Soros, cento milioni di dollari per promuovere i diritti umani

WASHINGTON – Il miliardario George Soros ha annunciato un dono di 100 milioni di dollari a favore di Human Rights Watch. «L’America ha perso l’autorità  morale per la promozione dei diritti umani – ha spiegato Soros – Desidero così che Human Rights Watch diventi una organizzazione veramente internazionale mettendo in minoranza i membri americani». Human Rights Watch nacque nel 1978 a New York per denunciare le violazioni dei diritti umani da parte dell’Unione Sovietica e degli altri Paesi del Patto di Varsavia. Nel 1997 ha ricevuto il Nobel per la Pace. Un portavoce del gruppo ha detto che il dono di Soros sarà  utilizzato per aumentare la sua presenza nelle varie capitali regionali e nei paesi dove le violazioni dei diritti umani sono una preoccupazione.


Related Articles

Il Senato condanna i Cie: «Sono luoghi inutili e offensivi»

Vere e proprie prigioni, dove gli immigrati vengono trattenuti anche senza aver commesso alcun reato e dove, soprattutto, le condizioni di vita sono spesso al limite del sopportabile. Sono i Cie, i centri di identificazione ed espulsione che da anni ormai, grazie soprattutto agli interventi esclusivamente repressivi messi in atto dal governo Berlusconi, rappresentano l’unica politica praticata dall’Italia nei confronti degli immigrati.

La nuova strage di donne migranti nel Mediterraneo

Ventisei donne morte su una nave con 400 a bordo arrivata a Salerno. Il giallo sulla dinamica

“Arrivano i soldi Ue per i profughi ma dopo averli salvati fate di più”

Il commissario europeo alle Migrazioni Dimitris Avramopoulos elogia l’Italia: “Lavoro straordinario, ora non siete più soli 560 milioni entro pochi giorni. Più efficienza nei processi di registrazione e valutazione dei singoli”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment