Il patto dei sette fratelli ora rischia di spezzarsi

L’unica figlia del Colonnello sarebbe volata con i tre piccoli eredi e la nonna Safia a Dubai dove, secondo il quotidiano Ossanlibya. org, un paio di settimane fa ha acquistato un palazzo. Via Aisha, l’avvocata che fu nel collegio di difesa di Saddam Hussein: «Un leader che ha fatto tanto bene al Medio Oriente ed è stato ingiustamente condannato a morte» . Adesso ci sarebbe un leader da difendere in casa: suo padre. Però con le armi, non con le arringhe. E allora via da Tripoli anche la first lady frugale (rispetto alla collega tunisina Leila Trabelsi) e sempre messa in ombra dalle amazzoni del marito. Via le donne restano i maschi, guerrieri o calciatori, diplomatici o cialtroni. A difendere l’accampamento restano i sette figli del Raìs più il genero Hamid, ufficiale delle forze speciali. Uniti e compatti secondo la propaganda che filtra dalla tenda del capo. Una persona di famiglia ha raccontato al giornale Al-sharq al-Awsat che «il Colonnello non fuggirà  anche se le cose dovessero precipitare. Quando è scoppiata la crisi ha richiamato in patria tutti i figli per fare il punto e decidere cosa fare» . Un Padrino beduino ambientato nel deserto. Ma i figli sono davvero uniti? In realtà  la crisi potrebbe aver allargato le divisioni tra l’ala militarista e quella più riformista della famiglia. Ecco Saif al-Islam, la faccia presentabile del regime, l’unico che abbia osato criticare il padre, l’architetto di riforme più o meno immaginarie nelle cui mani l’Occidente riponeva (e ancora ripone) le chiavi di una morbida continuità  per il dopo Muammar. La Spada dell’Islam, il figlio più moderato malgrado il nome, vanta più entrature nelle ambasciate europee che nei meandri del ministero della Difesa a Tripoli. Si sa che l’esercito (se non il padre) gli preferisce il fratello minore Mutassim, già  colonnello e dal 2010 consigliere per la sicurezza nazionale. Fino a pochi mesi fa si discuteva della lotta di successione tra Saif e Mutassim, tra l’amico di Tony Blair e l’amico dei vari Mukabarat arabi che non disdegna le feste faraoniche. Ora l’immagine che passa dall’entourage del leader mostra i fratelli non più coltelli che lottano per la sopravvivenza comune. Saif in giacca e cravatta, conciliante in tv, Mutassim in divisa dietro le quinte della repressione. Per anni abbiamo seguito i gheddafini scavezzacollo, le bravate europee di Hannibal capace di sprintare contromano per gli Champs à‰lysées a 140 all’ora o di picchiare la servitù a Ginevra finendo 2 giorni in galera e scatenando la rappresaglia del padre, con la Svizzera quasi costretta ad umiliarsi: il Colonnello tuonò che era un Paese mafioso da smembrare tra Italia, Francia e Germania. Adesso è la Libia che si spacca. Nel sangue. Si sta sfilacciando anche la famiglia al potere? Di certo i bulli da reality hanno lasciato i riflettori ai fratelli da battaglia. In ombra il manesco Hannibal e l’ex calciatore Saadi che pure noi siamo riusciti a far giocare in serie A (nel Perugia). Adesso è guerra. Ma non è chiaro se possa essere la diplomazia di Saif al-Islam a salvare il Padrino o la mitragliatrice dell’ultimo fratello, il minore dei sette Gheddafi jr, quel Khamis che dà  il nome e dà  gli ordini a uno squadrone d’assalto.


Related Articles

Arrestato in Estonia Giulietto Chiesa La protesta dell’Italia

Crisi diplomatica per il fermo a Tallin dell’ex eurodeputato Convocato l’ambasciatore a Roma. Nella notte il rilascio

Imminenti nuove esercitazioni navali

Manovre congiunte Israele-Usa, nuovi test iraniani nel Golfo. I militari fanno gli straordinari

Il Parlamento europeo raccomanda: no all’adesione della Turchia

Con 477 voti favorevoli passa la raccomandazione per interrompere i colloqui di adesione di Ankara all’Unione Europea, a meno che la riforma costituzionale super-presidenzialista non venga modificata

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment