MESSINA. Ottomila in piazza «Stanno devastando questo territorio»

E l’annuncio di Berlusconi che, nel discorso della fiducia, ha rilanciato l’ennesima data di completamento dei lavori: questa volta il 2017. Tantissime le presenze. Tra le più significative, quella dei rappresentanti del No Tunnel di Firenze, contrari alla stazione sotterranea per l’Alta velocità , 7 km sotto una delle più importanti città  d’arte. Da Rossano, nel cosentino, gli attivisti che lottano contro la riconversione a carbone della centrale Enel. Dal palco arriva il ricordo di Franco Nisticò, una vita spesa nel comitato per la 106, la “statale della morte” che unisce Taranto a Reggio e che non è mai stata completata. Nisticò è morto il 19 dicembre alla precedente manifestazione No Ponte, quella di Villa San Giovanni. «Quel giorno hanno militarizzato la città », ricorda Peppe Marra della Rete No Ponte calabrese. «Però mancava l’ambulanza che avrebbe potuto salvare una vita». In effetti il mezzo c’era, ma era andato via alle 13. Un’ora dopo l’infarto di Nisticò. La conclusione della manifestazione era prevista per la serata. Una metafora chiara e drammatica del modello delle grandi opere: si impone l’inutile, anche con la forza, mentre manca l’essenziale.
«La nostra lotta è il simbolo delle battaglie in difesa del territorio e per un uso diverso delle risorse pubbliche», dice Luigi Sturniolo della Rete No Ponte. «Oggi ricordiamo 37 morti, avevamo paura di toccare questo argomento. In questi giorni, a un anno dalla tragedia di Giampilieri, l’ipocrisia è stata immensa. Abbiamo rivisto il rimpallo delle responsabilità  tra Bertolaso, Lombardo e Buzzanca, sindaco di Messina. Questa è la giornata dalla rabbia e dell’indignazione, non della commemorazione. Il rappresentante della Protezione Civile ha detto che 120 milioni sono stati investiti per i lavori, ma ne servirebbero almeno altri 170. Il governo ha detto che quei soldi non arriveranno. In estate il nostro territorio è stato investito dalle trivelle, i nostri soldi sono finiti nel fumo dell’azoto liquido». Da qualche mese, infatti, il territorio è “perforato” per i carotaggi utili alla progettazione definitiva della grande opera. A questo proposito, i rappresentati del Comitato Capo Peloro (il comitato di cittadini della zona maggiormente interessata dai lavori) ribadiscono che «decine di migliaia di euro sono state sperperate per distruggere».
I manifestanti chiedono che i soldi del Ponte vadano alla messa in sicurezza del territorio, al trasporto pubblico nello Stretto, alla scuola. Lo scorso 12 settembre c’è stata una grande manifestazione dei precari della scuola. «Hanno bloccato le navi e questo è servito a rilanciare il precariato nella scuola a livello nazionale», dicono dal palco. «Si sta emblematicamente sgretolando il territorio», dichiara Stefano Leoni, presidente del Wwf. L’associazione ricorda l’insostenibilità  economica e sociale, le ipoteche sulla fattibilità  tecnica, in ultimo la devastazione del territorio.


Related Articles

Ore 21.20: trema tutto il Nord in Emilia crollano altri campanili

Scossa del 5.1: fuga nelle strade. L’epicentro a Novi di Modena   Il sisma avvertito fino a Milano, Bolzano, Trieste e Firenze. Malori ma nessun ferito

A nuoto contro le Grandi Navi La protesta degli attivisti-bagnanti

Venezia /LA MANIFESTAZIONE RALLENTA IL PASSAGGIO

Blitz dei centri sociali del nord-est al terminal passeggeri dell’aeroporto di Tessera, dove arrivano i croceristi VENEZIA È col corpo che hanno fermato l’acciaio. Intorno alle 16, una sessantina di manifestanti si sono lanciati in acqua sotto il sole morbido di settembre.

Protezione incivile a Pompei


BENI CULTURALI. Già  un esposto della Uil aveva sollevato il «caso», accusando il team di Bertolaso di sprechi

NAPOLI
Domenica la ribalta era tutta per il ministro Sandro Bondi, arrivato a Pompei per raccattare i cocci della sua credibilità  dopo il crollo di sabato. Ieri sul sito archeologico c’erano i tecnici, telecamere spente e bocche cucite, sotto un temporale che non preannunciava nulla di buono. Nessuna indiscrezione, si lavora per evitare un nuovo disastro.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment