Muore uno degli operai ustionati all’Eureco

Lotta per la vita Salvatore Catalano, ricoverato in coma farmacologico al Centro grandi ustionati dell’ospedale Niguarda di Milano, all’Eureco faceva il custode, avrebbe dovuto sposarsi il 20 novembre all’età  di 52 anni, matrimonio per il quale la moglie sta aspramente combattendo. E Leonard Shepu, di soli 37 anni, ricoverato nell’ospedale di Torino, anche la sua vita resta appesa a un filo. Ora per Giovanni Merlino, il titolare dell’impianto di smaltimento rifiuti pericolosi, l’accusa diventa di omicidio colposo. Nel registro degli indagati della Procura di Monza è stato iscritto anche il responsabile della cooperativa per la quale lavoravano i sei operai feriti nell’esplosione: si tratta di un’iscrizione tecnica per consentire l’effettuazione delle indagini relative al rogo. Gli inquirenti stanno lavorando attorno ai minuti che precedono lo scoppio delle 14.57 di quel giovedì, quando si è scatenato l’inferno. Dai primi elementi è emerso che dietro ai cancelli dell’azienda si lavorasse sorvolando sulle norme antinfortunistica. Con i dispositivi di sicurezza ridotti all’osso per aumentare i margini di guadagno.


Related Articles

Le voci di chi vive con 800 euro al mese

Antonio, Marta e gli altri. Da tutta Italia per raccontare storie di ordinaria cassintegrazione

Allarme dall’Europa: il debito è troppo alto

«Nel 2015 il picco del 133,8%, la ripresa più lenta del previsto». Si apre il caso Germania

Draghi-banchieri alta tensione sugli “stress test”

Venerdì nuovo round in Bankitalia con i manager del credito. Dopo l’affondo al Forex il governatore insiste sul rafforzamento patrimoniale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment