Vertice Nato, petizione contro le armi nucleari Usa in Italia

“Ci rimangono solo 3 giorni – prosegue il testo -. Costruiamo una denuncia pubblica enorme per respingere altre bombe nucleari americane in Italia. Firma la petizione e la consegneremo direttamente al Presidente e ai Ministri presenti al vertice. Quando raggiungeremo le 25.000 firme, sarà  annunciata in Parlamento”.

Il testo è breve ed essenziale: “Al Presidente Berlusconi e ai Ministri Frattini e La Russa. Vi chiediamo urgentemente di opporvi al piano della Nato di trasferire le armi nucleari americane attualmente in Europa in Italia, e d’intraprendere i passi necessari per il graduale smantellamento degli armamenti nucleari nei siti di Aviano e Ghedi“.

A scatenare questa emergenza è un rapporto della US Air Force che ordina di “raggruppare le armi nucleari in meno località  geografiche”, rispetto alle cinque nazioni Europee in cui sono adesso collocate, ossia Germania, Belgio, Olanda, Italia e Turchia. Secondo la maggior parte degli esperti, “le località  più probabili per tale ridislocazione sono le basi sotto controllo Usa di Aviano, in Italia, e Incirlik, in Turchia“. E, come hanno ben spiegato Tommaso Di Francesco e Manlio Dinucci su un articolo pubblicato il 28 ottobre scorso sul Manifesto: “Significativo è che alla riunione dei ministri degli esteri della Nato nell’aprile 2010, la questione delle armi nucleari Usa in Europa sia stata sollevata solo da Germania, Belgio e Olanda, mentre Italia e Turchia sono rimaste in silenzio. Ciò lascia presupporre che il governo italiano abbia già  dato segretamente il suo consenso al piano di rimuovere le armi nucleari Usa da Germania, Belgio e Olanda per raggrupparle ad Aviano, dove verrebbero trasferite anche quelle di Ghedi-Torre“.
Ad Aviano è già  presente il 31st Fighter Wing, “composto di due squadriglie di cacciabombardieri F-16 – 510th Fighter Squadron e 555th Fighter Squadron”. Lo scopo? “Fornire potenza di combattimento da un capo all’altro del globo per conseguire gli obiettivi degli Usa e della Nato”. E a rivelare che si tratta di un arma anche nucleare arriva l’emblema: accanto all’aquila imperiale, campeggia il simbolo dell’atomo con tre fulmini che colpiscono la terra.

Ma quante armi nucleari Usa non-strategiche, ossia con gittata inferiore ai 5500 km, dunque rischiamo di andare a spartirci con la Turchia? Non è dato saperlo con precisione. Il rapporto “U.S. non-strategic nuclear weapons in Europe: a fundamental Nato debate” parla comunque di 150-200 armi nucleari presenti in tutta Europa. Ma altre stime ufficiose ne quantificano almeno il doppio. “Sono bombe B-61 in diverse versioni, la cui potenza va da 45 a 170 kiloton (13 volte maggiore della bomba di Hiroshima) – spiegano Dinucci e Di Francesco – Tra queste, probabilmente, la B61-11 che può penetrare nel terreno così da creare, con l’esplosione nucleare, un’onda d’urto capace di distruggere obiettivi sotterranei. Tutte queste bombe sono tenute in speciali hangar insieme ai cacciabombardieri F-15, F-16 e Tornado, pronti per l’attacco nucleare“.


Related Articles

Isis conquista Ramadi I jihadisti sconfitti dai siriani a Palmira

Una città chiave in Iraq cade nonostante i raid Usa L’annuncio di Damasco: «Salvi i monumenti romani»

Era bipartisan il sistema delle «rendition»

CASO ABU OMAR/NESSUNO SAPEVA
Ora le responsabilità  politiche dopo la conferma delle condanne agli agenti Cia Due giorni fa la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, giudicando le conclusioni raggiunte sul caso Abu Omar dal processo d’appello (Corte di Milano) del dicembre 2010, ha emanato una sentenza le cui conseguenze andranno ben oltre il merito del caso di extaordinary rendition (17 febbraio 2003) relativo all’iman della moschea di viale Jenner a Milano. Due elementi indicano che la sentenza della sezione presieduta da Gaetanino Zecca avrà  un valore storico.

L’asso di Netanyahu: colonie al rallentatore

A Sharm el Sheikh oggi riparte il dialogo tra israeliani e Anp. Tel Aviv vuole continuare a costruire nei «blocchi», interrompendo la sospensione, che scade il 26 settembre. Se Obama dirà  «sì» a Netanyahu, Abu Mazen verrà  messo all’angolo: accettare la mossa del «nemico» e fronteggiare l’opposizione interna o far saltare il tavolo delle trattative? Il premier israeliano: stop a moratoria sugli insediamenti. E Peace now rivela: nei Territori pronti oltre 10mila alloggi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment