Il sogno di Marchionne: buttare fuori la Fiom

L’idea viaggia tra le righe del «modello Pomigliano», là  dove si prevede che non venga riconosciuta l’agibilità  (e la possibilità  di presentare propri candidati alle elezioni dei delegati) ai sindacati che non hanno firmato il contratto nazionale di categoria. A corroborare giuridicamente il progetto viene invocato l’accordo del luglio 1993 e persino lo Statuto dei lavoratori. La situazione contrattuale per i metalmeccanici è in effetti alquanto confusa, per «merito» delle imprese e della «coalizione» sindacale tra Cisl, Ul, Fismic e associazione dei «capi». Il contratto tuttora in vigore è stato firmato anche dalla Fiom e scade a dicembre 2011. A fine 2009, però, ne è stato firmato un altro con i suddetti «complici», peraltro corretto con ampie «deroghe», appena un mese fa, per venire incontro alle esigenze del Lingotto. In ogni caso, su questa base, non c’è possibilità  di impedire a nessuno di presentare candidati e, se si prendono i voti necessari, di avere delegati. A questo servirebbe dunque la minacciata «newco», ossia una società  che «rileva» le attività  di uno stabilimento, non si iscrive alla Confindustria e Federmeccanica, e quindi non deve nemmeno rispettare i contratti esistenti, ma solo l’«accordo» fatto sottoscrivere sotto minaccia di chiusura. Anzi, dopo aver iniziato con Pomigliano, la Fiat si sta preparando a fare altrettanto con Mirafiori, ecc. I problemi non mancano, però. Quelli legali, nonostante la buona volontà  del governo in uscita, sono notevoli. Quelli sindacali sono forse anche più numerosi, pure se Sergio Marchionne affetta ormai fastidio quando qualcuno gli nomina la Fiom. Basti pensare che le assemblee degli operai di Mirafiori convocate da Fim e Uilm si sono concluse con la richiesta di sottoporre a referendum qualsiasi accordo sullo stabilimento. Quasi una bestemmia, per orecchie «complici». Ieri ci sono state altre assemblee, questa volta in conto Fiom, con oltre 1.000 lavoratori («un numero alto, se si tien conto che 700 addetti alla produzione della multipla sono in cig»), e naturalmente – ha spiegato Giorgio Airaudo, segretario nazionale e responsabile del settore auto della Fiom – «ci siamo impegnati a tornare in assemblea seguendo la trattativa, che dovrà  avvenire a fabbrica aperto e non chiusa per cig, e a sottoporre a referendum un eventuale accordo». Per Maurizio Landini, segretario generale dei metalmeccanici Cgil, se questa è davvero l’intenzione della Fiat, «siamo di fronte a un attacco senza precedenti al sistema democratico, di relazioni sindacali e costituzionale». L’idea sarebbe quella di «uscire dalla crisi cancellando i diritti di chi lavora, il contratto nazionale e la democrazia». Ma coglie qualcosa di forzato nel continuo gioco «al rilancio» praticato dal Lingotto. «Prima impongono ai lavoratori di votare un accordo sotto minaccia di chiusura; poi lo disattendono chiedendo la cassa integrazione in deroga (senza garanzie di continuità  aziendale né investimenti, ndr), poi vogliono la deroga al contratto nazionale, infine pensano a una newco anche per Mirafiori…». Vien da pensare che la Fiat stia cercando di nascondere difficoltà  tutte sue, perché «altri produttori di auto hanno proposto nuovi modelli e mantenuto i livelli di vendita a scapito della quota Fiat, che solo ora dice di non aver lanciato nuovi modelli per una scelta di strategia». Anche sulla newco Landini è cautamente scettico. «Dopo il caso Alitalia ci sono state sentenze europee di cui bisogna tener conto». In realtà , «con lo spin off del settore auto, la Fiat rischia di diventare solo Chrysler; e allora chissà  quanti stabilimenti rimarranno in Italia». La cosa più strana? «Il governo e la politica dovrebbero seguire con attenzione questa involuzione. E invece niente…».


Related Articles

«Conti, ora un sì rapido e basta oscillazioni»

Napolitano: è necessario uno spirito comune Nemmeno l’opposizione mette in dubbio il pareggio di bilancio: c’è un impegno comune per il sì alla manovra entro 60 giorni. C’è divergenza su come raggiungere l’obiettivo, ma ora serve chiarezza al di là  di oscillazioni nocive alla credibilità  del Paese. È essenziale che vengano confermati e tradotti in fatti concreti gli obiettivi del decreto d’agosto: io ho fiducia che ciò si ottenga

Fmi: Italia senza pareggio di bilancio mancano all’appello 15 miliardi

“Pil quasi a zero nel 2012: più 0,3%. Subito le riforme per crescere”.  Il Fondo chiede liberalizzazioni, privatizzazioni e nuovo mercato del lavoro. Cottarelli: “Il problema non sono le pensioni o la sanità , ma lo sviluppo” 

Sigilli ai cantieri del lavoro nero

Blitz in tutta Italia, gli ispettori ordinano oltre duecento chiusure (la Repubblica, MARTEDÌ, 21 NOVEMBRE 2006, Pagina 12 – Cronaca)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment