Contro le speculazioni La tassa sulla finanza arriva in parlamento

Con una finanza ripartita come se nulla fosse successo, dovremo attendere lo scoppio di un’altra bolla speculativa per sperare finalmente in qualche intervento serio di regolamentazione? E se dovesse arrivare una nuova crisi, quale governo sarà  in grado, in una situazione di difficoltà  tanto per i conti pubblici quanto per l’economia, di stanziare ulteriori risorse per tappare le falle?
È urgente approvare delle misure concrete. Una di queste è la tassa sulle transazioni finanziarie (Ttf) – un’imposta estremamente ridotta, pari allo 0,05% su ogni acquisto di strumenti finanziari. Il tasso minimo non scoraggerebbe i «normali» investimenti sui mercati, mentre frenerebbe chi opera con orizzonti di secondi o millesimi di secondo e che dovrebbe pagare la tassa per ogni transazione. Il peso della tassa diventa progressivamente più alto tanto più gli obiettivi sono di breve periodo.
In altre parole la Ttf rappresenta uno strumento di straordinaria efficacia per frenare la speculazione senza impattare l’economia reale e per ridare alla sfera politica una possibilità  di regolamentazione e controllo su quella finanziaria. La dimensione della finanza è tale per cui anche un’imposta dello 0,05% permetterebbe di generare un gettito di centinaia di miliardi di dollari l’anno su scala internazionale. (…)
Al di là  del gettito, gli effetti della Ttf sarebbero estremamente positivi per l’insieme dell’economia. Chi esporta vedrebbe ridotto il rischio di speculazioni sulle valute; la quotazione del petrolio e delle materie prime sarebbe più stabile e prevedibile; diminuirebbero le possibilità  di attacchi speculativi sui titoli di Stato. (…). Se l’Inghilterra della City di Londra, cuore della finanza mondiale e delle sue potentissime lobby, si oppone alla Ttf, non a caso le nazioni che in Europa ne chiedono con maggiore forza l’introduzione sono Francia e Germania, Paesi dove l’economia si basa ancora sui settori industriali. (…) Se la grande industria ha beneficiato per decenni di un sistema economico e finanziario deregolamentato, oggi i consumi ristagnano, è più difficile ottenere credito in banca, gli stessi titoli azionari e obbligazionari delle principali imprese sono in balia delle tempeste speculative. In queste condizioni anche due governi conservatori hanno sottoscritto una proposta che le reti della società  civile internazionale sostengono da tempo. È allora davvero difficile spiegarsi le reticenze del governo italiano, un paese in cui le piccole e medie imprese costituiscono l’ossatura del sistema economico e che beneficerebbe anche più dei vicini europei dall’introduzione di una Ttf.
(la versione completa dell’articolo su www.sbilanciamoci.info)


Related Articles

«Chiuderemo l’intesa entro sette giorni»

Monti ha parlato. Ed ha voluto chiarire quali siano – e siano sempre stati, finora – i margini di discussione lasciati alla «trattativa» con le parti sociali sulle materie (pensioni e mercato del lavoro) che il suo governo considera decisive: «se pressioni delle corporazioni o di colleghi ministri dovessero chiederle un passo indietro, Elsa Fornero dovrebbe, con lo stile e la determinazione che la caratterizzano, abbandonarli al loro destino».

Primo Maggio. Senza reddito non c’è festa

Questo è un Primo Maggio probabilmente unico nella storia e speriamo non ripetibile. Il modo migliore per festeggiarlo sta nell’impegno a far sì che davvero nulla possa rimanere come prima

La Fiat resta nel tunnel a settembre vendite -7,8%

E Fitch taglia il rating  Immatricolazioni Volkswagen su del 12%.  Oggi il lancio delle nuove Thema e Voyager, ma resta il problema dei modelli

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment