Referendum anti-Gelmini? Si riapre la discussione 0

UNIVERSITà€ Interesse e dubbi del movimento sulla proposta del manifesto
Bocciare la riforma Gelmini con un referendum è un’idea che il movimento degli studenti, dei precari e dei ricercatori ha valutato alcuni mesi fa quando l’iter parlamentare del Disegno di legge sull’università  sembrava destinato a concludersi in un baleno. Molti mesi dopo, ad approvazione (quasi) conclusa, l’articolo di Ugo Mattei pubblicato ieri sul manifesto ha riaperto la discussione. L’esempio fatto dal giurista torinese è quello della campagna referendaria sull’acqua pubblica, il cui clamoroso successo potrebbe costituire un buon viatico per quella sull’università .

Read More

ACQUA L’allarme di Federutility: «Si rischia il caos normativo» 0

Dal primo gennaio 2011 si profila un «caos giuridico per i servizi pubblici locali» E a rischiare di trovarsi «in un intrigo di norme» c’è soprattutto la gestione dell’acqua, che si trova di fronte alla mancata abolizione degli Ato (Ambiti territoriali ottimali) salvati dal decreto Milleproroghe e le scadenze del decreto Ronchi per l’affidamento della gestione.

Read More

Rifiuti, via al piano di Capodanno Berlusconi: “Così puliremo Napoli” 0

Il premier: “Scendo in campo io, impianti pronti in pochi mesi”.   Accordo a Palazzo Chigi: per cinque giorni aiuto straordinario dalle province campane L’opposizione: “Basta raccontare favole, il governo prenda atto del fallimento” 

Read More

Pena di morte, svolta a Cuba commutata l’ultima condanna 0

L’AVANA – L’ultimo plotone d’esecuzione castrista è stato fermato. A Cuba nel braccio della morte era rimasto solo Humberto Eladio Real Suarez, 40 anni, condannato nel 1996 per aver assassinato un uomo durante uno sbarco illegale sull’isola del gruppo anticastrista con base in Florida del quale faceva parte, il Partido unitad nacional democratica. La Corte Suprema ha commutato ieri la sua fucilazione in trent’anni da trascorrere nel carcere più duro dell’isola, Camaguey, ma con la vita salva.

Read More

Danimarca, sventato un mega-attacco al giornale delle vignette su Maometto 0

Cinque arresti: “Progettavano un attentato stile Mumbai”.  Gli 007 danesi sospettano che l’operazione sia stata pianificata negli Usa

 

Read More

Un regalo di Natale per il Pentagono 0

SPESE MILITARI USA
C’è Natale e Natale. Mentre nel messaggio televisivo dalla Casa bianca il presidente Obama e la First lady, in una calda atmosfera familiare accanto al caminetto, augurano Merry Christmas e «incoraggiano ognuno a sostenere le truppe e le loro famiglie», a New Orleans otto senzacasa muoiono in un edificio abbandonato dove hanno acceso un fuoco per riscaldarsi. Il problema dei senzacasa, testimonia l’attivista di una missione, è peggiorato da quando la città  è stata colpita dall’uragano Katrina nel 2005. Eppure, nel bilancio 2011 i fondi del Dipartimento federale per lo sviluppo edilizio e urbanistico sono scesi a 47 miliardi di dollari rispetto ai 59 di due anni prima.

Read More

Chà¡vez respinge l’ambasciatore degli Stati uniti 0

VENEZUELA Washington minaccia di rompere le relazioni diplomatiche. Sullo sfondo le rivelazioni di WikiLeaks

«Se il governo americano vuole espellere il nostro ambasciatore, faccia pure. Se vuole rompere le relazioni diplomatiche, faccia pure». Nel corso di un discorso ufficiale diffuso dalla tv di stato VTV, il presidente venezuelano Hugo Chà¡vez ha sfidato gli Stati uniti a rompere le relazioni diplomatiche, dopo il rifiuto opposto dal capo dello stato di Caracas di accettare la nomina del nuovo ambasciatore Usa, Larry Palmer. «Poiché abbiamo rifiutato di accettare la nomina di questo signore, il governo americano ci minaccia di ritorsioni. Potrà  provare a fare quello che vuole, ma noi impediremo a questo signore di venire da noi», ha detto Chà¡vez.

Read More

Iran, l’ira del capo dei pasdaran “Ha preso a schiaffi Ahmadinejad” 0

L’ambasciata americana: il presidente chiede più libertà  civili, la Guardia Rivoluzionaria lo contesta 

Il capo della Guardia rivoluzionaria iraniana prese a schiaffi il presidente Ahmadinejad quando questi, dopo le manifestazioni dell’inizio di quest’anno, disse che andavano concesse maggiori libertà  alla popolazione. Lo sostiene in un dispaccio rivelato da WikiLeaks, e pubblicato da El Pais, l’ambasciata americana a Baku, in Azerbaijan.

Read More

Lo scrittore triestino contro il sindaco nero “Poca coscienza nazionale, un cedimento” 0

Boris Pahor attacca il primo cittadino dell’istriana Pirano. La replica di Bossman: sono sloveno nell’anima

TRIESTE – Boris Pahor, scrittore triestino fiero appartenente alla minoranza slovena, sfugge da sempre alle etichette. Non ha paura di dire ciò che pensa anche se non è politicamente corretto. E così, davanti all’elezione a sindaco di Pirano dell'”Obama istriano”, il ghanese Peter Bossman, l’autore di Necropoli va giù pesante: «Se Pirano ha scelto un sindaco nero, uno straniero, questo è sintomo di poca coscienza nazionale e un brutto segno per il Paese». Ma come, proprio Pahor si lascia andare a dichiarazioni in odore di razzismo?

Read More

Giustizia, stop alle banche dati la rivolta delle procure: sarà  paralisi 0

Il ministero: mancano i fondi per i servizi informatici.    Si rischia di bloccare milioni di atti giudiziari. L’Anm: sconfitta per i cittadini 

Read More

“Stretta sulla spesa anche nel 2011” 0

Tremonti avverte i ministri: il rigore sui conti va mantenuto.  Tagli alle spese per consulenze, niente sponsorizzazioni. Dimezzato il budget delle missioni 

Read More

Allarme Istat, una famiglia su tre non può far fronte agli imprevisti 0

Più colpiti dalla crisi i nuclei più numerosi. Nelle regioni del Sud le maggiori difficoltà

ROMA – Cresce nel 2009, insieme all’indebitamento, la difficoltà  delle famiglie di far fronte agli imprevisti. E sono quelle del Meridione a dover fare maggiormente i conti con il disagio e la crisi economica. Lo rileva l’Istat nel rapporto “Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia” relativo agli anni 2008-2009, precisando che le famiglie che non potrebbero far fronte a spese impreviste di 750 euro aumentano dal 32% al 33,3%. Rispetto al 2008 cresce inoltre il numero di chi è in arretrato con debiti diversi dal mutuo (dal 10,5 al 14% di quelle che hanno debiti) e di chi si è indebitato (dal 14,8 al 16,5%).

Read More

Rc auto, a gennaio via agli aumenti l’Isvap frena: “Giù le polizze del 18%” 0

Rivoluzione bonus-malus, addio al tagliando sul cruscotto

ROMA – Il bonus-malus è al tramonto e per il contrassegno assicurativo esposto sul parabrezza è giunta l’ora dell’addio. Sono queste le principali novità  che potrebbero cambiare la vita di milioni di automobilisti italiani a partire dal prossimo anno.

Read More

Banco Popolare, Fondazioni alle grandi manovre 0

Dopo Cariverona anche Caritorino pronta a sottoscrivere la ricapitalizzazione da 2 miliardi.  Tremonti replica alla lettera di Biasi: “Non si deroga alla legge sul tetto azionario allo 0,5%” 

Read More

Fonsai, rifinanziamento più vicino ma Groupama chiede lumi alla Consob 0

I francesi vogliono essere sicuri che il loro ingresso non farà  scattare l’Opa obbligatoria.  In Borsa volano i titoli della galassia Ligresti: Premafin ha guadagnato il 4,8% 

Read More

La Sec indaga sui titoli-ombra dei big di Internet 0

Sospetti di speculazione su Facebook e Twitter, società  non ancora quotate in Borsa.   Dubbi sul rispetto del tetto di 500 soci, la società  di Mark Zuckerberg può anticipare l’Ipo

 

Read More

2011. Così il populismo minaccia la Ue 0

È mutata la realtà , e con questa gli umori: si risvegliano i nazionalismi europei, il protezionismo, la xenofobia. Si diffondono isterici allarmismi 

Read More

L’imperativo è ridurre il debito 0

Secondo le stime del Fondo monetario internazionale, nel 2009 il costo netto del sostegno fornito dai Paesi del G20 per fronteggiare la crisi del settore finanziario è stato pari all’1,7 del Pil (905 miliardi di dollari), mentre gli incentivi fiscali discrezionali hanno raggiunto, sia nel 2009 che nel 2010, il 2% del Pil. Tutti i Paesi dell’Eurozona, tolti Lussemburgo e Finlandia, hanno chiuso il 2009 con deficit fiscali superiori al 3%, mentre in Grecia, Spagna e Irlanda il deficit ha oltrepassato il 10%. In un solo anno il debito degli Stati dell’Eurozona è aumentato di quasi 10 punti percentuali (il 78,7% del Pil nel 2009 contro il 69,3% nel 2008).

Read More

2011. Un Paese diviso su tutto 0

L’Italia entra nel nuovo anno più divisa che mai sul piano sociale, politico e geografico

 

Read More

2011. L’Onu è meglio di ciò che sembra 0

 Sembra quasi che l’Onu oggi abbia due facce. Da un lato è bersaglio di autorevoli critiche perché non sa risolvere tutti i mali del mondo. Dall’altro i Paesi membri e le popolazioni mondiali lo sollecitano ad intensificare più che mai la sua azione: una tendenza, questa, destinata a permanere nel 2011.
Non è difficile capire il perché. In troppi luoghi infuriano conflitti. I disastri naturali colpiscono con maggior violenza e mietono più vittime che in passato. Inoltre si profila una nuova generazione di minacce di portata globale. Nessun Paese o gruppo, per quanto potente, può farvi fronte da solo. Tutti dobbiamo cooperare per affrontare sfide come il cambiamento climatico, la povertà  e il disarmo nucleare.

Read More