Disabilità : sensibilizzazione e tagli insensati

Molte le associazioni e le istituzioni coinvolte con appuntamenti vari e molto eterogenei per discutere, individuare problemi specifici, fare il punto, incontrarsi, ma anche impegnarsi contro le discriminazioni e promuovere l’inclusione con iniziative culturali, sociali, sportive e ricreative che andranno in scena lungo tutto lo stivale.

A Roma, il ministero delle Pari opportunità  organizza una manifestazione con le due grandi federazioni delle persone con disabilità , Fish e Fand e con il Comitato Italiano Paralimpico (Cip). L’ospedale di Montecatone, in provincia di Imola, presenta un camper allestito per consentire vacanze in libertà  alle persone su sedia a ruote: un modo per promuovere la vita indipendente e riflettere sull’autonomia delle persone con disabilità . A Torino l’attivissima Consulta per le persone in difficoltà  organizza iniziative che vanno dalle sfide sportive alla cultura accessibile, coinvolgendo i ragazzi delle scuole piemontesi e a proposito dei più piccoli, a Bologna è in programma la quarta edizione del convegno sul tema dei diritti dal titolo “I diritti dei bambini e adolescenti con disabilità : dalla famiglia al tempo libero, lungo il cammino educativo“.

Per l’occasione anche Aifo presenta una serie di iniziative per sensibilizzare pubblico e istituzioni sul tema dell’inclusione della disabilità  nelle politiche di cooperazione allo sviluppo. “Le manifestazioni s’ inseriranno nella costante opera di advocacy che Aifo conduce per sollecitare le istituzioni a mantenere le promesse fatte, porre la disabilità  al centro di tutti gli aspetti dello sviluppo, per coinvolgere le persone, le famiglie e le organizzazioni, nelle attività  dei propri progetti di cooperazione per lo sviluppo e tutela della salute degli esclusi e degli ultimi”, come stabilito nell’articolo 32 della Convenzione internazionale sui diritti delle persone con disabilità .

Del resto “Le persone con disabilità  formano la più grande e svantaggiata minoranza del mondo. Il 10 % della popolazione mondiale, 650 milioni di persone, ha una disabilità . In tutto il mondo i disabili affrontano ostacoli alla vita sociale, barriere architettoniche, pregiudizi, negazione dei diritti umani e civili”. In questo quadro dobbiamo considerare che circa l’80 % di esse (più di 400 milioni di persone) vive nei paesi poveri: “disabilità  e povertà  sono strettamente legate e sono ciascuna la causa dell’altra”.

Non è un caso, infatti, che l’obiettivo designato dalle Nazioni Unite per la giornata internazionale della disabilità  2010 è, ci ricorda l’associazione l’abilità , un’esortazione: “mettere al centro la disabilità  in tutti gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio per il 2015 e oltre”. Un grido certo contro la povertà , ma anche la consapevolezza che la disabilità  deve essere messa sempre più al centro degli interventi, e delle politiche.

Ed ora la cattiva notizia: il tutto con quali fondi? La realtà  italiana porta il beffardo nome di “Legge di stabilità  2011” (.pdf), il provvedimento del Governo all’esame della Camera, che una volta approvato renderà  definitivamente precarie le già  critiche condizioni di vita di migliaia di persone con disabilità  e delle loro famiglie, tra le prime a risentire in questi anni delle conseguenze della crisi economica globale.

Con questa manovra il Fondo Nazionale per le non autosufficienze, istituito nel 2006 con l’obiettivo di sviluppare prestazioni mirate alla “attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali – spiega il Fish – verrà  definitivamente azzerato mettendo brutalmente fine a molti percorsi di presa in carico delle persone con disabilità  da parte dei servizi”. A questo vuoto andrà  a sommarsi la drastica riduzione prevista per il Fondo per le politiche sociali, una “macelleria messicana” che rappresenta una spallata contro moltissimi tentativi di far uscire le persone con disabilità  dagli istituti.

Ma non è finita. La spinta verso gli istituti viene infatti ulteriormente esplicitata nel significativo taglio che interesserà  il Fondo nazionale per il diritto al lavoro dei disabili e quella al 5 x 1.000. “Senza servizi, senza opportunità , senza reddito, senza politiche mirate all’inclusione, l’unica alternativa prospettata dallo Stato resta solamente quella della reclusione”.

“È una prospettiva apocalittica – commenta il presidente della Fish, Pietro Barbieri – quella che si presenta ai cittadini con disabilità  che già  oggi fanno i conti sui loro territori con le drastiche conseguenze dei piani di rientro regionali, e che assisteranno al rapido erodersi di quei pochi diritti ad oggi loro garantiti”. “Non ci aspettiamo imbarazzi da parte degli estensori di queste norme – ha concluso Barbieri – ma confidiamo nel Parlamento affinché misure che gettano un tale discredito sulle nostre istituzioni possano essere prontamente respinte”. Nel nostro Paese, secondo i dati della Ricerca ISTAT “La disabilità  in Italia” (aprile 2010), il 66% delle persone con disabilità  è attualmente fuori dal mercato del lavoro. Nel nostro Paese ancor si sogna una vita priva di barriere, si sogna un memorial alla giornata della disabilità  perché, come dice Bompressi, speriamo non ve ne sia più bisogno. [A.G.]


Related Articles

Dro­ghe, la Cassazione delle pene illegittime

La giu­ri­spru­denza più attenta a dare attua­zione ai valori costi­tu­zio­nali ritiene che tutte le con­danne in corso di espia­zione inflitte nel vigore della Fini-Giovanardi per dro­ghe leg­gere vadano annul­late

Collocamento obbligatorio, 20 mila posti a rischio nel 2011. Sit-in di protesta

Per evitare la perdita di posti di lavoro serve il sì della commissione Lavoro alla Camera ad una apposita proposta di legge che ripristina la soglia del 7% di quota obbligatoria. Domani sit-in a Montecitorio di associazioni e familiari

Italia: “Guarda che ti riguarda” un progetto a difesa dei consumatori

Foto: Unioneconsumatori.it

È stato presentato in aprile, ma adesso comincia a registrare i primi importanti accessi il sito “Guarda che ti riguarda”. Finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico con i fondi provenienti dalle multe Antirust e realizzato da 5 associazioni del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti: Movimento Difesa del Cittadino, Assoutenti, Codacons, Confconsumatori e Unione Nazionale Consumatori, il progetto ha l’ambizioso obiettivo di favorire l’esercizio dei diritti dei consumatori e promuovere la consapevolezza sulle opportunità  e gli strumenti di tutela in materia di credito al consumo, pratiche commerciali scorrette, telemarketing, servizi turistici e garanzie post-vendita.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment