranti sono rilegati.
“I migranti non possono denunciare le condizioni di sfruttamento sul lavoro, giacché le leggi si fanno ogni anno più severe e li mantengono in uno status di clandestinità  e senza diritti”, sottolinea Gianpaolo a Amisnet. Diritti e permesso di soggiorno saranno al centro anche di un altro appuntamento: quello previsto per il giorno 9 ottobre a Castel Volturno dove si terrà  una manifestazione dei migranti.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Sanatoria, i dubbi e le critiche dei sindacati

A dieci giorni dal via alla regolarizzazione, i sindacati hanno già  cominciato a indire assemblee pubbliche per migranti e datori di lavoro. La domanda dovrà  essere fatta online tra il 15 settembre e il 15 ottobre

Karim e gli altri, tunisini scomparsi sulla rotta di Lampedusa

Una donna lotta per sapere che fine hanno fatto decine di suoi connazionali, molti dei quali sbarcati sicuramente in Italia

Immigrati sieropositivi, il virus si contrae anche in Italia

Progetto Artemis: nasce una rete di 40 associazioni per promuovere la salute degli stranieri. Screening su 100 migranti sieropositivi: “Stranieri e italiani condividono comportamenti a rischio”. Questionario su 1500 immigrati: 1 su 4 ha fatto il test

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment