“Malati legati ai letti”: Telefono Viola accusa l’ospedale Niguarda

MILANO – L’associazione Telefono Viola di Milano denuncia sei casi di abusi su pazienti psichiatrici che sarebbero avvenuti nei reparti “Grossoni” dell’ospedale Niguarda tra il 2005 e il 2010. Le presunte violenze, impartite attraverso l’abuso di tecniche di contenzione tra cui lo “spallaccio” (“un lenzuolo ritorto e bagnato passato dietro il collo e sotto le ascelle per immobilizzare il paziente al letto”, dicono i membri dell’associazione), avrebbero prodotto ai pazienti danni fisici e psicologici anche molto gravi, in grado, secondo Telefono Viola, di provocare addirittura la morte di due pazienti (nel 2008 e nel 2010). Queste tecniche (“spallaccio” compreso) sono previste dai protocolli dell’ospedale Niguarda, ma l’associazione ne contesta l’abuso: in particolare, in due casi avvenuti nel 2010 si denuncia un ricorso al letto di contenzione rispettivamente per 14 e 18 giorni consecutivi, “pari a 36 e 28 volte la durata massima della contenzione consigliata dai protocolli”, si legge nella nota consegnata ai giornalisti.

Accuse pesanti, accompagnate dalla lettera di 112 pazienti che difendono l’operato della loro psichiatra, Nicoletta Calchi, di recente allontanata dal suo incarico e a sua volta testimone di violenze nei reparti psichiatrici del Niguarda (“Nei reparti Grossoni la coercizione fisica è di rigore”, ha riferito la dottoressa a margine della conferenza stampa).

“La dottoressa Calchi si occupa della sofferenza psichica in piena ottemperanza alla legge 180/1978 (la “Basaglia”, ndr) e ai suoi principi ispiratori -si legge nella lettera dei pazienti- con particolare ma non esclusivo riferimento alla responsabile riduzione delle terapie farmacologiche e del contenimento fisico e all’instaurazione di rapporti umani con i malati, le persone sofferenti e i rispettivi familiari”. Un approccio che, secondo quanto scrivono i pazienti, non dev’essere piaciuto al nuovo Primario del Dsm Psichiatria 2 dell’ospedale Niguarda di Milano, che di recente ha allontanato la dottoressa dal suo reparto alla Psichiatria 4, non idoneo per essere frequentato da “gran parte” dei suoi vecchi assistiti.

Nei prossimi giorni, l’associazione Telefono viola si attiverà  per consegnare una denuncia formale alla magistratura e sollecitare un’indagine interna all’Ospedale. La dottoressa Calchi, dal canto suo, sta studiando una causa per mobbing con l’aiuto dei sindacati. Nel pomeriggio, il Niguarda diffonderà  una nota di replica alle accuse. Info: http://www.ecn.org/telviola/ (ar)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Mimmo Lucano: «Non andrò a Riace, reclamo giustizia non commiserazione»

Intervista all’ex sindaco: «Non utilizzo strumentalmente il sentimento della pietà. Considero profondamente ingiusta la misura specie dopo quello che ha scritto la Cassazione».

“Pedofili e mafiosi, meglio che si suicidino”

Il leghista Buonanno plaude alla morte di un detenuto: è bufera

Il Pd: Maroni prenda le distanze Il Carroccio propone di tagliare le pensioni ai boss

Difesa o omicidio? Silenzio alla camera, si spara

Nessun ostacolo per la legge bandiera di Salvini. Grillini muti per tutta la giornata, il dissenso del Movimento 5 Stelle si limita a qualche assente e a qualche voto segreto a favore di un emendamento Pd

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment