«Contro l’odio e la xenofobia»

Corteo a Parigi e sit in in 140 città . E martedì sciopero contro la riforma delle pensioni
Partiti di sinistra uniti come non si vedeva da tempo. In piazza – pur con qualche dissidente – anche il partito socialista, che non manifestava a difesa dei sans papiers da dieci anni. Espulsioni dei rom e riforma pensionistica sono i due temi caldi su cui Sarkozy punta, confortato da qualche sondaggio che gli attribuisce quattro punti in più di gradimento Oggi la Francia manifesta contro le deportazioni dei rom attuate dal governo

Anna Maria Merlo - il manifesto Sergio Segio • 4/9/2010 • Diritti umani & Discriminazioni • 266 Viste

PARIGI. In pochi giorni l’appello alla manifestazione di oggi contro «l’odio e la xenofobia» diffusi dal governo e da Sarkozy con l’espulsione dei rom e la distruzione dei campi nomadi, lanciato da organizzazioni di base, si è trasformato in un’ondata di solidarietà  massiccia, vista come il primo passo di un movimento di protesta in crescita contro Sarkozy che culminerà , per il momento, martedì 7 con la giornata di sciopero e di protesta contro la riforma delle pensioni (e lunedì sciopera già  un sindacato della scuola, anche contro i tagli ai posti di insegnanti, meno 80mila dal 2007 al 2012). Aderiscono alle manifestazioni di oggi – oltre al corteo parigino, ci saranno sit in in 140 città  francesi e nelle principali capitali europee di fronte alle ambasciate francesi – tutti i principali sindacati, la Cgt, che è da anni impegnata per la difesa dei lavoratori sans papiers, ma anche la Cfdt, finora tiepida su questo fronte e persino Force ouvrière, che ha indicato ai suoi iscritti di partecipare «a titolo individuale». Stesso movimento nei partiti di sinistra. Il Ps, che da dieci anni non partecipava a manifestazioni a difesa dei sans papiers, si è impegnato per far riuscire l’appuntamento di oggi. Verdi, Pcf, Parti de gauche e Npa sfileranno nello stesso corteo, in una unità  della sinistra che non si vedeva da tempo. I sindacati degli insegnanti saranno tutti presenti. La destra compassionale, invece, sarà  assente: nessuna adesione da parte del centrista Franà§ois Bayrou né di Dominique de Villepin, che peraltro avevano criticato la svolta repressiva di Sarkozy.
Il ritorno del Ps in piazza è particolarmente significativo. A Parigi il sindaco Bertrand Delanoà« e il presidente della regione Ile-de-France, Jean-Paul Huchon, sfileranno nel corteo. La segretaria del Ps, Martine Aubry, sarà  a Lille, città  dove è sindaca. Il Ps, che è stato finora molto prudente sulla questione dell’espulsione dei rom, ha deciso di prendere posizione. Anche se ci sono dei dissidenti, come Franà§ois Rebsamen (alle presidenziali del 2007 era schierato con Ségolène Royal), che considera che «il Ps non è le Lega dei diritti dell’uomo ma un partito di governo» e che teme che «questa manifestazione dia luogo a derive di slogan e di amalgami troppo facili».
Ma per Franà§ois Lamy, consigliere di Aubry, «a partire dal momento in cui abbiamo mostrato di essere fermi sulla sicurezza, non c’è nessuna ragione per non difendere le libertà  pubbliche».
Tutti collegano in Francia la giornata di protesta e indignazione di oggi all’appuntamento principale di martedì prossimo: le manifestazioni contro la riforma delle pensioni. «Il governo – afferma Patrick Gontier dell’Unsa-Education – sta rischiando di dividere la società ». Per Pierre Laurent, neo-segretario del Pcf, «il 4 settembre è un trampolino per le mobilitazioni del 7. Stiamo assistendo a una tappa significativa nella convergenza delle mobilitazioni». Cécile Duflot, segretaria dei Verdi, ritiene che «la gente ha capito che il governo ha tirato fuori le peggiori carte del suo gioco e che i due fronti non potevano venire disgiunti. Non hanno più voglia di essere presi in giro». Jean-Luc Mélenchon del Parti de gauche dice la stessa cosa: «La gente ha preso coscienza che il governo poteva sbattere il naso sui due temi». Olivier Besancenot dell’Npa conferma l’analisi: «E’ il momento in cui è possibile indebolire i nostri avversari». Per Jean-Pierre Dubois presidente della Lega dei diritti dell’uomo, «il sociale è ormai legato alle provocazioni sui diritti».
Sarkozy e il governo sono sordi sui due fronti. Sarkozy pensa di aver recuperato 4 punti favorevoli (dal 26 al 30%) grazie alla campagna securitaria anti-rom. Eric Woerth, il ministro del lavoro nella bufera per lo scandalo Bettencourt, tira dritto – per ora. Ieri ha assicurato che sarà  lui a difendere la riforma delle pensioni di fronte all’Assemblea, martedì prossimo. Ma lo stillicidio di rivelazioni sul conflitto di interessi che lo riguarda e i favori concessi ai finanziatori dell’Ump, il partito di Sarkozy, lo ha indebolito al punto che Cgt e Cfdt chiedono se Woerth ha la credibilità  per trattare sulle pensioni. 170MILA sono i rom e i sinti che vivono in Italia. Di questi circa 100 mila sono cittadini italiani. 55 mila sono qui dal 1400 e 45mila sinti giostrai e circensi 35MILA sono rom provenienti dall’ex Jugoslavia arrivati in Italia all’inizio degli anni ’60
e poi negli anni ’90 35MILA sono rom di origine rumena arrivati nel nostro paese deopo la morte di Nicolae Ceausescu 100MILA sono i rom italiani che vivono in casa. Solo una minoranza, per quanto consistente, vive nei campi

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This