L’energia di Panama

Panama, oltre a essere un paradiso fiscale, è una grande lavanderia di denaro sporco proveniente principalmente dal narcotraffico. La bolla immobiliare ha permesso di regolarizzare enormi capitali. Ma la nuova frontiera del riciclaggio si sta spingendo verso le infrastrutture e lo sfruttamento delle risorse. In un paese grande un quinto dell’Italia, si stanno pianificando 91 progetti idroelettrici già  dati in concessione, mentre altri 200 attendono di essere approvati dall’autorità  ambientale. Se questo piano dissennato andrà  in porto, non ci sarà  un fiume o torrente libero in tutto il paese. Panama non ha bisogno di elettricità , produce già  molta più energia elettrica di quella necessaria a soddisfare la domanda nazionale. La produzione è destinata al sistema di interconnessione centroamericano. Un lucroso business nel quale convergono gli interessi della criminalità , dell’élite politica e delle imprese straniere. La regione più colpita è il Chiriquì, al confine con il Costa Rica, ricchissima di corsi d’acqua, che ospita parte del distretto indigeno di Ngobe-Buglè. Gli Ngobe sono una delle sette etnie indigene del paese. Nonostante la costituzione riconosca e regoli i diritti delle popolazioni indigene, il nuovo governo di Ricardo Martinelli sta cercando di ridurne l’autonomia e l’indipendenza e di favorire a qualsiasi costo gli investimenti e la circolazione di denaro. Martinelli stesso è un imprenditorie nella campo della distribuzione alimentare, oltre a essere uno dei cinque maggiori produttori di carne del paese. Dal momento che possiede la catena Super 99, controlla, insieme a pochi altri magnati, i prezzi alla produzione e al consumo del cibo. Uno dei progetti che minaccia gli Ngobe è la diga di Barro Blanco sul fiume Tabasarà . Lungo le sue sponde risiedono da secoli diverse comunità , mille persone in tutto, che non solo non sono state né informate né consultate, ma gli è stato negato l’accesso all’unico incontro pubblico organizzato dai promotori del progetto. La valutazione di impatto ambientale nega addirittura la loro esistenza. Barro Blanco rischia di essere realizzato anche con i nostri soldi, considerato che la società  concessionaria ha richiesto un prestito alla Banca Europea per gli Investimenti (Bei). Ma le comunità  hanno fatto ricorso e hanno intenzione di appellarsi con tutti i mezzi a loro disposizione non solo contro i progetti idroelettrici, ma anche per fermare il progetto della miniera di rame Cerro Colorado che rischia di contaminare l’intero bacino. L’ufficio ricorsi della Bei si recherà  la prossima settimana nel Chiriquì per ascoltare le ragioni degli Ngobe. Purtroppo il governo ha già  dimostrato di voler usare la forza. A luglio scorso una protesta contro la legge definita «Chorizo» (salame), nella vicina Bocas del Toro è stata repressa nel sangue lasciando sul campo morti e feriti. La legge contiene diversi provvedimenti con lo scopo di colpire i sindacati, alleggerire gli obblighi di valutazione ambientale e sociale e rafforzare i poteri della polizia. Solo l’inizio di quello che potrebbe accadere nei territori indigeni panamensi nel prossimo futuro.


Related Articles

Pitelli dei veleni

Nella collina sopra La Spezia c’è di tutto: amianto, solventi delle industrie farmaceutiche, ceneri Enel, scarti della Union Carbide. E rimane il segreto sui tunnel della Marina militare. Entro l’anno è prevista la sentenza

Perché il destino del Pianeta dipende anche dal nostro menu

Rischia di sparire e fa male alla salute per i tanti veleni. Niente concimi salva i vitigni e non è nocivo. Troppi pesticidi per allevare le bestie: limitiamo le fettine 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment